Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Morfeo
di Francesco Gitto
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Casa Editrice: Bastogi
Prezzo € 10 - 167 pp.
ISBN 8881856360

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9120
Media 78.63 %



Morfeo

Francesco Gitto, con ammirevole competenza psicologica, ci ipnotizza, fin dall’inizio, con il ben costruito mistero che caratterizza il suo romanzo.
Entriamo insieme a Morfeo nel “Paradiso perduto”, non quello di Milton, ma un paese “dimenticato da Dio”, dove passioni d’amore s’intrecciano con morti misteriose e apparizioni di fantasmi, sullo sfondo di paesaggi tetri e di anime tormentate da incubi e da paure inconsce. Anche noi alla ricerca di un perché, di una spiegazione plausibile alle morti improvvise, alle apparizioni, ma, soprattutto, affascinati dalla dolce e bellissima fanciulla, dalla carrozza nera e dal suo cocchiere, anche noi incuriositi da oscure premonizioni, intrappolati nel vortice di un continuo crescendo di tensione. E’ un iter quello che lo scrittore, a nostra insaputa, presi come siamo dalla narrazione, ci fa seguire per far sì che diveniamo consapevoli, dulcis in fundo, delle paure e dei desideri, che giacciono nelle pieghe più riposte del nostro io, “assetati di felicità. Viaggiamo alla sua ricerca…, Non sempre si può vivere in superficie, qualche volta bisogna andare al fondo delle cose, per scoprire la verità”. Ci ritroviamo, così, impegnati a trovare l’uscita dal verde labirinto della villa degli antenati di Morfeo, avvolta nel mistero, oppure nella “sala degli specchi”.
Morfeo, l’io-molteplice, personaggio inquieto, spinto da un bisogno interiore di renovatio ad affrontare il regno delle tenebre, del disordine, del male, capace di trovare in esso una speranza, di penetrare con la mente il mistero di una spietata, tirannica, oscura forza, protagonista principale, ormai da tante generazioni, della storia del suo casato, quello dei Totig (ci fa pensare al cognome Gitto), desideroso di offrirsi come esempio, novello Prometeo, ad una umanità sofferente, decaduta da una originaria felicità . Lo assecondiamo nei suoi dubbi, nelle sue perplessità. Lo precediamo, a volte, per ipotesi, ma ecco, di nuovo, un altro punto interrogativo.
Morfeo, dio dei sogni, che gli antichi greci e romani credevano fossero messaggi inviati dagli Dei e dai defunti (premonizioni, inganni, ecc.). E’ un po’ difficile distinguere, in quest’opera, l’onirismo dal realismo, grazie all’allegoria, al simbolismo, alle immagini lugubri e alle descrizioni di agenti atmosferici (nebbia, pioggia, vento, ecc.), che immalinconiscono e anticipano, di volta in volta, eventi e stati d’animo del protagonista. Gitto ci confonde attraverso alcuni dei personaggi imprevedibili, indefiniti e cangianti sul piano comportamentale, oppure con il gioco speculare degli anagrammi, come Etnorak o Etrom, signore misterioso e che, nello stesso tempo, manifesta la sua identità attraverso il nero degli abiti e la luce sinistra degli occhi, ma provate a leggere questi nomi da destra verso sinistra… Chiaro, invece, è il riferimento a Venere, bianca come la spuma del mare da cui emerse, “…vidi lei uscire dall’acqua, …in tutto il suo splendore e in tutta la sua bellezza”; una Venere che piange e che sorride e che appare a Morfeo proprio nei momenti più difficili. Tra sogno e realtà, “conviviamo con gli incubi, viviamo mescolati nei sogni, affascinati da ogni loro miraggio”, tra Vita, “un lungo viaggio verso l’Infinito, che scorre come un torrente a volte limpido e chiaro, altre sporco e tortuoso”, e Morte, il “buio più profondo e tenebroso”, campeggia l’atavica lotta tra bene e male, Eros e Tanatos, amore e odio, interiorizzata, attraverso un continuo passaggio dalla fisicità all’io psichico e viceversa, offerta al lettore come rappresentazione di sè: una fabula irreale, dai colori cupi, per un mondo disincantato.
Quella voce profonda, ridondante e lontana, una e molteplice, che, all’inizio e, a volte, alla fine di ogni capitolo, ci mette a conoscenza dell’amara filosofia dello scrittore, che per il particolare editing assume l’aspetto di una voce fuori campo, è la voce di ognuno di noi: “Niente può essere più errato di quello che noi crediamo sia la realtà”.


Una recensione di Simonetta De Bartolo






Recensioni ed articoli relativi a Francesco Gitto

(1) Morfeo di Francesco Gitto - RECENSIONE

Testi di Francesco Gitto pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(10) Laurent di Emanuele Palmieri - RECENSIONE
(11) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
(12) Gatti dal Buio di AA.VV. - RECENSIONE
(13) La Collina di Petrìn di Nicola Platania - RECENSIONE
(14) Fiori di vetro di Antonietta Gnerre - RECENSIONE
(15) Il mercante di eresie di Moneti Andrea - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2007-06-06
VISITE: 15289


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.