Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [02/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il mercato fa la sua legge - Criminalità e globalizzazione
di Jean de Maillard
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Feltrinelli
Prezzo € 6 - 135 pp.
ISBN 9788807710032

Una recensione di Virginia Greco
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5684
Media 78.82 %



mercato fa la sua legge - Criminalità  e globalizzazione;Il

Jean de Maillard, magistrato esperto di transazioni finanziarie e di criminalità organizzata, esamina in questo affascinante trattato filosofico-politico, sintetico e incisivo, la connessione tra criminalità e processi di globalizzazione.

L’incremento dei fenomeni criminali e le profonde modifiche strutturali nell’ambiente dell’illegalità, verificatesi nell’ultimo mezzo secolo, portano ad interrogarsi sulle responsabilità degli attuali sistemi istituzionali. Al giorno d’oggi – fa notare De Maillard -, a differenza di quanto accadeva in passato, tutte le classi sociali sono potenzialmente interessate ad attività criminali e il plusvalore tramite esse prodotto è immenso. La criminalità organizzata si sviluppa e viene gestita in alto, negli ambiti dell’economia, della finanza e del potere, per poi piegare ai propri scopi la naturale propensione a comportamenti illeciti delle classi meno abbienti.

Durante l’ultimo secolo si sono verificati profondi mutamenti nelle strutture sociali, i quali hanno determinato l’evoluzione e la trasformazione radicale della criminalità cui abbiamo accennato. De Maillard intravede il fondamento di tutto ciò nella crisi degli stati-nazione. Questi nacquero nell’intento di ordinare e, in qualche modo, incasellare la vita di uomini che s’identificavano nell’appartenenza ad una certa popolazione e nell’occupazione di un certo suolo. Le istituzioni in questione, dunque, guidavano le persone, offrendo loro una salda struttura all’interno della quale vivere, nonché senso di protezione e identità di nazione. La dimensione sociale veniva gestita e controllata dallo stato tramite la disciplina dei corpi: attraverso le pratiche di insegnamento e la regolamentazione del quotidiano erano promosse, in ambito pubblico, le similitudini sociali (“costanti collettive”). Lo stato-nazione realizzava, nell’opinione dell’autore, un’omologazione dei comportamenti, costringendo la gente a relegare alla dimensione privata tutte le particolarità della vita individuale: le credenze, le opinioni, le scelte e le pratiche personali. Al giorno d’oggi, invece, il verbo neoliberista, che si fa portavoce delle esigenze di libertà, impone che tutto ciò che un tempo era nascosto fra le quattro mura domestiche venga portato alla ribalta e promosso in ambito pubblico. In questo modo, ciò che prevale non sono più le costanti collettive, bensì le distinzioni individualistiche. Questo comporta evidentemente una crisi degli stati-nazione, delegittimati nel loro ruolo di istitutori di un ordine e un conformismo sociale. Pur riconoscendo l’importanza della libertà individuale, ci si accorge che, però, non potendo mettere in pratica una disciplina dei corpi, le istituzioni statali non sono più in grado di garantire identità e protezione alla popolazione. Ciò porta la gente a cercare nuove forme di identificazione, di condivisione di idee e comportamenti, tramite la costituzione di una fine polvere di associazioni che, se da un lato restituiscono alla persona il senso di appartenenza ad un’unità, dall’altro acuiscono gli elementi di distinzione, frammentando il tessuto sociale. Le associazioni criminali non sono altro che grossi e strutturati organismi che fanno leva su alcune esigenze della gente per ingrossare le proprie fila, favoriti dal fatto che la riduzione dello stato sociale (voluta anch’essa dal neoliberismo) ha portato ad un’impossibilità delle istituzioni pubbliche di venire incontro alle esigenze delle classi subalterne.

L’istituzione di divieti e leggi atte a reprimere i comportamenti criminali, del resto, funge da arma a doppio taglio, in quanto porta allo sviluppo del “mercato della trasgressione”: gli ambiti economici proibiti (come commercio di droga, sesso, animali protetti e, addirittura, schiavi) diventano sistematicamente appannaggio e dominio delle organizzazioni mafiose e sono tanto più lucrativi quanto maggiore è il valore che gli stati conferiscono ad essi tramite le proibizioni. Dal canto loro le leggi appaiono sempre meno efficaci, principalmente perché è difficile arginare fenomeni che valicano oramai facilmente i confini nazionali e a causa dell’impossibilità di intervenire nell’ambito privato degli individui.

Queste e altre le ragioni, individuate dall’autore, di uno sviluppo preoccupante della criminalità organizzata in tutti gli ambiti sociali e nei più disparati settori dell’economia, per opporsi al quale appare necessario programmare interventi radicali.


Una recensione di Virginia Greco






Recensioni ed articoli relativi a Jean de Maillard

(1) Il mercato fa la sua legge - Criminalità e globalizzazione di Jean de Maillard - RECENSIONE

Testi di Jean de Maillard pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Virginia Greco

(1) Randagi di Paola Mordiglia - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-06-15
VISITE: 7850


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali