Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [26/11/2020] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    l'essere Armonia scadenza 2020-11-30    Vitulivaria - memorial Gerardo Teni scadenza 2020-11-30    Una Pagina di Vita - Le Parole che non ti ho scritto - scadenza 2020-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La perdita
di Manuela Fraire - Rossana Rossanda
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - BOLLATI BORINGHIERI
Prezzo € 6,50 - 79 pp.
ISBN 99788833918754

Una recensione di Katia Piccinini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10341
Media 79.3 %



perdita;La

L'esistenza? Suggere una goccia di miele da un ramo di rovi

 

Nel maggio scorso l'editore torinese pubblica "La perdita" con la curatela di Lea Melandri che offre a un più vasto pubblico - il testo uscì sulle pagine specialistiche della "Rivista di Psicologia Analitica" nel 2004 - un bello scambio di idee tra Manuela Fraire, psicoanalista e saggista, e Rossana Rossanda.

Il tema che ha dato occasione di confronto alle due donne è quello del "perdere e perdersi", e il costruirsi delle domande e delle risposte le une sulle altre e il procedere, assai ricco, per spunti e riflessioni di eterogenea natura ha, intenzionalmente, la forma del dialogo. E se nasce come dialogo a due per "pensare insieme" il "grado zero della perdita", la morte, già con la post-fazione della Melandri il dialogo si fa a tre voci che si ascoltano e si presuppongono senza ridursi a unico tono: tre differenti adagi su lutto e luttuosità. Va detto, però, che la Fraire e la Melandri restano, ancorché preziose, giusto "discrete accompagnatrici" delle parole della Rossanda perché la coralità, quella verità da sempre attribuita al coro, appare non nella composizione delle tre prospettive bensì nella sola voce della "ragazza del secolo scorso". C'è uno scarto che direi profondamente umano, politico, simbolico, rispetto alle due compresenti, che fa della voce della Rossanda quella protagonista e, in qualche modo, portatrice della verità, cioè della giusta misura sulla cosa. E proprio come il coro offre la visione più ampia e chiara perché umana, così gli interventi della pensatrice sono chiari, sodi e nobilmente umani: pensieri incarnati. Ciò a fronte di due discorsività di genere e, forse, un poco astratte e quindi unilaterali: da un lato, il discorso psicanalitico della Fraire che è colto e attento ma che paga alla scientificità una certa asetticità e la schematicità dell'"Io" e della "identità" come luogo unitario del senso, dall'altro l'intimismo del vissuto raccontato dalla Melandri che si dà come saggia, stoica quasi, comprensione serena dell'esistere e dell'"armonia di sensi e pensiero". Diverso il tenore della Rossanda che riconosce, e accetta, il "suo limite" che è quello di non essere persuasa dall'idea di assenza di conflitto (e dolore) nell'esistere né da quella di armonia tra uomini, dei e natura, e confessa la sua propensione a vedere nella perdita (di persone care, di occasioni, di passioni) un irrimediabile e non rimaneggiabile abbandono. Ciò perché la perdita mutila e non si rielabora mai del tutto; bisogna portarsi dietro le assenze, le morti, le parole spezzate facendo i conti con l'assottigliarsi del senso di resistenza vitale che rende, ogni mattina di più, difficile svegliarsi: «si può imparare a vivere senza l'altro, ma non è vero che si rielabori, nel senso che si superi, la perdita, il lutto... più vado avanti e meno so rielaborala». Certo, quando cerchiamo di portare "di pianto in ragione" la «sensazione che quasi tutto mi sfugge, del prima e del dopo», sentiamo che ogni cosa è al lavoro per la vita e che «qualcosa ti dice oscuramente "Adesso lo puoi fare"» ma non è la soluzione del sentimento luttuoso perché non si addomestica il pensiero della fine e non reggono strategie antimelanconiche (nemmeno la politica). Del resto, la vita è tragica, «di rara soluzione e attraverso molta perdita, e gli eventi non si compongono; la vita stessa è per essenza l'incomponibile di vita e di morte: «o vivi evitando di pensare alla morte o vivi una finitezza che ti nega». Ed è come la tragedia greca che si chiude con la morte del protagonista, cioè non con la soluzione del dramma ma con la sua, spietata, eliminazione: «nella tragedia non c'è un dopo», non c'è alcuna resurrezione. Non c'è perdita se non c'è stato desiderio e sperare nella resurrezione dopo lo strappo significa sperare in una vita senza desiderio, cioè in una vita messa al riparo dalla perdita e dal trovarsi a stringere a vuoto a il vuoto. Ma «se rinasci farfalla desideri il nettare del fiore, se rinasci gatto desideri cibo e coccole» e va accettato il fatto che la morte esercita una incessante molatura della vita e la matura, «ahimè la concima».


Una recensione di Katia Piccinini






Recensioni ed articoli relativi a Manuela Fraire - Rossana Rossanda

(1) La perdita di Manuela Fraire - Rossana Rossanda - RECENSIONE

Testi di Manuela Fraire - Rossana Rossanda pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Katia Piccinini

(1) Rose rampicanti. Appunti di viaggio nelle terre dei trovatori di Ezra Pound - RECENSIONE
(2) Lettere a Felician di Ingeborg Bachmann - RECENSIONE
(3) La schizofrenia non esiste e se esistesse io vorrei averla di Gianna Schiavetti - RECENSIONE
(4) Sirene di Laura Pugno - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-07-11
VISITE: 19818


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali