Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [17/09/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Scribo scadenza 2019-09-18    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza     Le non stagioni del buio di Cinzia Baldini     Non ci sarà tramonto di Doriana De vecchi     MARTA - Ritratto di una donna in punta di matita di Maurizio Canauz    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Marte - Il cavaliere, la morte e il diavolo
di Fritz Zorn
Pubblicato su SITO


Anno 2007 - Capelli Editore
Prezzo € 17 - 224 pp.
ISBN 9788887469516

Una recensione di Simona Sala
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13615
Media 79.59 %



Marte - Il cavaliere, la morte e il diavolo

Le colpe di una famiglia borghese
«Sono giovane ricco e colto, sono infelice, nevrotico e solo». Mai incipit ha rappresentato programma più completo nel volubile mondo della letteratura. Di questo si deve essere reso conto anche Gabriele Capelli, che al momento di ristampare dopo molti anni in italiano il libro di Fritz Zorn sotto il titolo «Marte», ha voluto aggiungervi la prima frase del libro. Leggendo quello che non è esagerato definire una sorta di testamento spirituale e biografico del giovane autore zurighese (morì a soli trentadue anni e non ebbe la fortuna di vedere il proprio libro pubblicato), è facile capire perché suscitò un polverone tanto grande, perché finì sin dal primo momento al centro di accese polemiche e perché si iniziò a leggerlo anche nelle scuole.
Il libro di Zorn è semplicemente destabilizzante e mette in discussione quegli stessi principi su cui si basa la Svizzera, evidenziando il lato oscuro di quelle che nell’opinione comune sono sempre state considerate le virtù cardine della nostra società e di riflesso anche della sua impalcatura economica.

La paura che si fa rabbia

La denuncia di Fritz Zorn prende il via già a partire dal suo cognome: la «rabbia» che gli cresce dentro quando si accorge di quanto è andato irrimediabilmente perduto sostituisce il suo vero cognome, quell’Angst-paura che rappresenta una biografia già di per sé. Fritz Zorn nasce e cresce con quanto di apparentemente migliore si possa desiderare: un’infanzia dorata e protetta all’interno di una famiglia abbiente e assolutamente perbene, dalla parte giusta del lago, quella Goldküste zurighese accessibile solamente ai vip e molto snob verso il resto della città; una formazione letteraria con ottimo esito all’università di Zurigo; molti viaggi; un appartamento nel cuore vecchio della città.
Eppure sarà proprio il perbenismo dei genitori, la loro incapacità di prendere posizione di fronte ai fatti della vita, la decisione di tenersi fuori dalle cose che necessitano uno sforzo di comprensione, a compromettere irrimediabilmente la vita del giovane Zorn-Angst, a minargli alle fondamenta una vita apparentemente iniziata nel migliore dei modi e con tutte le carte in regola.
L’accumulo di frustrazioni, di frasi non dette e azioni non compiute – quelle che definisce «le lacrime non piante» – sommate alle pecche tipiche della società borghese in cui si troverà a vivere, porteranno il protagonista ad ammalarsi fisicamente e psicologicamente, come dichiarato sin dalle primissime righe: «Naturalmente ho anche il cancro, il che, per la verità, dopo quanto ho detto, mi pare una conseguenza abbastanza naturale (...) da un lato si tratta di una malattia organica(...) dall’altro è una malattia psichica» .

Il conflitto con Dio

Nella lucida analisi di Zorn esce un’infanzia totalmente a digiuno dal punto di vista emotivo e di formazione del carattere: per tutta la vita il giovane si troverà a sperimentare la difficile convivenza con l’incapacità comunicativa, con l’inabilità a provare vere emozioni e pulsioni affettive nei confronti degli altri esseri umani, il che lo porterà a vivere in una situazione di totale inadeguatezza sociale: «Non ho mai voluto bene a nessuno (...); Naturalmente non ero normale; naturalmente ero inferiore»(146)
Ma è al termine del resoconto, ossia quando si tratta di trarre le conclusioni da quanto analizzato e scoperto a proposito del proprio passato che Zorn, seguendo un percorso per lui naturale, individua il tema che definisce «essenziale» (215), cioè l’odio per Dio. «Con la mia letale malattia io sono la dimostrazione della malvagità del mondo di Dio e costituisco il punto debole nell’organismo “Dio” che, appunto, come organismo, non può essere più forte del suo membro più debole, cioè io». Il rapporto con Dio è ambiguo, Zorn fa capire di non crederci, ma già solo il fatto di accennarvi con tanta assiduità denota un forte desiderio, quasi un bisogno, che ci sia davvero una forza superiore che in qualche modo giustifichi l’ordine costituito delle cose.
Alla fine del libro, nonostante non l’abbandoni del tutto la speranza di potersi riavere psicologicamente e fisicamente, Zorn si abbandona comunque a una personale interpretazione del suo percorso esistenziale. In altre parole, laddove Dio non ha potuto dare delle risposte valide e soprattutto utili a Zorn, egli si appella a Satana, arrivando a identificarsi con lui: «posso persino identificarmi con Satana, perché, come ho scritto nella prima parte della mia storia, io la mia malattia, il mio cancro, l’ho voluta: ho voluto “essere precipitato nelle buie caverne degli inferi” per essere “altrove”, piuttosto che nel mondo della depressione in cui avevo vissuto i primi trent’anni della mia vita» .
Viene da chiedersi, dopo la lettura dell’ultima frase del libro – «Mi dichiaro quindi in stato di guerra totale», cosa sarebbe stato se Zorn, gli fosse stata data la possibilità di vivere, la sua guerra l’avrebbe vinta. Se sarebbe davvero riuscire a sovvertire l’ordine sociale, ad attuare la rivoluzione di cui si legge tra le righe. Oppure, come è accaduto a molti che hanno combattuto, se sarebbe alla fine rientrato nei ranghi, finendo nell’ingranaggio della società elvetica, che è poi la società di ogni paese occidentalizzato. Un gran libro con il pregio di accendere il pensiero del lettore spingendolo, a tratti anche brutalmente, verso delle riflessioni non sempre scontate, ma soprattutto spesso scomode.

Tratto da “Azione” N. 08/2007 (pag. 26)
PER GENTILE CONCESSIONE: CAPELLI EDITORE


Una recensione di Simona Sala






Recensioni ed articoli relativi a Fritz Zorn

(1) Marte - Il cavaliere, la morte e il diavolo di Fritz Zorn - RECENSIONE

Testi di Fritz Zorn pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simona Sala

(1) La mano di una donna di Patrick White - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-08-04
VISITE: 22586


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.