Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [02/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il Cerchio infinito - Poesie
di Renzo Montagnoli
Pubblicato su SITO


Anno 2808 - Edizioni Il Foglio
Prezzo € 10 - 70 pp.
ISBN 9788876061967

Una recensione di Luigi Panzardi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5659
Media 78.79 %



Cerchio infinito - Poesie;Il

L'ossimoro universale, la locuzione arcana che ha per premessa la nascita e per conclusione la morte, la coppia antitetica: giorno e notte.
Così è questa poesia, fatta di albe tinte da delicate sfumature e sere incipienti, con la malinconia del tempo che va via non senza aver lasciato, ma quasi con leggerezza di rimpianti per il passato, il sapore scuro della morte.
Qui non c'è il prestigiatore della parola, o il bizzoso costruttore di simboli, ma la pur ricca tavolozza di colori del fotografo che usa la macchina dei suoi sensi per riprodurre la realtà tal quale.
Potrebbe esserci, tuttalpiù, il commosso patologo che col bisturi incide delicatamente nervi e fibre, per trarne l'arcano scorrere del tempo, lo scorrere sempre verso la stessa infallibile meta dell'essere che si consuma in un immanentemente non essere, la materia del corpo che si diffonde fra le infinite particelle cosmiche, nel nero degli inesauribili cicli della materia; nei versi l'uomo, essere fissile e consapevole d'essere predestinato a perdere, dopo ogni rinascita, con la sua coscienza, sé stesso.
Non è che la poesia discetta dei misteri cosmici, rappresenta bensì il microcosmo dei sentimenti umani, di cui l'afflizione derivante dalla impossibilità di svelarsi il significato della vita, e lo fa con la delicatezza di un bambino che batte con dita fragili i tasti di un pianoforte:

i microscopici tasselli
di un ordine ignoto
umili parti di un disegno
troppo immenso
per esser capito.

Le parole scarne sono scelte con cura tra quelle più semplici, perchè ad esse è affidata la rappresentazione della nebbia esistenziale che un lessico raro renderebbe assurdamente ancor più misteriosa. Proprio per questa funzionale semplicità la poesia ha il fascino mite della fotografia in chiaroscuro, pacatamente eterea, e si universalizza, narrando l'avventura umana senza fronzoli, ma anche senza invettive. E' inutile sperare di trovare in questi versi i forti accenti della ribellione, i parossismi del condannato a morte. Al contrario si sente tra queste parole la forza dell'uomo che condivide il suo essere deperibile, del fotografo consapevole della ineluttibilità del meccanismo scenografico. Le albe, i tramonti, le nebbie stillanti umidi ombrosi, i soli e le lune nel loro eterno avvicendarsi, sono tutti gli elementi del teatro in cui l'attore svolge l'antica funzione corale del raccontare la drammaticità degli eventi, sullo scorrere dei quali sente intieramente la sua incapacità d'intervenire.
Emerge, quindi, da queste poesie, evidente la finitezza dell'uomo, il suo impregnarsi di malinconia alla fine di ogni stagione. I giorni s'involano, come l'anima, quando sempre puntualmente giunge la sera a cancellare i colori ed a fermare le ore:

C'è solo attesa
in ore scadute
lenti i rintocchi
di un pendolo
senza più carica.

Il tempo si pone in attonita sospensione, si fa d'un vuoto immobile in cui i rintocchi d'un pendolo, isolati e scanditi nella rassegnazione dell'attesa, ci portano il sapore amaro e freddo della fine.
Il poeta, e con il poeta l'uomo, l'essere umano in genere, percepisce il vuoto infinito allignato dietro il pensiero della morte, e vi galleggia sentendosi via via invadere da un dolore ancora più sottile ed affilato, quello della solitudine. Infatti, nei versi di queste poesie non ci si imbatte con la gente che s'imbratta di casi quotidiani, ma con l'uomo isolato nel suo dramma che, terminato il filo dei giorni e delle notti, sente sul volto avvcinarsi l'alito gelido e nero del mistero assoluto.
E al cospetto di questo, nella scarna luce delle sere, dopo i tenui colori dei tramonti, ci troviamo soli: noi e l'eterno in arrivo.
Il vento che scorre tra le parole dei versi è un andirivieni per l'infinito, come solo in un cerchio può accadere. Parole semplici per descrivere scene che si ripetono infinite volte, ma che ogni volta suscitano sensazioni diverse, come accade nel leggerle ripetutamente.

I versi stessi dell'autore per me sono una sintesi efficacissima della sua poesia:

Un'unica nota, un rintocco
a volte lieve, a volte forte,
ma tante melodie.
Senza tempo.

E sono melodie carnose, modulate sul fluire del sangue per le vene, che evocano, come giunti sul ciglio dell'estrema avventura, l'inafferrabile passato dell'esistenza, quello familiare, il nostro più intimo e privato, carico di una nostalgia infinita.


Una recensione di Luigi Panzardi






Recensioni ed articoli relativi a Renzo Montagnoli

(1) Il Cerchio infinito - Poesie di Renzo Montagnoli - RECENSIONE
(2) Il cerchio infinito di Renzo Montagnoli - RECENSIONE
(3) Le vele di Astrabat di Antonio Messina - RECENSIONE

Testi di Renzo Montagnoli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Luigi Panzardi

(1) Sizilianische Weltanschauungen di Salvatore Giordano - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-09-29
VISITE: 10072


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali