Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [20/01/2021] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Storie Vagabonde scadenza 2021-01-24    LUCENERA scadenza 2021-01-24    Parole e Poesia scadenza 2021-01-30    12 CONCORSO LETTERARIO CITTA DI GROTTAMMARE scadenza 2021-01-31    BANDO CONCORSO LETTERARIO PER SCRITTORI E POETI EMERGENTI scadenza 2021-01-31    "Romanzi con le ali" scadenza 2021-01-31    Premio InediTO-Colline di Torino scadenza 2021-01-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Edizione Speciale Online per Il Mitreo - CORVIALE URBAN LAB (EVENTO 2021-01-31)    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Secolo grottesco di Luca Baratta     Un giorno allo Stibbert di Luca Baratta     Profondità d’autunno di Gabriela Verban     Sette poemi di Mervyn Taylor, tradotti da Susana H. Case di Susana H. Case     Dresda 2006 di Luca Baratta    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Salmi metropolitani
di Michele Brancale
Pubblicato su SITO


Anno 2009 - Edizioni del leone
Prezzo € 11,00 - 176 pp.
ISBN 8873142591

Una recensione di Maria Pina Ciancio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10687
Media 79.67 %



Salmi metropolitani

Perduta la sembianza d’uomo,/ fermo a una sbarra/ di stanchezze e speranza (Turoldo)

«Salmi metropolitani» è un libro testimonianza, un libro denuncia, ma soprattutto un libro di dedizione poetica, che si fa invocazione, supplica e preghiera, come un abbraccio silenzioso, benevolo e rassicurante.
Dopo La fontana d'acciaio (Ed. Polistampa, 2007) questa nuova raccolta di Michele Brancale si pone fin dal titolo, sotto una connotazione estremamente attuale, contemporanea, impegnata su più fronti: quello sociale, politico, umano.
La silloge nasce da un’urgenza e da una necessità (condivisa), dal bisogno di far emergere dai sotterranei, una voce (poetica) nell’assoluzione delle sue funzioni più alte (di umanità e umiltà), in un mondo frastornato e stordito dal chiasso, dal rumore, dalla fretta e dalla confusione.
Nel silenzio della pagina bianca si stagliano prepotenti fatti e storie di vita quotidiana, quelle che riempiono di cronaca nera i giornali e i TG di ogni giorno “guarderemo sullo schermo della tv,/ seduti, la bomba che ci entra in casa” (p.37), ma c’è anche la politica (la cattiva politica), la guerra, i resoconti della storia, il malaffare e un esercito di diseredati, di poveri, di abbandonati a se stessi, accerchiati dal laccio dell’indifferenza e della solitudine.
Quello che tristemente emerge dai versi di M. Brancale è una verità cruda e attuale: l’incapacità di non sapere più vedere, più ascoltare. E neppure riconoscere nell’altro qualcosa che ci assomiglia, che è anima, desiderio, sofferenza, solitudine, speranza.

(…) Di giorno
ovunque, c’è un Cristo minimo, basso,
dal volto bambino, che ha tutti i sogni
dei suoi coetanei, ma fa elemosina
ai semafori, talvolta si vende
(p. 158)

Fa da sottofondo ai versi una città grigia, anonima (aggredita da passi frettolosi, dal frastuono, dalle onde magnetiche dei cellulari). E’ lì, tra le strade, le piazze, i binari della ferrovia, il verde interrotto dai tralicci, i tetti di eternit, che avviene l’esodo di un popolo inconsapevole (consapevole?), incosciente e cieco. Accecato da se stesso, dall’orgoglio, dalle leggi del potere e del mercato “Affacciandosi alla terrazza interna/ dell’ultima casa, guardando indietro/ verso la città, siamo sulla prua,/ all’estremità: la nave incagliata” (p. 60).
Eppure, sembra dirci M. Brancale, la salvezza c’è, esiste. Viene dal “recinto delle piccole cose” (p.8) da “una voce nella sosta” (p.6), viene dal confidare e dall’affidarsi in preghiera (a quel Dio “sconfitto”, senza braccia e non visto, non riconosciuto). A quel Dio che sa risorgere sempre. Al miracolo che si compie inaspettato per strada.

“ (…) dai cavalcavia,
osservando i treni veloci in corsa,
riassaporo il valore di stazioni
anche piccole, le aree di sosta
dove chiami qualcuno che è passato
e allora avviene anche il miracolo”
(p.143)

L’autore non finge, fugge, non passa dritto, la sua parola poetica, così turoldiana (così vicina al misticismo), entra nelle cose, si pone in ascolto, a servizio dell’essere. Ad ogni “stazione” (una croce), un impegno di umiltà, un disvelamento. La grazia e la luce che si sollevano in leggerezza, in una nuova rinascita.

“L’uomo che ama la sua città non finge
Le proprie strade altrove. Vive dove
Sta un corso di pensieri radicato
Nel volto di chi incontra, nel cammino.

Fatti accanto al fratello dissipato
Nutrilo di parole personali:
da ramo secco riprende vigore”
(p.142)


Una recensione di Maria Pina Ciancio






Recensioni ed articoli relativi a Michele Brancale

(1) Salmi metropolitani di Michele Brancale - RECENSIONE

Testi di Michele Brancale pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Maria Pina Ciancio

(1) Lo spirito della poesia di (a cura di Alessandro Ramberti) - RECENSIONE
(2) Migratorie non sono le vie degli uccelli di Fernanda Ferraresso - RECENSIONE
(3) Mio padre racconta il Novecento di Teresa Armenti - RECENSIONE
(4) Canti di Luce di Pascal D'Angelo - RECENSIONE
(5) Son of Italy di Pascal D'Angelo - RECENSIONE
(6) Pasolini tra Pascoli e Baudelaire di Pierino Gallo - RECENSIONE
(7) Radici di vento di Maria Luigia Iannotti - RECENSIONE
(8) Trilogia della Somalia Musulmana di Lina Unali - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-06-10
VISITE: 20392


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali