Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [20/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mia Cara Elen
di Mara Montagner
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Editing Edizioni
Prezzo € 13,00 - 150 pp.
ISBN 9788860941121

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5916
Media 79.3 %



Mia Cara Elen

Una giovane donna in cerca di risposte, di una sua collocazione, delle sue origini e della sua storia personale e familiare ed una città: Venezia, unico indizio ricavato dalle lettere che hanno segnato la sua giovane esistenza. Non poteva esistere migliore e più ideale ambientazione per il romanzo d’esordio di Mara Montagner, “Mia Cara Elen”, la cui trama scorre e si dipana lungo le strette viuzze e le ombrose calli della magica città lagunare. La vicenda narrata è un tema classico e caro a molti autori ma la specifica che rende originale questo romanzo rispetto alla moltitudine, e il motivo per cui ne consiglio la lettura, è, in primo luogo, per il sapiente gioco di luci e di ombre, di nebbie e di sole, che l’autrice riesce ad alternare nella narrazione non solo a livello meteorologico ma anche attraverso i personaggi i quali appaiono sulla scena, inizialmente vividi e reali e, poi, lentamente sfumati senza mai, però, sparire in maniera definitiva. Il secondo motivo, per l’indovinato “sdoppiamento” necessario ad assecondare la progressione della storia. La singolare divisione che si staglia netta e puntuale tra ciò che riguarda gli aspetti più propriamente tecnici, come l’impaginazione o il carattere di scrittura, e, più di tutto, tra prosa e poesia. Una regia sapiente, insomma, che riesce ad evidenziare la sconvolgente lotta che dilania l’anima e la mente della protagonista, la quale si trova a voler dare soluzione agli infiniti perché riguardanti alcuni aspetti oscuri della sua vita, rimasti irrisolti fin dall’infanzia; sostituire certezze ormai non più tali e dare voce ai lunghi silenzi di una madre fisicamente presente ma emozionalmente distaccata e lontana. Da questo rapporto di amore e odio, indifferenza e abitudine, consumato nei confronti della genitrice, scaturisce, pressante, il bisogno di mettersi in viaggio per rintracciare il padre mai conosciuto. Una lacerante e dolorosa ricerca che diventerà il percorso della sua personale via crucis in cui i ricordi, i rimproveri, i rimpianti, i rimorsi, i pensieri mai espressi e le colpevoli omissioni, ne saranno le stazioni. Una divisione in due parti dicevo, in cui in una prende forma il racconto vero e proprio, dove il lettore viene informato in brevi e concisi paragrafi, attraverso un linguaggio scorrevole e fluido, sugli avvenimenti trascorsi o che avverranno, una sorta di colonna sonora che sottolinea o anticipa, con un adagio o un crescendo di note, gli eventi che saranno sezionati, analizzati e metabolizzati nell’altra la parte, nella zona dell’introspezione, della riflessione intensa. Ed è proprio qui, dove il linguaggio diventa più elaborato, spesso aulico, che l’ispirazione poetica di Mara Montagner si sublima e assume le caratteristiche di suggestiva liricità. Dove con la ripetizione cantilenante ed ossessiva di alcune parole o di intere frasi, le emozioni si trasformano in sentimento e i pensieri più profondi vibrano palpitanti tra le righe e ghermiscono il cuore e l’immaginazione di chi legge. Ho immaginato il racconto narrato sommessamente dall’autrice per permettere al lettore di ascoltare, insieme a lei, la voce della città di Venezia, ossia il sussurro della marea che gorgoglia e scorre, come linfa vitale, nelle strade, sotto i ponti, al di sotto delle case, fin nei più reconditi recessi per poi lentamente fluire, quasi per osmosi, nelle vene della giovane americana. Elen infatti è nata a New York ma concepita, ed è questo che scoprirà, in Italia in seguito ad una violenza di cui è stata vittima la madre. Quando la marea, dopo aver coperto tutto e dato la sua forma agli oggetti che incontra nel suo scorrere, tornerà verso il mare, non porterà Elen con sé. La giovane, infatti, dopo esserne diventata parte e trascinata sul fondo, imparerà ad elevarsi al di sopra di essa. Quando riemergerà dai gorghi ribollenti, porterà con sé la consapevole certezza di non dover cercare oltre la sua storia. L’antica città lagunare le ha svelato l’arcano, le ha restituito il tempo trascorso, il suo passato ma allo stesso tempo, dopo la catarsi finale, impensabile e inattesa, ha permesso la sua rigenerazione infondendole una sottile speranza, una nuova promessa di felicità.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Mara Montagner

(1) Mia Cara Elen di Mara Montagner - RECENSIONE

Testi di Mara Montagner pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(3) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(4) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(5) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(6) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(7) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(8) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(9) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(10) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(11) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(12) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(13) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(14) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Io e Simone di Valerio Nasetti - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-07-23
VISITE: 8529


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.