Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [20/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nel vento e nella polvere
di Valeria Zangrandi
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - I Sognatori
Prezzo € 11,50 - 112 pp.
ISBN 9788895068107

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8875
Media 79.34 %



Nel vento e nella polvere

L'attesa. Infinita, immensa, interminabile, lunga come la vita e una giovane donna che attende: "Silenzio, in casa. Lei c'è, ma forse si è addormentata, accoccolata su se stessa, sprofondata nella sua vecchia poltrona. O forse è fuori, in veranda, a guardare gli stormi di uccelli che cacciano via l'inverno. Magari con una tazza di tè bollente in mano. Magari. Comunque è lì nei dintorni. Da casa non si allontana mai, perché lui potrebbe arrivare da un momento all'altro e non può rischiare che non vedendola, se ne vada. E lei sa di non poter assolutamente permettere che ciò accada." L'incedere. Un uomo, un vecchio, in cammino, in perenne ricerca dei ricordi: "Ogni passo ha la lentezza di un mondo che nasce, vive e muore, una lentezza che sfiora l'eternità. Ascolta il suo corpo stanco, il vecchio, il suo corpo che per tutta una vita l'ha sorretto nella sua vocazione di camminare, corpo che solo tardi ha imparato a ringraziare, perché la giovinezza vive nella presunzione di una qualche forza sovrumana, e il corpo è contorno scontato, ha l'invisibilità dell'ovvio, e solo dopo si capisce la grandezza della presenza, la sacralità di ogni fibra. Solo dopo". E tra la solitaria attesa della donna e il vagare interminabile dell'uomo c'è lo scorrere lento delle loro esistenze. Ognuno vive la propria vita per suo conto, ognuno secondo la propria personale caratteristica si confronta con la realtà che lo circonda. Sarà fragilità interiore e incapacità di dare un senso compiuto alla propria quotidianità per lei, continua ricerca e sete inesauribile di conoscenza per lui. Rifiuto per lo scorrere del tempo e conseguente tributo di sofferenza intima e lacerante che dilania l'anima e la mente, per la prima e, adeguarsi assecondandolo con spirito positivo, per il secondo. Il risultato finale dell'equazione che ne scaturisce è che l'uomo sta alla donna come il movimento all'immobilità, il moto perpetuo all'inerzia totale, il vento alla polvere.... Questi gli ingredienti del romanzo d'esordio di Valeria Zangrandi la quale, con una regia sapiente, riesce ad amalgamare in un lavoro originale e adeguatamente articolato il contrasto tra i ricordi, i rimpianti, l'ansia e l'amarezza di una vita non vissuta, costruita su alienanti certezze e estranianti, patologici silenzi da cui erompe, pressante e compulsivo, il bisogno di scrivere, alle esperienze concrete conquistate sul campo, ai pensieri maturati dall'osservazione degli avvenimenti, alle conclusioni dovute agli approfondimenti nati dal calarsi completamente nella realtà. È d'uopo sottolineare, comunque, che la suddivisione è solo apparente in quanto l'autrice, riesce a dare ai suoi personaggi una ferrea coesione emozionale, marcata nitidamente dalla ripetizione frequente di parole, frasi o periodi che conferiscono al ritmo della lettura, prima, e all'intero romanzo, poi, una suggestiva incisività narrativa. Il "non essere" di lei e l'"essere concreto" di lui confluiranno paralleli attraverso salti temporali e un linguaggio non di rado poetico, verso il finale dove la metafora insita nella figura ingenua e fresca della bambina alleggerisce la gravosità dell'impatto causato dalla presa di coscienza dell'inutilità della lotta contro il tempo traditore e menzognero e l'ineluttabilità del presente. Ma, quando la realtà risulta opprimente e sembra schiacciare tutti sotto il suo peso ecco giungere liberatorio e catartico il sogno: "Le scarpette viola sono abbandonate sul bordo della strada. Una è rovesciata. I suoi piedi nudi seguono un sentiero immaginario nell'erba umida. Le braccia tese, come fossero ali, a sfidare il vento. Niente magie, ora. Niente invenzioni a distrarre quel volo così meravigliosamente umano da sporcarle i piedi di terra. Ogni realtà è accantonata nell'impellenza del sogno". Ed è proprio nella fantasia della visione onirica, che infrange ogni vincolo spazio/temporale, che ognuno può trovare la sua esatta dimensione e la definizione della sua libertà. "Nel vento e nella polvere" di Valeria Zangrandi è un libro che mi permetto di consigliare a tutti gli amanti della buona lettura perché tra le sue pagine non si troverà nulla di banale e niente di scontato.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Valeria Zangrandi

(1) Nel vento e nella polvere di Valeria Zangrandi - RECENSIONE

Testi di Valeria Zangrandi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(3) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(4) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(5) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(6) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(7) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(8) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(9) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(10) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(11) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(12) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(13) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(14) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Io e Simone di Valerio Nasetti - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-04-22
VISITE: 12662


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.