Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Giochi di fuoco
di Tommaso Alibrandi
Pubblicato su SITO


Anno 2009 - Editore Manni
Prezzo € 20 - 328 pp.
ISBN 9788862661898

Una recensione di Norma Stramucci
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12189
Media 79.8 %



Giochi di fuoco

Di fronte a Mercurio che si è appropriato delle sue sembianze, Sosia, nell’Anfitrione di Platone, scruta se stesso; e avere dinnanzi il proprio doppio lo spaventa, dal momento che equivale a dare corpo al fantasma la cui esistenza è possibile solo con la morte.

I due temi: quello del sosia e quello della morte, sono la struttura su cui poggia il romanzo di Tommaso Alibrandi, Giochi di fuoco, Manni, 2009. Due i protagonisti dunque, uno sosia dell’altro, senza che uno abbia preso il posto dell’altro. Non si tratta quindi, per quel che riguarda l’opera di Plauto, che di una somiglianza esteriore. Ed esteriore è anche il riferimento al famoso personaggio di Dostoevskij, Goljadkin che, sull’orlo della schizofrenia, incontra il sosia con il quale coincidono il nome, l’esperienza, l’età. Siamo semmai più vicini, nel romanzo di Alibrandi, a una sorta di Edipo che crede di essere «uno» e si scopre «un altro», solo che ignoriamo, e lo ignorano gli stessi protagonisti, quale dei due sia l’uno. E’ nella morte che il dilemma si dissolve, che svanisce l’idea di un doppio, che la dissociazione scompare e l’esistenza vissuta diventa una, solamente una.

E prima, mentre le due vite sono narrate, al lettore mai è concesso un dualismo affettivo, di sentirne familiare l’una ed estranea l’altra.

Appare il tempo il vero protagonista del libro, un tempo che ritorna su se stesso, che non può non ricondurre alle teorie bergsoniane: la successione non è una linea continua. E infatti l’affermazione del filosofo, nella Evoluzione Creatrice del 1907: «Per un essere cosciente, esistere significa mutare, mutare significa maturarsi, maturarsi significa creare indefinitamente se stesso» si adatta perfettamente al romanzo di Alibrandi.

Il tempo si adagia anche sui luoghi, la catena delle Madonie, Cefalù soprattutto, le sue usanze, la sua mentalità; sulle donne amate: Costanza-Blanche, sui numerosi altri personaggi, ognuno dei quali ha ben delineate le proprie peculiarità (lo zio prete come Balduino).

In questo romanzo, la cui tenuta di scrittura è sorprendente, tanto più se si considera che Alibrandi fonde anche vari generi: la memorialistica, priva di retorica e asciutta, il romanzo storico, il giallo, persino, la costante è forse l’enormità dei fatti narrati, dei pensieri espressi; e ciò ne rende pressoché impossibile riportarne un sunto: è come se ogni elemento fosse una scintilla dei giochi di fuoco –i fuochi artificiali- e dunque, pur essendo parte dell’effetto totale, sarebbe illogico volerla ammirare da sola, avere la pretesa di distinguerla dalle altre.

Sono appunto i giochi di fuoco a dare il titolo, ma anche il fuoco è come se avesse il suo sosia. Infatti “è una medaglia a due facce. Come non c’è morte senza la vita, così la vita non avrebbe senso se non giungesse a termine.” (p. 317) Per questo l’intreccio non poteva che terminare, ma circolarmente, dal momento che la fine è prospettata già dalla Premessa, con un approdo: la bocca del Mongibello.

I giochi di fuoco dell’uomo assumono una nuova valenza quando ad essi partecipa, con i propri, il cratere del vulcano: “A qualche centinaio di metri sotto di lui, dal grande cratere erompeva un incendio sovrannaturale, lingue di fuoco s’alzavano verso il cielo, ed ogni tanto –con un roco boato che faceva tremare la montagna- la terra eruttava colonne di fumo e di lapilli. Il cuore della terra si liberava dell’energia in eccedenza e, come al gioco dei fuochi, tutta quella manifestazione di forza era promessa della continuità della vita.


Una recensione di Norma Stramucci






Recensioni ed articoli relativi a Tommaso Alibrandi

(1) Giochi di fuoco di Tommaso Alibrandi - RECENSIONE

Testi di Tommaso Alibrandi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Norma Stramucci

(1) Il rovescio del dolore di Luigi Socci - RECENSIONE
(2) La distanza da compiere di Danilo Mandolini - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-05-07
VISITE: 21459


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.