Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Lavoro e altre piccole tragedie
di Marco Di Pasquale e Federico Zazzara
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Pendragon
Prezzo € 14 - 162 pp.
ISBN 9788883428142

Una recensione di Paolo Talanca
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14252
Media 79.64 %



Lavoro e altre piccole tragedie

Il libro Lavoro e altre piccole tragedie di Marco Di Pasquale e Federico Zazzara è un prosimetro formato da dieci poesie (del primo) e dieci racconti (del secondo). Parla di lavoro. Come ne parla? Parlando d’altro, cioè di quella contingenza costruita tutt’intorno: la vita. Il tutto è preceduto da una preFazione e una Fazione, con la postFazione nella forma di una chattata tra i due autori.

I dieci racconti e le dieci poesie sono nominalmente organizzati per parlare ognuno di un mestiere differente, ma nella lettura ci si accorge che è la vita a scandire i ritmi del lavoro, non viceversa, tanto da dar forma a una specie di Resistenza umana. 

Paradossalmente, ancora, questo succede più nei racconti che nelle poesie, che invece – almeno all’inizio – sembrano più incentrate sui vari mestieri. Si crea così una sorta di intreccio di competenze: ci si potrebbe aspettare che la poesia, in quanto lirica, sia più portata a parlare di vita, aspettative e desideri rapportati al lavoro, quando questo è schiavitù o genuino scandire, mentre alla prosa dovrebbe essere lasciato il compito di descrizione, naturalistica e ‘quotidiana’ del lavora-consuma-crepa. Non è così: non è questo che si vuol dire nel libro e non è così che lo si dice. D’altra parte, questo scambio di ruoli nei temi è di nuovo rovesciato nel linguaggio usato, che torna a farsi più classico. Se infatti Di Pasquale nelle poesie è ironico, dissacrante e logocentrico – metalinguistico in ogni intenzione creativa –, Zazzara è ovviamente più drammatico e chiaramente narrativo, dosando i cambi di registro: poesia e narrativa insomma riprendono in mano le proprie armi nella forma, dopo essersele scambiate nei contenuti, tanto da creare un rapporto dialettico al quadrato.

Nelle poesie si può rintracciare un percorso che va dalla scomposizione tematica e formale a una nuova riscrittura del mondo e del pensiero sul lavoro. Se il tema assolutamente centrale del libro è quello della competenza nel proprio lavoro – concetto a cui torneremo più avanti –, Di Pasquale parte dalla confusione dei ruoli in poesie come Giornalaio giornalista o Il medico e lo stregone, che sono bozzetti per evidenziare cosa non va. Per la forma, il poeta si preoccupa prima di destrutturare il linguaggio, così da far comprendere successivamente questo centro tematico con le proprie armi; è questo che succede in Arter e soprattutto Arter 2: Di Pasquale, tramite la forma, indica al lettore il fatto che il linguaggio della poesia – inteso proprio come codice – è altro dalla comunicazione verbale solita, usando i sintagmi come fossero elementi unitari, rimandando tutto all’unità morfologica non necessariamente convenzionale, deliberatamente accostabile per esempio a una linea per il linguaggio pittorico, a un morfema per una parola, a una lettera per un morfema e così via. Di Pasquale si muove per aggregazione di unità della sintassi, decostruendo in vista di una successiva ricostruzione secondo le regole e il punto di vista del linguaggio poetico. E la decostruzione completa si ha proprio nel passaggio da Arter ad Arter 2, abbattendo anche l’ultimo residuo rappresentato dalla metrica. Si è decostruito, ora si può ricostruire, in una strada che porterà dritta all’ultima poesia, Ode al lavoro, vero manifesto del volume, con tematiche precise, linguaggio poetico e con la metrica convenzionale delle sestine pariniane.

Di pari passo, il tema della competenza è argomento centrale in diversi racconti e senza dubbio in quello che forse è il principale: Utòpia. In Utòpia prende forma una figura indispensabile come quella del Maestro: Zazzara fa intendere che, in un mondo ideale, è del tutto consequenziale fare il lavoro per cui si è portati, in cui si riuscirà a raggiungere prima e meglio di altri la competenza. A decidere questi ruoli, a indirizzare il futuro e a dispensare competenze saranno i Maestri, coloro che un tempo ebbero quelle competenze da altri, in una tradizione che recupera il concetto etimologico di ‘consegna, trasmissione’. Proprio la consegna di competenze, la possibilità di farlo grazie alle caratteristiche di ciascun lavoro, distingue i lavori imprescindibili – quelli che da millenni mandano avanti la storia dell’uomo – dagli altri, nati esclusivamente per salvaguardare il Potere che si autoalimenta: così all’interno ci sarà un respiro diverso nei racconti che parlano di un falegname o di un panettiere, piuttosto che di un operatore di call-center o di un Presidente.

Questo percorso porta dritto a far confluire poesia e prosa, fino all’ultimo verso dell’ultima poesia: oste, carpentiere, contadino, a loro è dedicata l’ode, l’intero libro, la fatica di riscrivere il mondo col linguaggio dell’arte:

A voi, ed agli altri artisti,
alzo la pariniana
lode! No ai nichilisti
che attentano alla sana
operosità. Sia
laudata maestria.

Non è un caso, dunque, che il libro si chiuda con questa parola: maestria. Arrivare alla poesia Ode al lavoro con questi presupposti vuol dire avere la volontà di sgomberare il campo da tutti i pregiudizi sul lavoro: il lavoro è orripilante quando diventa schiavitù, e la strada che accenna anche solo con lo sguardo a tendere allo sfruttamento è vomitevole, ma per identificare quella strada è indispensabile capire in che modo il lavoro descrive gli uomini, in che modo fa parte degli uomini dal tempo dell’oro ai nostri giorni. I due autori utilizzano un libro intero per arrivare all’ultima poesia. Cardarelli scriveva in Dati biografici (Prologhi, 1913-14) «All’innocenza ci sono dovuto arrivare». È precisamente quello che fanno Zazzara e Di Pasquale: per smentire la Tragedia del titolo hanno destrutturato il linguaggio perché non ci fossero fraintendimenti, hanno intrecciato temi e contenuti dei propri personali modi di espressione, infine hanno esaltato i due concetti chiave della competenza e della maestria. Solo con la competenza il lavoro non si trasforma in tragedia, evitando lo sfruttamento. Avere una esclusività, saper far bene il proprio mestiere permette di pretendere di non essere sfruttati. Non è il lavoro che rende liberi, ma la consapevolezza della propria capacità di saperlo fare bene e diventare indispensabili per la società, per fare e tramandare.


Una recensione di Paolo Talanca






Recensioni ed articoli relativi a Marco Di Pasquale e Federico Zazzara

(1) Lavoro e altre piccole tragedie di Marco Di Pasquale e Federico Zazzara - RECENSIONE

Testi di Marco Di Pasquale e Federico Zazzara pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Paolo Talanca

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-06-09
VISITE: 21559


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.