Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'odore del pane
di Sandro Orlandi
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Montag
Prezzo € 14,00 - 166 pp.
ISBN 9788896793015

Una recensione di Rosella Rapa
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6903
Media 79.41 %



odore del pane;L'

L’Odore del Pane Romanzo di Sandro Orlandi Due Paesi di Montagna, Albe e Vallier, si fronteggiano dalle due sponde di un torrente in secca. Nati alla fine del XVIII secolo, poco dopo l’anno 1800 vengono completamente abbandonati: oggi ne restano solo le rovine, insieme a quelle di antico convento, poco più a valle. Perché, si domanda una coppia di turisti d’oggigiorno? Questo è l’inizio di un romanzo estremamente originale, sia nella trama, sia nello svolgimento. Partendo da luoghi esistenti, e da fatti realmente accaduti, Sandro traccia con grande abilità una storia di intrighi, passioni, delitti, che affonda le sue radici addirittura nel tardo medioevo e terminerà solo ai giorni nostri. Anziché cadere nella facile trappola del romanzo storico (noioso) o pseudo-storico (banale); Sandro si avventura con perizia attraverso diversi piani narrativi, da cui presto prendono corpo due vicende apparentemente distinte, ma destinate a ricongiungersi: la prima è ambientata intorno all’anno 1800, l’altra, ai giorni nostri, circa 200 anni dopo. Parlarvi troppo della vicenda stessa, e di come si muovano al suo interno i numerosi personaggi, sarebbe togliere al romanzo la sua forte carica di drammaticità, costruita attraverso il mistero, i sogni, i ricordi di passioni, di odii, di delitti. Preferisco quindi citare alcuni elementi che mi hanno particolarmente colpita. E’ difficile individuare un protagonista assoluto: direi che si tratta piuttosto di un romanzo corale, di gruppo, dove ogni personaggio è tratteggiato brevemente, ma con molta efficacia, sia nel suo aspetto fisico, sia nel carattere. Un particolare inconsueto: sono tutti chiamati per nome. Non abbiamo quindi il curato, la badessa, l’oste, lo straniero, i visitatori; bensì nomi propri, per tutti, dal primo all’ultimo. Il lettore si trova così immediatamente trascinato nella loro quotidianità, anche nella loro intimità, tanto che sembra di conoscerli da sempre. L’alternarsi dei due momenti storici, permette a Sandro di descrivere la vicenda più antica senza perdersi in troppe considerazioni esterne, ma andando dritto al pensiero e allo stato d’animo dei protagonisti, attraverso dialoghi serrati e personalissime riflessioni. L’ambientazione, la descrizione del paesaggio, il turbinare degli eventi storici, sono delegati ai nostri contemporanei, che li ricostruiscono attraverso ricerche d’archivio, facendo un’escursione, o semplicemente ammirando un panorama. Questo permette allo scrittore di non perdersi in particolari inutili. Il passato è passato, ciò che conta sono solo le persone che lo hanno vissuto. Per dare più copro al mistero, e per giustificare la ricerca che un gruppo di persone decide di affrontare insieme con impegno e dedizione, Sandro introduce un pizzico di soprannaturale: incubi notturni, un medaglione che evoca visioni, due donne particolarmente sensitive. L’argomento è trattato con molta delicatezza, e solo quel tanto che basta ad cementare l’unione tra le due vicende che, altrimenti, non avrebbero ragioni di essere così profondamente legate. Delicatezza molto apprezzabile, che evita lo scadere nei toni del “noir”, spesso solo un modo elegante per definire cattivo gusto o cattiva letteratura. L’Odore del Pane è un libro avvincente, che si legge tutto d’un fiato, ma che racchiude al suo interno profonde riflessioni sulla vita, su quanto essa sia breve, unica. Sprecarla non è consentito. Una scelta sbagliata può avere conseguenze devastanti, soprattutto verso chi si ama. Non è facile trovare una lettura che sia allo stesso tempo piacevole e intelligente. Per questo mi sento di consigliare il romanzo di Sandro Orlandi a tutti coloro che in un libro cercano un’occasione per approfondire le proprie conoscenze, e al tempo stesso regalarsi qualche ora di piacevole svago. Rosella Rapa, giugno 2010 In Copertina: Illustrazione di Maristella Angeli Citazioni Il tratteggiare alcuni personaggi attraverso una ricostruzione moderna permette alcune riflessioni che nei libri “ufficiali” di storia non trovano spazio. Ne riporto una che trovo molto attuale: “Era certamente un forestiero […] che portò qui in paese il seme della ribellione all’ordine costituito di allora. Un rivoluzionario ante litteram, si direbbe, ma oggi si chiamerebbe in un altro modo: un terrorista!” Due secoli di Storia, condensati in due frasi. Molto significativo mi è parso anche il dialogo tra un vecchio corrotto e un giovane idealista, entrambi in prigione, per ragioni diametralmente opposte: Il vecchio : “[…] Tu sei solo un giovane infantile, che gioca a far la guerra con le bombe per sentirsi Dio, e non si accorge che miete vittime anche tra i suoi amici […] La vita non è giusta, mai, […] e bisogna imparare ad accettarla. […] Il Potere! Da sempre esiste e continuerà ad esistere anche senza di te […] lo vorresti dalla tua parte? Allora non pensare di essere migliore degli altri, o di me. […]” Il giovane: “(tu sei) L’uomo che sputa sugli ideali degli altri perché non è capace di averne di propri. L’uomo che ha sostituito l’amore con il denaro, l’equità sociale con il potere, l’amicizia con la sopraffazione. […] Solo questo capisci tu:la proprietà. In nome di un fantomatico diritto di sopravvivenza schiacci tutto e tutti per il tuo schifoso tornaconto personale. […] Ringrazio quel Dio in cui non credo per non essere come te. […] “ Ieri, oggi… sarà così anche il domani? A quanto pare la storia si ripete immutata, ora qua, ora la, ma senza grandi differenze.


Una recensione di Rosella Rapa






Recensioni ed articoli relativi a Sandro Orlandi

(1) Una Rossa Rosa Bianca di Sandro Orlandi - RECENSIONE
(2) Le Api di Paulette di Sandro Orlandi - RECENSIONE
(3) L'odore del pane di Sandro Orlandi - RECENSIONE

Testi di Sandro Orlandi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Rosella Rapa

(1) Il Possidente (La Saga dei Fisrsyte I) di John Galsworthy - RECENSIONE
(2) Una Rossa Rosa Bianca di Sandro Orlandi - RECENSIONE
(3) Entro a fare due passi Fra le pieghe dell’anima di barbara Brussa - RECENSIONE
(4) Le Voci di Nike di Silvia Maria Elena Damiani - RECENSIONE
(5) Le Api di Paulette di Sandro Orlandi - RECENSIONE
(6) Profumo d'Incenso di Valentina Bellettini - RECENSIONE
(7) Nel Silenzio dei Rumori di Gavino Puggioni - RECENSIONE
(8) La Settima Strega di Zannoner Paola - RECENSIONE
(9) Sulla Riva del Fiume di Giovanna Giordani - RECENSIONE
(10) I Lupi della Bruma di Daniele Picciuti - RECENSIONE
(11) L’ Uomo Invisibile di Herbert George Wells - RECENSIONE
(12) La Macchina del Tempo di Herbert George Wells - RECENSIONE
(13) Il Mondo nuovo – Ritorno al mondo nuovo di Aldous Huxley - RECENSIONE
(14) Semplicemente Donna di Cinzia Baldini - RECENSIONE
(15) Millenovecentottantaquattro di George Orwell - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-06-23
VISITE: 8549


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.