Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno     Teoria degli Implosivi e degli Esplosivi di Mauro Moscone     L'appuntamento di Cinzia Baldini     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La Janara
di Luigi Boccia
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Edizioni Il Foglio
Prezzo € 10,00 - 82 pp.
ISBN 8876060197

Una recensione di Giuseppe Bonaccorso
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7859
Media 79.05 %



Janara;La

Luigi Boccia è uno scrittore di storie dell’orrore. Di quel tipo di storie che l’amante del genere ha iniziato ad apprezzare leggendo autori come Richard Matheson e Stephen King. La Janara è un breve romanzo dell’orrore e Boccia non lascia nulla a caso nella composizione dell’intreccio narrativo, dell’atmosfera e della rivelazione del perturbante finale. Come magistralmente spiegato da H.P. Lovecraft nel suo saggio, L’orrore soprannaturale in letteratura, il vero racconto dell’orrore segue delle oscure unità concettuali, quasi un aristotelismo della paura: tutto si basa sull’atmosfera che deve preparare il lettore a sospendere il suo giudizio e ad accettare la paura scaturita dall’irruzione nella propria vita di realtà sconcertanti. In Boccia l’atmosfera è “di periferia”, quasi casalinga. Castelcandia è il teatro orrorifico in cui i personaggi di Boccia si muovono, un paese della provincia, un paese dell’infanzia, raggiunto dalla protagonista, Francesca che vuole dimenticare gli ultimi mesi della sua vita passati in manicomio. Dal trauma della morte del figlio ancora in fasce, Francesca non ne era uscita e il ritorno a casa si dimostra essere foriero di ulteriori orrori, dipinti a tratti psicologici e folkloristici, sfumati dalla leggenda locale della janara, la strega di quelle terre ai confini tra modernità e arcaicità. Agli incubi della madre si susseguono inquietanti accadimenti dietro l’angolo di casa (per usare un’espressione cara ai Fruttero&Lucentini) i quali non fanno altro che condurre verso un sentiero tracciato dai fili della paura. Adottando una narrazione “cinematografica”, caratterizzata da stacchi narrativi, montati tra la narrazione di ciò che accade e di ciò che potrebbe (o si avrebbe paura che…) accadere secondo i pensieri di Francesca, via via ossessionata dai tremendi ricordi pregressi. Il libro è arricchito da illustrazioni in bianco e nero, realizzate per l’occasione da diversi disegnatori ed aiutano il lettore ad entrare nel giusto spirito di lettura della storia. Il tutto è garantito dalla prefazione di Pupi Avati che descrive l’opera di Boccia come «un racconto terribile in quanto privo di qualsivoglia certezza, sospeso su un baratro vuoto e sconfinato, dal quale ci sentiamo attratti verso un infinito precipitare.»


Una recensione di Giuseppe Bonaccorso






Recensioni ed articoli relativi a Luigi Boccia

(1) FAME La trilogia cannibale di G.Lupi e altri- Il Parere di PB
(2) La Janara di Luigi Boccia - RECENSIONE
(3) La Fiera della Paura di Nicola Lombardi - RECENSIONE
(4) Il dio nell'alcova di Elvezio Sciallis - RECENSIONE
(5) La Janara di Luigi Boccia - RECENSIONE
(6) Arcistreghe
Origini e folklore della stregoneria campana di Luigi Boccia e Antonio Daniele
- RECENSIONE

Testi di Luigi Boccia pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Giuseppe Bonaccorso

(1) Full of Life di John Fante - RECENSIONE
(3) Il Peso della Bellezza di Guido Croci - RECENSIONE
(4) Il Drago di Ghiaccio di George R. R. Martin - RECENSIONE
(5) Il Figlio del Cimitero di Neil Gaiman - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-08-03
VISITE: 11948


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.