Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Nascosta e lo Specchio
di Maria Carla Trapani
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - G. Perrone editore
Prezzo € 11,00 - 90 pp.
ISBN 9788863161571

Una recensione di Fortuna Della Porta
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 19629
Media 79.99 %



Nascosta e lo Specchio

A leggere il libro di Maria Carla Trapani Nascosta e lo Specchio, a tutta prima, si ha la tentazione di chiamare a testimonianza Joyce e Svevo, di parlare di scrittura del flusso interiore, secondo l’accezione del ‘900. Addirittura citare Bergson e suggerire il suo concetto di durata, ossia del Tempo soggettivo, che scorre secondo modalità non considerate dalla scienza.

Difatti, aprendo le pagine, si entra direttamente nella dimensione del privato, del celato.

Dentro/ le vene e /cantoA scavare / grafite e pietra del / sangue.

Un’intimità delicata ma non lirica si palesa, in una sorta di viaggio introspettivo dal quale la Parola Poetica affiora dalle brume della psiche e dell’indefinito. Il mondo e le sue fantasmagorie sono lontani.  Nulla dell’accezione del quotidiano, vale a dire del senso comune, si fa lemma del verso. Il tempo, ripeto, è quello arbitrario della sensibilità.

Per la verità il libro è esattamente questo ripiegamento interiore in ascolto della propria emozione, eppure una lettura di semplice retroguardia è a mio parere insufficiente. Non mi convince del tutto. Non coglie appieno il fine che l’autrice si prefigge.  A mio parere, il libro rappresenta un passaggio, un attraversamento: un’uscita dal bozzolo verso la definizione e la delimitazione di sé. Un processo di strutturazione e conoscenza dell’io, tout court.

Prima di avventurarsi ad ali spiegate nell’oggettivo in senso lato e nella poesia, M.C. Trapani sente il bisogno di circoscrivere il potenziale della sua interiorità nell’interazione con le sostanze anche affettive che la circondano. Ha dubbi, cerca di farsi tabula rasa: il mondo potrebbe essere nemico, artefatta la capacità di coglierlo.

Ho timore dei sassi che / scavalcano le mie finestre / ho timore dei vetri se.

La Trapani si affaccia nascosta / velata al davanzale e tutto ciò che si caglia negli occhi porta dentro, ne fa ricchezza e accumulazione. Solo dopo aver messo ordine, avviene il necessario recupero di una visione disincantata e critica di sé e dell’esistente:

Semino/ dissemino e lo / spazio del / mio cuore spazzo la soglia / coronandomi i bracciali / di polvere.

In breve, Maria Carla Trapani descrive il felice esito del suo transito verso la maturità affettiva e artistica e per farlo compie una sorta di enumerazione ma soprattutto di catalogazione gerarchica di tutto ciò che le si riverbera dentro attraverso lo sguardo, un’unghia, uno stupore, ma anche parole, avverbi, aggettivi solitari, affrancati dalla frase, che però una volta semanticamente riconquistati saranno il mezzo per mettere a fuoco l’anima. Un inventario onnicomprensivo che entra in questo serissimo gioco tra oggetti solidi e incorporei, sempre rintanati nel profondo, che l’autrice intende buttare in uno specchio, ove le sarà più agevole affrontarli e confrontarsi.

Ha bisogno di sistemare, osservando il risultato criticamente, come per una casa nel caos, prima di sentircisi a proprio agio.

Getto l’amo. /Pesco / parole e /pesci d’argento. /Getto.

E più avanti:

Vomito parole / striate di verde / raccogliendo le /foglie di una vita /aggrappata stretta / al suo /rinascere. / … /Navigo la vena / e col volto rivolto / sputo acini.

Una nascita, dunque, a se stessa, al reale, all’altro, agli affetti, tra i quali sembra del tutto evidente di cogliere l’amore. C’è un tu che di tanto in tanto fa capolino, un tu di labbra e di saliva, verso il quale sembra anche tendere la ricerca di autenticità.

La tua lingua ha linfa / di una languida / graffa sdraiata.

Che si tratti di un impegno di affrancamento e maturazione è mio convincimento ma è l’autrice stessa a offrirci gli strumenti per entrare nel suo progetto, che ha svolto nella silloge attraverso le tre sezioni del libro. Quel gettare l’amo, per riportare indietro i segni dello scorrere della vita, è un continuum di tutta la raccolta.

Dopo tutto, basta fermarsi al titolo e poi all’ultima composizione per perdere ogni esitazione. L’autrice nell’ultimo testo stende senza equivoci il manifesto della sua poetica. Scopo della sua scrittura è il percorso che è stato indicato.

Scrivo. Leggeri i piedi nel cammino ascetico verso l’autocoscienza. / Scrivo e di riconoscimento mi abbiglio. / Riconoscimento di M/E. / Di Sé. / Come già-da-sempre. Relato. All’Altro. / Specchi d’Argento Irriflessi.

E dunque, ripetiamo con lei: dopo aver preso il controllo della coscienza, sede di discernimento e giudizio, allora è possibile riaffacciarsi alla storia, ma più di tutto è possibile la poesia.

Una nota bisogna stendere anche sullo stile, che nulla concede alla facile suggestione, al lavoro di rima e assonanze. Nessun verso è ammiccante. La scrittura si mantiene appuntita, asciutta, ellittica, frammentata, in un ritmo lento e cadenzato. L’emotività è ghiacciata da una serie di strali fatti di sangue e di spine, che l’autrice sembra guardare da estranea o da lontano.

Tralascia ciò che è costruzione e rifacimento del verso, quasi infilandosi in uno sperimentalismo formale, che è di sicuro originale. Il colare naturale della parola, pur nell’assetto contratto dalla continua elisione della frase, conferisce al verso un fascino intrigante se non misterioso.  Il lessico è accurato e non debordante, raffinato ma non pretenzioso.

Anche questo si può ascrivere alla confessione della stessa autrice, che ammise tempo fa di scrivere di getto, seguendo la parola e il ritmo che gli nascevano dentro.

M. C. Trapani si ascrive alla schiera di giovani poeti che stanno proprio segnando l’affrancamento dalla cultura del ‘900, per quel piglio sicuro con cui infrangono regole e forme per mettersi direttamente all’ascolto della propria unicità umana e poetica.

Maria Carla Trapani nasce e vive a Roma. Di formazione filosofica, approda in seguito alle discipline orientali. Insegnante di Yoga e Olodancer, si occupa dell’organizzazione di eventi culturali per il Circolo letterario Bel-Ami, nell’ambito del quale ha fondato un Laboratorio poetico di cui è responsabile. Con la sua tesi di laurea, Pasolini, il mito, il teatro. Pre-testi per una paidèia poetica, vince nel 2005 il premio SIAD (Società Italiana Autori Drammatici). Pubblica, in Perle sciolte (BAE Edizioni, 2009), la silloge poetica M/E, di perle e di parole.


Una recensione di Fortuna Della Porta






Recensioni ed articoli relativi a Maria Carla Trapani

(1) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE

Testi di Maria Carla Trapani pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Fortuna Della Porta

(1) Sorso di notte potabile di Flaminia Cruciani - RECENSIONE
(2) La nuova poesia modernista italiana di Giorgio Linguaglossa - RECENSIONE
(3) Mosca più balena di Valeria Parrella - RECENSIONE
(4) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE
(5) Lettera da Francoforte di Edith Bruck - RECENSIONE
(6) Nuvole di Norma D'Alessio - RECENSIONE
(7) Letteratura al femminile: Dodici di Vanessa Jones - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-10-12
VISITE: 31121


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.