Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [26/11/2020] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    l'essere Armonia scadenza 2020-11-30    Vitulivaria - memorial Gerardo Teni scadenza 2020-11-30    Una Pagina di Vita - Le Parole che non ti ho scritto - scadenza 2020-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il Paradiso Perduto
di Carmelo Viola
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - centro studi biologia sociale
Prezzo € f.c. - 227 pp.
ISBN N/A

Una recensione di Nicola Lo bianco
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4437
Media 80.42 %



Paradiso Perduto;Il

UN DOCUMENTO UMANO

A Giovanni Verga, conterraneo dell’Autore, questo libro sarebbe piaciuto e lo avrebbe catalogato come un bell’esempio di “documento umano”.

Carmelo Viola, è un sociologo, il fondatore della BIOLOGIA SOCIALE, un uomo che ha dedicato la sua vita all’elaborazione di un pensiero originale nella prospettiva di un superamento “globale”, umano etico intellettuale, del “medioevo tecnologico” entro cui ancora ci costringe il cosiddetto “neoliberismo”.

Di questo suo libro di ricordi adolescienziali mi compiaccio molto, perché, tra l’altro, il C.Viola lucido pensatore e scrittore “razionale”, mostra qui apertamente e pienamente ciò che negli altri suoi scritti deve cogliersi tra le righe:la faccia dell’uomo che si intenerisce, quella delle emozioni, che ritrae l’incanto dell’ignoranza(direbbe Zavattini) o la semplice e istintiva fede religiosa dei personaggi che ritrae.

Sono i ricordi di Melo, un anno tra il 1940/41, trascorso in un piccolo paesino alle falde dell’Etna, in campagna coi nonni materni, contadini poveri, il “paradiso” per un ragazzo che va scoprendo se stesso dialogando con la natura, con la silenziosa saggezza dei nonni, con il proprio corpo che avverte le incipienti pulsioni sessuali.

Una specie di breve “romanzo di formazione”, che sarebbe potuto rimanere un semplice ricordo di famiglia, ma che invece si offre come uno spaccato di vita contadina sotto il fascismo non ancora debellato.

Modi di pensare, tipi di coltivazione, oggetti di uso quotidiano, sentimenti e stati d’animo:un “reperto”, diciamo così, antropologico, di grande interesse, perché vissuto emotivamente, come nativo di quel piccolo mondo, scrutato con gli occhi intelligenti, ma non ancora disincantati di un bambino.

La rappresentazione viva di un’umanità ormai “perduta”, inconcepibile oggigiorno, quasi del tutto sconosciuta, ma che, sembra dirci l’Autore, avrebbe ancora qualcosa da insegnarci: ad es., la sobrietà e il rispetto per tutto ciò di cui ci serviamo o con cui entriamo in relazione, dal ciuffo d’erba, al pane che mangiamo, alla vecchiaia di chi ci ha preceduti, di chi ha reso possibile il nostro stesso esistere.

Un’umanità intrinseca all’ambiente, alla terra, dalla quale dipendeva e (ma molti non se ne accorgono) dipende la sopravvivenza, un’umanità che ben conosceva il valore del cibo, del riposo, del sonno ristoratore, della parola anche che non era mai “chiacchiera” per far passare il tempo.

La miseria, la fame spesso, l’analfabetismo(ma non l’ignoranza, si badi bene!), la fatica senza adeguata ricompensa, ma erano gli occhi di un bambino per il quale il mondo si spoglia della durezza della concreta realtà:non era un mondo idillico, lo sappiamo, ma per il piccolo Melo, amato e accudito dai nonni, era il “luogo senza confini”, dove poter scorrazzare ad osservare la meraviglia dei frutti che crescono,dell’albero amico nei momenti di pensosità o compagno impareggiabile nei giochi, l’acqua preziosa, quella piovana che si tirava dal pozzo, la scoperta della femminilità nelle ragazze/cugine gia signorinelle un po’ più smaliziate, e i primi turbamenti amorosi.

L’amore che il ragazzo sente crescere dentro di sé è anche quello per la terra, per gli uomini che la vivono, per la misura morale e spirituale che essa trasmette.

Che cosa quel microcosmo abbia rappresentato lo lasciamo dire direttamente all’Autore:"Io ho la sensazione di essere nato dalla terra.I miei ricordi più vivi e più coinvolgenti…sono legati alla terra…Mio nonno Michele e mia nonna Peppina vivevano per la terra e della terra…Non dovevo avere ancora tre anni… quando ero già inconsciamente felice di trovarmi a contatto con la terra".

Il segno inconfondibile di quanto quell’amore sia cresciuto insieme all’uomo e allo scrittore, lo ritroviamo anche nel modo di raccontare:essenziale, sobrio, un racconto fatto di “cose”, dove i sentimenti si colgono negli atti e nei comportamenti, schivo nel proclamare gli stati d’animo, com’era proprio di un’umanità per la quale le parole non erano “flatus vocis”, ma corpo e sostanza degli oggetti e degli affetti.

La gratitudine e la felicità per quei giorni e quei luoghi nascono da una descrizione accurata e quasi puntigliosa dell’ambiente, come una carezza, quasi a voler rivivere fisicamente quegli spazi.O anche attraverso il muto riconoscimento della fatica, della generosità, della disponibilità che non attende ricompensa, come è il caso dell’indimenticabile figura dello zio Turiddu, il papà di Razziedda che sarà poi sposa devotamente amata dello scrittore.

Come indimenticabile è il racconto del giorno della fattura del pane che scaturisce dalle sapienti mani della nonna Peppina come un “miracolo”, l’accensione del forno, il profumo, il valore di quel pane, quasi un rito e un simbolo di quella vita.

Pur sotto lo sguardo, peraltro discreto, del C. Viola sociologo, questo “Paradiso Perduto” è a tutti gli effetti “un bel racconto”.

La lettura è piacevole, incuriosisce, spinge ad andare avanti, anche perché il racconto è dettato dalla semplicità, dalla genuinità dell’argomento, non ha incombenti pretese letterarie, ma risente certo della mano esperta dello scrittore di lungo corso.

Questo libro dovrebbe circolare tra i giovani, e anche tra i meno giovani, non solo per la conoscenza di un tempo per loro inimmaginabile, ma anche perché potrebbero meglio riflettere, a paragone, sull’ “universo orrendo” entro il quale, più o meno consapevolmente tutti quanti ci dibattiamo.

In questo senso, potremmo prendere nota del fervido invito di questo “combattente” scrittore a ritrovare un rapporto intrinseco con la terra:come dire, è possibile recuperare quella pienezza, quella stoffa di uomo, quella consistenza umana liberata infine dalla miseria, dal rischio della fame, dalla violenza distruttiva?

E’ possibile riportare l’umanità e coloro che ne guidano il cammino al senso del dovere e della responsabilità sociale, che sono poi gli insegnamenti primari che quegli uomini “analfabeti” hanno trasmesso al piccolo Melo?

Lasciamo l’ultima parola allo scrittore:"Chi dice che la tecnologia sia il filo conduttore e la misura del progresso -ovvero della crescita della civiltà e della felicità- delira".


Una recensione di Nicola Lo Bianco






Recensioni ed articoli relativi a Carmelo Viola

(1) Il Paradiso Perduto di Carmelo Viola - RECENSIONE

Testi di Carmelo Viola pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Nicola Lo bianco

(1) Mascàra di Rossano Onano - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-03-04
VISITE: 9108


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali