Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [20/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Marta che aspetta l'alba
di Massimo Polidoro
Pubblicato su SITO


Anno 2011 - edizioni Piemme
Prezzo € 14,50 - 187 pp.
ISBN 9788856619942

Una recensione di Miriam Ballerini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7090
Media 79.25 %



Marta che aspetta l'alba

Polidoro è un docente di metodo scientifico e psicologia dell’insolito dell’Università Bicocca di Milano. Il suo lavoro è stato intervistare la signora Mariuccia Giacomini e farle raccontare la sua storia e quelle delle persone che con lei sono venute a contatto, quando lavorava presso quello che era noto come il manicomio San Giovanni di Trieste, il cui vero nome è ospedale psichiatrico “Andrea di Sergio Galatti”. Ai più questo nome non dice nulla, a chi come me, da tempo, si occupa di malati mentali, fa subito venire in mente Franco Basaglia e la sua lotta per dare dignità a chi soffriva di malattie psichiatriche. La storia inizia con Marta, una ragazza di una famiglia bene che non è d’accordo col matrimonio di sua sorella con quel Carlo che non la convince molto. Siamo negli anni sessanta, e ancora esiste il ricovero coatto delle persone. Marta si ritrova ricoverata al San Giovanni e, più urla la sua sanità mentale, più le danno della pazza. E cosa si fa ai pazzi in quegli anni? Li si imbottisce di farmaci, li si lega ai letti, li si chiude in gabbia. Se questo non basta e nemmeno le botte convincono a stare calmi, si fanno gli elettroshock e se ancora non si ottengono risultati… il paziente viene lobotomizzato. Una pratica barbara e assurda. Mariuccia ha bisogno di lavorare e viene assunta come infermiera. In realtà passa le sue giornate di lavoro a pulire vetri e pavimenti, a lavare con la canna i sudici, cioè quelli che si fanno tutto addosso. A imboccare a forza i tranquilli, che non si muovono. Non le sembra giusto quello a cui assiste: donne trascinate per i capelli sul pavimento, o prese a calci… ma chi è lei per sapere come vanno trattati i matti? Così tace e lavora. Ma un giorno arriva il dottor Franco Basaglia, uno psichiatra che pensa che i matti possano migliorare se gli si parla, se li si fa uscire in mezzo alla gente normale. Tutti gli danno addosso, dai partiti politici, agli altri medici;fino alla gente che ha paura di quelle persone. Chi li vuole incontrare per strada? E invece… invece Basaglia vince la sua battaglia, dimostrando che ha ragione; dando dignità a persone che non l’avevano mai avuta. Spesso le persone ricoverate non erano nemmeno affette da vere patologie, ma avevano solo delle stranezze, o erano bambini abbandonati e cresciuti, poi, in manicomio. Simbolo di tutta questa vicenda è Marco cavallo. Un equino che i matti vedono fuori dalla loro finestra, transitare su e giù per trasportare la merce. Quando avranno la possibilità di avvicinarsi all’arte e di fare qualcosa con le loro mani, chiederanno a gran voce la statua di Marco cavallo: una statua grande, con una pancia grossa per contenere i loro desideri, azzurro come il cielo: come la libertà. Non è un libro lungo o difficile da leggere, anzi, è piuttosto corto, di approccio immediato. Con tante frasi riportate in dialetto triestino, così come parlavano la gente che lavorava lì, e come tentavano di esprimersi anche i malati. Mariuccia ci racconta la sua vita, e tramite questa ci parla dei pazienti, dei progressi fatti in quegli anni. Della sua crescita personale, come donna e come individuo. Uno spaccato storico di quegli anni importante. Purtroppo Basaglia morì prima di aver portato a compimento la sua opera. Così, vennero fatti estinguere i manicomi e aperti i presidi, ma, quel che ancora oggi manca, è l’aiuto alle famiglie delle persone malate. Se lui avesse potuto ultimare il disegno che aveva in mente, di certo ci troveremmo in una situazione più agevole e facile per tutti. Il libro termina con Mariuccia che va a prendere Marta. Dalla ragazza che era è diventata una donna obesa, senza denti, rovinata da tutto ciò che ha subito. Marta che all’alba aspetta la sua amica, vestita di tutto punto per uscire in quel mondo che per troppo le è stato negato.


Una recensione di Miriam Ballerini






Recensioni ed articoli relativi a Massimo Polidoro

(1) Marta che aspetta l'alba di Massimo Polidoro - RECENSIONE

Testi di Massimo Polidoro pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Miriam Ballerini

(1) Fatherland di Robert Harris - RECENSIONE
(2) L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski - RECENSIONE
(3) Soliloquio di un folle di Egidio Capodiferro - RECENSIONE
(4) Angelo SenzaDio di Carmelo Musumeci - RECENSIONE
(5) A Sud di nessun Nord di Charles Bukowski - RECENSIONE
(6) Crypto di Dan Brown - RECENSIONE
(7) Insomnia di Stephen King - RECENSIONE
(8) Tutto è fatidico di Stephen King - RECENSIONE
(9) Fine turno di Stephen King - RECENSIONE
(10) La casa di giada di Madeleine Chapsal - RECENSIONE
(11) Il castigo di John Verdon - RECENSIONE
(12) Birdman di Mo Hayder - RECENSIONE
(13) Katherine di Anchee Min - RECENSIONE
(14) Terrore profondo di Dario Argento - RECENSIONE
(15) Il bazar dei brutti sogni di Stephen King - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2012-03-22
VISITE: 5658


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.