Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Fremito febbrile
di Sara Perilli
Pubblicato su SITO


Anno 2012 - Editrice GDS
Prezzo € 8,65 - 60 pp.
ISBN 9788897587934

Una recensione di Marco Giannino
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 848
Media 80.2 %



Fremito febbrile

Sprovvista di stimoli o appigli
me ne vado sola e incerta
per quello che è per molti altri
uno svago senza senso.
E lasciatemi contare
le nuvole in temporale.

Si presenta così l'autrice Sara Perilli, giovane poetessa della provincia di Bari, alla sua prima pubblicazione, ma già molto evocativa. Si mostra come una ragazza in bilico che cerca rifugio nell'unico "svago" che le dà conforto, la poesia.

La raccolta di poesie parla della quotidianità della ragazza, richiamando a metafore delicate che, tuttavia, rafforzano il senso dei versi. Piccole poesie che crescono e maturano come dei frutti, come mostra la raccolta divisa in tre parti, "Acini", "Mandorle" e "More" (più una quarta parte di cui parlerò più avanti). Acini è il "chicco", appunto, della raccolta, comprende le poesie più interiori e intime dell'autrice, dove cerca di dare pace al suo stato d'animo, quasi incompreso (Sono un mandorlo tra i ciliegi/ E non sarò parte di nulla...), mentre la sua vena poetica cerca di venir fuori, per mostrarsi (Stretta nella maschera/ Sta l'anima da poetessa/ Che sbatte sbotta sbraita/ Sta sotto la cruda fiera/ E stenta a metter fiato/ Sotterra attimi folli/ I sogni e le passioni/ E pacata sta la maschera/ Mentre l'anima strepita.).

La seconda parte, "Mandorle", è dedicata ai ricordi. Ricordi che riportano a eventi vissuti in compagnia. Sono poesie non amare, ma dolci, da conservare, un po' come le mandorle che vanno conservate e custodite con cura, per assaporarne meglio il sapore (Ritrovo vecchi luoghi di passaggi/ Colti da memorie altrui, e nuovi/ ma passati agli occhi. Lungo giardini/ fatti di fiori di carta, innaffiati/ e profumati da inchiostro, che cola/ scolorito, sbavato dal sospiro).

"More" è quella più ricca di poesie. Sembra un mix tra "Acini" e "Mandorle", come se adesso lo stato d'animo dell'autrice sia pronto per essere visto, raccolto e, dunque, anche compreso.(E trovo/ nell'affanno il respiro/ nel sudore la forza/ nel dolore la vita). Tra l'intimità svelata e i ricordi che vengono raccolti, c'è anche spazio per il mondo esterno, quello caotico, grigio, difficile da contenere e che tende sempre a espandersi a macchia d'olio, o a inchiostro, fate voi. Il mondo esterno è visto con un'aria di rimprovero per le speranze dissolte nello smog cittadino, che ormai hanno invaso e offuscato gli occhi della gente (Ogni volte s'incantano gli uomini/ a guardare i fuochi esplodere in cielo/ Non ricordano forse/ più la volta stellata). Il caos si sa che può essere solo illusione o realtà, ma comunque agita lo stato d'animo della gente, che ormai non distingue più realtà e sogno. Da qui il titolo dell'intera opera, "Fremito febbrile" (Coscienza di un attimo/ Fremito febbrile/ Parvenza di sogno)

Dopo questa raccolta di emozioni (mi passerete il termine), c'è anche spazio per un poema dal titolo "Ballo di morte": l'autrice ha voluto giocare con dei "vecchi" termini e "vecchie" parole che sono andate perse nel linguaggio comune e nella scrittura contemporanea, perché considerate inadeguate per il linguaggio contemporaneo. Tra la ribellione della Eufonica, la tristezza della metrica e la rabbia della sintassi, si sentono ormai rassegnati e dimenticati da tutti, a tal punto che l'unica cosa da fare per passare il tempo è ballare (Dovremmo ballare fino a stancarci, godere dell'attimo che non torna e poi riposarci e ancora ballare. Saremo esiliati, ma siamo vivi).

Devo ammettere che qui sono rimasto colpito da come l'autrice sia riuscita a far fluire bene i vari termini, ponendoli in frasi dove ritrovano la vitalità e la giustizia di cui tanto hanno bisogno.

"Fremito febbrile" è una raccolta poetica, di vita e di qualità che va sicuramente letta e apprezzata. È un tipo di scrittura che nasconde e lima parecchio di quello che è il vero animo dell'autrice, mostrando a chi legge quello di cui lei ha bisogno. Magari per continuare a essere ispirata, magari per restare semplicemente serena vivendo e trovando il giusto equilibrio quotidiano, che male non fa e che serve, forse, proprio per debellare quel fremito febbrile che tanto l'ha ispirata, ma da cui comunque vuole allontanarsi.


Una recensione di Marco Giannino






Recensioni ed articoli relativi a Sara Perilli

(1) Fremito febbrile di Sara Perilli - RECENSIONE

Testi di Sara Perilli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Marco Giannino

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2014-09-30
VISITE: 768


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.