Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [26/09/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2022-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La deriva (1955)
di Raffaello Brignetti


a cura di Carlo Santulli

ultima edizione presso Santi Quaranta
Treviso, 1998.
320 pagine- 12,91 euro


Nella notte che chiude la stagione estiva di un anno del primo dopoguerra, un gruppo di ragazzi e giovani di età da sedici ad oltre trent'anni rivivono l'estate trascorsa. La scelta di Brignetti, non facile, è quella di un neorealismo estremamente concentrato e puntuale, attento alle dinamiche del gruppo,
e che cerca di rendere esplicite le difficoltà e le problematiche dei singoli. Il racconto fa largo uso di flashback ed ha attenzioni di tipo cinematografico per i moltissimi personaggi, cercando di sfuggire al bozzettismo, nel raccontare questa vicenda di persone ritrovatesi per caso in un villino dell'Isola d'Elba. La storia é costruita in particolare intorno ad Elia, combattuto tra tre ragazze, la difficile Anna, l'elegante, ma immatura Luciana, e l'estroversa Mietta. Il romanzo vive di momenti felici, quelli vissuti nel ricordo del mare, dell'agosto che volge al termine, e quelli che descrivono il paese sottilmente addormentato, mentre i gruppetti che hanno formato la festa si rompono e si ricompongono senza logica apparente. Il sapore d'epoca é ben presente, e così lo sconvolgimento della guerra nelle vite dei ragazzi invitati alla festa (Alipio, la "coscienza" della festa, monotonamente, non smette di ripetere, tra il ridicolo ed il tragico, che la guerra li ha resi come sono: "Non c'é nulla che ci emozioni, siamo come la carne arrosto"). I gruppi si sciolgono e si ricompongono, al suono del giradischi, che non sembra mai dare la musica che i ragazzi vorrebbero scegliere, passando dalla canzone francese al jazz, con lunghi intermezzi a ballare instancabilmente il Bolero di Ravel. Brignetti e' attento alle origini dei diversi personaggi, alle loro diverse età e molto varie inclinazioni, si ricordano per esempio Manrico che legge instancabilmente poesie, Carmela innamorata inutilmente di un camione sportivo locale, ed i tre di Poggio, tre ragazzi vestiti inadegutamente (ed in modo un po' inquietante) con maglioni neri, che si sono "imbucati" alla festa e che, fatto non trascurabile, dispongono di un'auto. C'e' qualche ingenuita' e qualche schematismo, ma bisogna considerare che La deriva mira molto in alto, volendo minutamente descrivere poche ore di vita, in una festa che non sembra mai decollare, che sembra anzi spegnersi prima di esser scoppiata, in oltre trecento pagine fitte di minuscoli eventi, inutili ed impetuosi come un'onda di risacca.

Recensione di Carlo Santulli
c.santulli@rdg.ac.uk


L'incipit

Da una porta aperta si vedeva Manrico che stava recitando di là una poesia con accento un po' falso: leggeva e roteava le dita intorno all'orecchio. A un tratto si voltò e disse:
- Cos'hai da guardare, San Filippo!
Oh, - fece lui confuso. Ma subito si riprese. - Credi che stessi guardando proprio te?
Mietta aveva ascoltato la poesia soltanto perché si trovava lì. Approfittò dell'occasione. - Andiamo di là, vieni, - disse a Manrico.
Di là dove? Questa camera è il punto meno tempestoso della casa. Senti… - Rimase un momento silenzioso sollecitandola con un nastro. - Dì, pigra - le disse, - stai un po' attenta. Stasera non c'è mica il sole? - Mietta rispose che aveva caldo lo stesso. Continuò a spiegare questo tipo di caldo con una specie di mugolio. Manrico avrebbe dovuto avvicinarsi di più a lei, ma non lo fece: leggeva. Poi s'interruppe e parlò di nuovo con voce normale. - Ci hanno disturbato - disse. ...

Raffaello Brignetti da La deriva


>>Compra questo libro su IBS <<

 


VISITE: 5629

 

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali