Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [27/02/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio letterario SPAZIO AUTORI scadenza 2021-02-28    "Rinascita" scadenza 2021-02-28    Premio Letterario Nazionale Bukowski scadenza 2021-03-09    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
38 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Cosmo Blues Hotel
di Stefano Lorefice
Pubblicato su PBSR2006





Una recensione di Erika Pucci
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7807
Media 79.06 %



Cosmo Blues Hotel

Cosmo Blues Hotel ( S. Lorefice, ed. Clandestine 2004)

"Diventa una voce puttana, una voce che se non stai attento ti scopa" (pg.68).
Ed è questo che la voce dentro di questo libro fa con l'anima del lettore.
CBH è una raccolta di racconti brevi di un giovane scrittore che ha all'attivo già un paio di raccolte di poesia.
Ciò che colpisce nell'epidermide del testo è indubbiamente il linguaggio, sintetico, rapido, tagliente, colorato da espressioni tratte dal parlare quotidiano che sanno trasmettere in modo efficace le diverse, eppure vicine storie narrate, mantenendo nel sottovoce la poeticità del raccontare.
Storie che scorrono come episodi di uno stesso film o come atti di un poema estremamente moderno, ognuna delle quali dal taglio indubbiamente personale, ma legata indissolubilmente alle altre per la "cifra" che l'autore dimostra di avere.
La maggior parte degli episodi sono istantanee in movimento su piccole grandi vite delle nostre metropoli. Il ritmo narrativo è serrato, di certo il timing, l'incedere del discorso è uno dei punti di forza di questo tipo di narrativa, capace di avvicinarsi senza perdere la sua identità a suggestioni puramente musicali e cinematografiche dal punto di vista estetico.
Addentrarsi nella sequenza delle storie di CBH è come entrare in un cono che lentamente penetra sempre più a fondo. Se il primo racconto è leggermente spiazzante per il lessico del tutto sfrontato, sebbene idoneo al tessuto narrato, l'autore ci sorprende per la capacità di condurci in un viaggio caleidoscopico in cui gli eventi, gli oggetti, i movimenti "raccontano" di per sé e apparentemente senza filtri l'anima delle storie, alcune al limite della fiction in pieno stile tarantiniano come Mister M, altre colorate di giallo e efficace noir (Exit babila).
Una scrittura di carne che sfibra corde interiori.
Ma in questa raccolta c'è spazio per tutti i colori, per tutte le sensazioni del quotidiano che attraverso il narrare sanno accogliere, coinvolgere, identificare il lettore: c'è spazio per la tenerezza, inframmezzati monologhi, divertiti neologismi (snutellare le scarpe, pg. 56) l'amicizia, il sesso, l'io. Indissolubilmente legati allo spazio, alla scenografia in cui la storia si muove: i luoghi qui non sono uno sfondo, perché essi stessi fanno la storia, come nel cinema di genere.
Di certo la disposizione dei racconti non è casuale. C'è un disegno in crescendo, una sorta di girandola, un vortice a spirale che porta sempre più dentro. Per arrivare con sguardo disincantato sulla nostra seconda repubblica, fino nella suite finale con il blu-poesia nell'io più intimo dell'autore, in cui di certo si evincono anche i motivi dell'essere e dello scrivere di Lorefice, in un'ambientazione da hotel che fa pensare all'eleganza struggente degli interni di Kar Wai Wong, una suite che è quasi un lungo piano sequenza che scivola dentro nell'anima di chi scrive, e, quindi, di chi leggendo accoglie e si fa penetrare dalle parole. Queste ultime 12 pagine sono un autentico gioiello, che fa venire voglia di racconto lungo, di romanzo.
E chi guarda nelle parole, in queste piccole grandi storie, si fonde con la musica che esse stesse creano.
Perché in fondo CBH è anche questo: "Al Cosmo Blues Hotel le storie si fondono" (pg. 106).


Una recensione di Erika Pucci






Recensioni ed articoli relativi a Stefano Lorefice

(1) L'esperienza della pioggia di Stefano Lorefice- Il Parere di PB
(2) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice- Il Parere di PB
(3) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice - RECENSIONE

Testi di Stefano Lorefice pubblicati su Progetto Babele

(1) C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo di Efraim Medina Reyes - RECENSIONE

Altre recensioni di Erika Pucci

(1) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice- Il Parere di PB
(2) Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte di Haddon Mark - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2005-08-20
VISITE: 13308


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali