Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [29/11/2020] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    l'essere Armonia scadenza 2020-11-30    Vitulivaria - memorial Gerardo Teni scadenza 2020-11-30    Una Pagina di Vita - Le Parole che non ti ho scritto - scadenza 2020-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
22 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La morte non dimentica (Mystic River)
di Dennis Lehane
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Piemme - Collana Maestri del thriller
Prezzo € 6 - 457 pp.
ISBN 8838487634

Una recensione di Patrizia Cau
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14001
Media 79.05 %



morte non dimentica (Mystic River);La

Mystic River (La morte non dimentica) di Dennis Lehane

Siamo negli anni Sessanta Stati Uniti, Boston. Tre bambini, bighellonano nelle vie deserte del loro quartiere. Una macchina, con finti poliziotti, affianca il gruppetto.
Solo Dave salirà nella macchina. Predestinazione o caso? Per quattro infiniti giorni, verrà tenuto ostaggio, di adulti, che lo violenteranno a turno. Riesce a scappare. Ma la sua e la loro vita non sarà più la stessa. C’è quello che non si può dire, quello che è meglio dimenticare.
Diventano uomini. Ognuno ha la sua vita. Dave ha un figlio che ama. Il suo amico Sean, diventerà un poliziotto, Jimmy è un commerciante.
Il destino, ancora li riunirà nella disgrazia, quasi si divertisse. La figlia di Jimmy verrà trovata assassinata in modo orrendo, sarà Sean a condurre le indagini.
I sospetti sembrano inseguire Dave. Lui il bimbo violato, cosa è oggi? Chi è diventato?

Ho letto Mystic River, quando ancora in italia, il film non era uscito. L’ho amato subito, perché non si può non ritrovarsi, nella calda atmosfera tragica e drammatica dei personaggi che Dennis Lehane crea.

Non ho ancora visto il film (rimando sempre!), ma qualche trailers, foto et ccc. Rimando sempre. Ho seguito interviste, letto varie recensioni, sentito il parere dello stesso autore, sulla riuscita della trasposizione del suo libro da parte del regista Clint Eastwood, si è detto abbastanza soddisfatto.
Il film è uscito nel 2003 ( in Italia 2005) con attori, che non hanno bisogno né di commenti nè tanto meno di presentazioni: Sean Penn, Tim Robbins, Kevin Bacon, ed altri. Dimenticavo, neanche il bel tenebroso Clint dell’epoca western ha bisogno di presentazioni.
E’ un ottimo regista, ed ha lasciato a mio vedere, film memorabili.
Nel 2003 Mystic River occupava il 1° posto nella classifica dei migliori film del National Board of Review. Ha vinto il Golden Globe 2004 per il migliore attore Sean Penn ed il miglior attore non protagonista Tim Robbins; 5 nomination all'Oscar, (compresa anche regia e sceneggiatura e miglior film) concretizzatesi poi con gli l' Oscar 2003 a Sean Penn e Tim Robbins.
Nel 2004 ottiene la nomination per il Migliore Film Straniero al David di Donatello.
Un successo, come era giusto che fosse.

Il libro è magnifico, non ho voluto rovinare le mie sensazioni guardando il film, ho voluto serbare quelle emozioni, che solo un libro può dare.
Il dolore può straripare anche senza essere descritto, così fa Lehane, lo fa respirare, senza nominarlo, ma è sempre lì, presente.

Dennis Lehane è un ragazzotto di origini irlandesi, bel sorriso, molto simpatico e gentile. Ho seguito una sua intervista su Radio Due a "Tutti i colori del giallo", a proposito del suo penultimo libro : L'isola della paura, (Shutter island) uscito in Italia nel 2005. Il consiglio è: leggerlo!
Dicevo: sono rimasta piacevolmente contenta di averlo sentito. Simpatico, gentile, molto affabile, una bella persona.
Vive a Boston, città un pò amata e un pò odiata, luogo dei suoi racconti.
Dennis Lehane, ha fatto vari lavori, prima di darsi, definitivamente alla scrittura
Ha studiato letteratura inglese, americana e scrittura creativa. Ora insegna scrittura creativa all’Università di Haward.
Ha anche lavorato come assistente sociale, per ragazzi vittime di violenza e portatori di handicap. Questo sottolinea la sua garbata discrezionalità. Non si accanisce nella descrizione ma, non imbriglia il dolore che si avverte in ogni riga del libro.
La violenza di un bimbo, è una cosa talmente sporca, ingiustificata, che Lehane non vuole trovare parole, coniare termini, dire qualcosa di scontato, e finire nella banalità. No!. Dennis Lehane col suo silenzio, col suo, detto non detto, lascia che ogni lettore allevi questo dolore, questa tragedia, e solo così forse potrà capire, quanto un evento del genere possa , distruggere una vita, ancora prima che venga vissuta.

Ho conosciuto Dennis Lehane per caso, quando nel lontano 2000 forse in estate, ho acquistato presso una libreria, che svendeva per ristrutturazione, libri e affini. Bene, senza saperlo, ho acquistato una edizione Piemme di Dennis Lehane “Pioggia Nera”, dove ho scoperto l’esistenza della mitica coppia investigativa Kenzie/Gennaro.
Chi li conosce, sa quanto non ci si possa esimere dall’ affezionarsi, e lasciarsi coinvolgere, da continui colpi di scena: ironia, verità, exploit di rabbia e violenza allo stato puro, che pur sconfinando e scalfendo i nostri limiti razionali di giustizia e morale, di vero o falso, di nero o bianco, di giusto o sbagliato ci prendono inevitabilmente per mano.
Per chi non li conosce, un invito sentito alla loro scoperta. Ed un consiglio: fatevi amico Bubba!

In seguito ho rintracciato gli altri episodi della saga Kenzie/Gennaro, ed infine con l’uscita di Mystic River, una pausa.

Perché questa è stata la scelta di Lehane, un allontanamento fisiologico dalle sue creature.
Ma non ci ha lasciato soli ed intristiti.
Anche se non siamo in macchina, con Kenzie/Gennaro alla ricerca o alla fuga, da malviventi o alla loro caccia, anche qua il ritmo a volte è fiato sul collo.

In Mystic River, ci sono momenti di trepida attesa, di sentimenti persi e ritrovati.
L’episodio del rapimento, è un punto chiave. Quello che li univa, verrà cancellato. Così dal giorno dopo il ritrovamento del piccolo Dave, ognuno farà la propria strada, consapevoli di aver lasciato dietro di loro “un tassello”.
Tutta la storia di per sè è una lunga tragedia, di vite qualunque. Chi come il piccolo Dave dovrà inventarsi una vita nuova per sopravvivere; chi come Sean lotta con la sua scelta di vita personale e infine Jimmy padrone delle vite altrui.
Ho letto da qualche parte che S. King, un giorno ha detto di portarsi, quando va in vacanza, sempre un libro di Lehane. Beh! Mi sembra un complimentone, che ne dite?


Bibliografia:


Serie di Patrick Kenzie ed Angela Gennaro

1994 – Un drink prima di uccidere - Piemme
1996 – Buoi prendimi per mano - Piemme
1997 – Sacred (mai arrivato in Italia)
1998 – La casa buia - Piemme
1999 – Pioggia nera - Piemme

Altri romanzi

2001 – Mystic River - (La morte non dimentica) – Piemme
2003 – L’isola della paura - (Shuttler island) – Piemme
2006 – Fuga dalla follia – Piemme


Una recensione di Patrizia Cau






Recensioni ed articoli relativi a Dennis Lehane

(1) La furia di G.M. Ford - RECENSIONE
(2) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(3) L'isola della Paura (Shutter Island) di Dennis Lehane - RECENSIONE
(4) La morte non dimentica (Mystic River) di Dennis Lehane - RECENSIONE
(5) Il meglio del mystery di A cura di Donald Westlake - RECENSIONE

Testi di Dennis Lehane pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Patrizia Cau

(1) Post-punk (1978-1984) di Simon Reynolds - RECENSIONE
(2) Il diluvio di Maggie Gee - RECENSIONE
(3) I racconti dei Vedovi Neri di Isaac Asimov - RECENSIONE
(4) Mentre dorme il pescecane di Milena Agus - RECENSIONE
(5) Manituana di Wu Ming - RECENSIONE
(6) Testimone inconsapevole di Gianrico Carofiglio - RECENSIONE
(7) Gomorra di Roberto Saviano - RECENSIONE
(8) Cecità di Josè Saramago - RECENSIONE
(9) The Dark Side - Il Lato Oscuro di A.A.V.V. - RECENSIONE
(10) L' isola della Paura (Shutter Island) di Dennis Lehane - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-04-14
VISITE: 25647


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali