Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [24/02/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Tra le sfumature di rosa e di rosso scadenza 2021-02-26    Premio letterario SPAZIO AUTORI scadenza 2021-02-28    "Rinascita" scadenza 2021-02-28    Premio Letterario Nazionale Bukowski scadenza 2021-03-09    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
37 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Ali il magnifico
di Paul Smail
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Feltrinelli
Prezzo € 12 -
ISBN 9788807818318

Una recensione di Stefania Lo Sardo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9060
Media 79.85 %



Ali il magnifico

Traduzione dal francese di Yasmina Melaouah

Sid Ali: ragazzo prodigio delle periferie parigine, giusta via di mezzo tra dandy e bohemien, colto e globalizzato, raffinato e dissipatore. Decide un giorno per caso di diventare una star e dà inizio alla brillante carriera del “Serial killer dei sacchetti di plastica”. La narrazione procede come una ricostruzione nella quale il protagonista, che si trova in un carcere di Lisbona, mette insieme i pezzi della storia che lo ha condotto fino all’arresto.
Così inizia l’avventura del ragazzo dal QI 137, che riesce a imparare tutto a memoria in fretta e per sempre, che ama Rimbaud, le BMW, Paul Smail (del quale ha ovviamente letto tutti i romanzi) e i sacchetti di plastica; che prima si innamora della bella Djamila e poi finisce a fare il marchettaro col suo nuovo amore, il bel Rabah.
Questo portentoso ragazzo, primo della classe senza sforzi, cultura personale superiore alla media, finisce per intessere un rapporto intellettual-platonico con la sua professoressa di letteratura, donna da lui ammirata e dalla quale viene sinceramente rispettato. Magnifica guida per il brillante Sid, compagna di bicchieri di vino da sorseggiare mentre le note di Mozart svolazzano intorno (come farà mai Mozart per regalarci ogni nota, ogni tocco, ogni sfumatura insieme al suo esatto contrario: scegliete!Vi lascio la vostra assoluta libertà di uditori, come a un fratello, a un amico, ma sì, ma sì…Mozart: massimo rispetto!), la prof. finisce per essere la sua prima, e mai scoperta, vittima.
Il filo del discorso viene continuamente interrotto dalle digressioni di Sid Ali, che a volte hanno lo scopo di attaccare l’imbecillità che dilaga nella realtà, altre volte sono il puro fantasticare di un ragazzino che, tramite visioni iperboliche consone a un adolescente, può permettersi di salire la scalinata di Cannes con la sua attrice preferita e rivolgere alle telecamere il suo irriverente dito medio. Oppure può diventare il manager di Giovanni Paolo II (ti do del tu, eh, abbiamo Dio in comune) e fare di Papa GPII una star che sbanca col suo ultimo cd.
È il racconto in prima persona di un ego esagerato, un racconto intelligente e frammentario, febbricitante ma preciso, dal quale viene fuori questo straordinario ribelle francese di origini algerine che nelle sue deliranti divagazioni contro la società moderna non risparmia nessuno: il governo francese, quello algerino, la società dei telegiornali e delle pubblicità prive di fantasia. L’intero assetto mondiale viene smantellato e deriso. Ma si salva la musica algerina (quella d’autore ovviamente!), la buona letteratura, l’amore sincero impersonato da due occhi celesti incontrati casualmente a Lisbona. E, soprattutto, si salvano quelli come lui, gli scellerati ai quali sorride la vita.

Come scrive l’amico Rimbaud, Arthur: Cris, tambour, danse danse, danse, danse!
L’hai detto l’hai, Sid Ali!
Non smetterò mai di stupirvi.


Una recensione di Stefania Lo Sardo






Recensioni ed articoli relativi a Paul Smail

(1) Ali il magnifico di Paul Smail - RECENSIONE

Testi di Paul Smail pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Stefania Lo Sardo

(1) All’Est del Mediterraneo di Abd ar-Rahman Munif - RECENSIONE
(2) L’uovo del gallo di Muhammad Zefzaf - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-07-22
VISITE: 19898


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali