Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [05/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Tre poesie di Marinella Giuni     Su una stinta panchina di Angelo michele Cozza     Il Gatto Nero di Sandro Fossemò     Leggerezza di Elena Cacciapuoti     Estate di Annalisa Franza    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Disìo
di Silvana Grasso
Pubblicato su SITO


Anno 2005 - Rizzoli
Prezzo € 17 - 251 pp.
ISBN 9788817007252

Una recensione di Lucia Sedda
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10637
Media 79.14 %



Disìo

Era incontaminata la luna da quel cancro, il Giudizio, che ogni uomo ha in sé nascendo, solo perché viene al mondo, solo perché sarà nome nell’anagrafe del paese. La luna non doveva giudicare, né capire né patire. La luna era solo la luna. Memi invece non è solo Memi. È anche Ciane. È una donna scampata da feto al ferro da calza nell’utero di sua madre. Memi è una donna che sfida tutto, per prima cosa sé stessa e la lontana incomprensione nei confronti di sua madre. Sfida il passato e la sua infanzia guastata dal venditore di ghiaccio e dall’ossessione di quei capelli rossodiavuli per i quali ha pregato inutilmente Dio un’imminente calvizie. Ritorna in Sicilia quando è gia diventata Ciane, psichiatra a Milano, prossima a divenire primario, senza più alcuna inflessione meridionale, stentano a riconoscere tutti la sua sicilianità ben celata, prossima ad una nuova metamorfosi, al contrario. Ritorna in Sicilia perché ha giudizio, non è una semplice luna. Memi ritorna e vince un concorso già assegnato, quindi impossibile. Ritorna nella sua città, turistica e ventosa, nominata in tutto il romanzo con tre semplici asterischi, forse in rappresentanza di qualunque cttà della Sicilia, o forse perché al posto di quei tre asterischi l’autrice avrebbe voluto inserire il nome della propria città rischiando l’autobiografia. La città di Memi è governata dalla mafia, personificata da più elementi. Dal direttore sanitario viscido e arrogante Dolcemascolo, dall’inetto governatore della Sicilia e soprattutto dal fratello di questi, Emilio, tetraplegico per una caduta in acqua a ferragosto, ma acuto filosofo e finissimo conoscitore di opera. A *** niente è come sembra, e questo preambolo fatto dall’autista dell’autobus che porta la protagonista in un albergo vicino al mare, segue l’intero romanzo senza pausa. Scopriamo un sistema che farebbe ridere se non fosse terribile. Sarebbe ironico se non fosse spietato. Mafiosi che presenziano in prima fila ai funerali delle persone che hanno ucciso e che intavolano i migliori discorsi di cordoglio. Che organizzano perfettamente le elezioni, preparandole a tavolino, inscenando dei conflitti elettorali più studiati di uno spettacolo teatrale. E poi le manifestazioni per la legalità e le serate di gala contro il loro stesso sistema , tutta apparenza affinchè la parvenza fuori e dentro l’isola sia quella di un mutamento imminente. Niente cambia. La metamorfosi di Memi si incrocia con quella anelata per la sua cittadina ma, come la sua, è destinata ad arrancare davanti all’omicidio del nuovo procuratore che per un atto di coraggio ritorna al nord dentro una bara. O a quello dei due giovani tossicodipendenti del Sert che Memi stessa gestisce, bruciati vivi nel canneto davanti al suo albergo, solo per un avvertimento. Nel paese dei tre asterischi e in tutti quelli della Sicilia niente può cambiare. Il procuratore ucciso viene sostituito con un altro picciotto sperto ed affidabile, uno della nostra razza, come lo definisce Dolcemasculo. Uno che chiude gli occhi senza aprire alcun fascicolo davanti a rifiuti speciali smaltiti in maniera sbagliata, ad appalti progettati ancor meglio delle elezioni, o a reparti dell’ospedale che esistono solo sulla carta. Non porta i tacchi a spillo ma è buttana lo stesso. In un susseguirsi di eventi, torna anche al cimitero a trovare sua madre, dove in un loculo c’è anche quell’aborto tra le lenzuola perfetto quasi in tutto tranne che per le unghie , accuratemente riposto in una scatola di scarpe. Quelle sue preferite, da bambina, di vernice nera. La battaglia della metamorfosi pertanto si confonde. I tempi della sua vita si scontrano. I ricordi fanno a pugni con il presente. E la disperazione di essere immobilizzata davanti agli eventi che le scorrono addosso, si confonde con quella di lei bambina e dei suo capelli rossodiavuli che non si sono mai staccati dalla sua testa, nonostante le preghiere. Memi donna e Memi bambina si affrontano e si scontrano. Perdono entrambe, come il ragazzo, figlio di contadini e che, con il massimo dei voti, si laurea al nord per poi ritornare in Sicilia, anch’egli per il concorso da primario. Ma si ammazza perché sa anche lui che niente è cambiato. Quel concorso, simbolo dell’illegalità mafiosa è simbolo della possibilità di cambiamento. Ma se Memi lo vince e per un attimo sembra che qulcosa sia cambiato, in realtà tutto è ancora come prima. E Dolcemasculo e gli altri quella buttana vogliono farla fuori. Perché il sistema a *** funzionava esattamente come in una tonnara, se i tonni ci entravano nella camera della morte era mattanza sicura. I tonnaroti che armati di arpione cusivano un cerchio di barche attorno al mare erano un sodalizio, quasi una confraternita religiosa. Così funzionava la mafia quando funzionava davvero, una rete grande e invisibile, un’intesa di molti, un successo sicuro, un’onesta spartizione di potere. Il romanzo è interessante dal punto di vista drammaturgico ma non osserva una costante di omogeneità . Inizialmente stenta a decollare nel lungo racconto della veglia di sua madre, poi riparte inaspettatamente con l’introduzione dei nuovi personaggi e per un attimo si ha la sensazione di aver perso di vista la protagonista, come se persino l’autrice se ne fosse dimenticata. Poi i fili riappaiono e la narrazione diventa più comprensibile. Quanto alla scrittura, lo stile della Grasso gonfio di sicilianismi e di metafore appesantisce spesso il racconto costringendo il lettore a saltare intere righe per arrivare al nocciolo della storia. Se la scrittura fosse più misurata, più scarna e meno arcaica il romanzo ne guadagnerebbe in forza narrativa e in intensità. Comunque un romanzo da leggere, da assoporare, da riflettere. Uno sguardo cinico e impotente su un’illegalità che non ha mai fine.


Una recensione di Lucia Sedda






Recensioni ed articoli relativi a Silvana Grasso

(1) Disìo di Silvana Grasso - RECENSIONE
(2) La pupa di zucchero di Silvana Grasso - RECENSIONE

Testi di Silvana Grasso pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Lucia Sedda

(1) Il lupo mercante di Clara Sereni - RECENSIONE
(2) Sardinia Blues di Flavio Soriga - RECENSIONE
(3) Firmino - avventure di un parassita metropolitano di Sam Savage - RECENSIONE
(4) Prenditi cura di me di Francesco Recami - RECENSIONE
(5) Il superstizioso di Francesco Recami - RECENSIONE
(6) L' eleganza del riccio di Muriel Barbery - RECENSIONE
(7) Mentre dorme il pescecane di Milena Agus - RECENSIONE
(8) Pollo alle prugne di Marjane Satrapie - RECENSIONE
(9) Vita sentimentale di un camionista di Alicia Gimenez Bartlett - RECENSIONE
(10) L' analfabeta di Agota Kristof - RECENSIONE
(11) In principio erano le mutande di Rossana Campo - RECENSIONE
(12) La pupa di zucchero di Silvana Grasso - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-12-10
VISITE: 14250


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali