Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [07/05/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    OCEANO DI CARTA scadenza 2021-05-07    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie di Edoardo Firpo     Come prima di Maria rosaria Teni     Mio Padre di Giulia Calfapietro     Mistero ( Silloge) di Jacob Von bergstein     Poesie sparse di Leonardo Taverni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
36 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Parole di fuoco
di Daniela Montanari
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Rupe Mutevole Edizioni
Prezzo € 10 - 64 pp.
ISBN 9788896418918

Una recensione di Alessandra Di gregorio
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9362
Media 79.55 %



Parole di fuoco

(estratto)
La nebbia

Non minaccia
ma cambia umore all’improvviso, acceca.
È come la rabbia.
Non è esuberante, non mette allegria, costringe,
eppure accoglie:
è come un prete.

Piuttosto si fa seria, sbuffa, e poi tace
e il frastuono del traffico
diviene un suono attutito.
Non è un’amica, somiglia di più a una parente
fa parte del tutto,
del luogo e soprattutto dei ricordi.

C’erano anni in cui grazie
al suo espandersi completo
gli amanti potevano abbracciarsi
a due passi da casa.
Diveniva una complice discreta
che avvolgeva
e custodiva:
segreti e sbornie, rabbia e desiderio
voglia di scappare e di restare.

Un miscuglio di caldo e freddo,
come una miscela di tanti caffè…
l’odore è forte,
ma rischi di non dormirci la notte.
Nelle campagne regnava sovrana,
le avvolgeva e divenne così ‘la bassa’
e nelle città era un po’ come un monumento,
veniva ammirata.

Nella Premessa, l’Autrice dichiara, parlando di sé, il suo amore per la poesia e al contempo la necessità, per ognuno, di accedere alla stessa, quale luogo ospitale, in cui, sempre a sua detta, non è così difficile giungere. Come darle torto? Certo, in realtà è più facile a dirsi che a farsi, perché – e ne abbiamo le prove – avere senso poetico è un conto, fare poesia vera è tutta un’altra storia… Non dimentichiamoci che ogni essere umano è fornito di sentimenti. Non per questo ogni persona al mondo è in grado rendere un atto o un sentore, un atto od un sentore poetici.

La Montanari, infatti, a questo proposito, eccede in ingenuità principalmente a livello tematico ed espressivo (in generale ‘stilistico’), due pecche piuttosto rilevanti, che privano di un vero stile le liriche più ‘deboli’. Eccede in ‘colloquialismi’ e venature di ‘parlato’ – come a dire che non canta ma parla sulla musica – e si rapporta al testo poetico come a quello in prosa (trovo apprezzabile tuttavia la spontaneità, l’ingenuità, la leggerezza). In sostanza, più che verseggiare, l’Autrice scrive, affabula, gioca a fare il cantastorie, ‘recita ad alta voce un libro per bambini’, ‘fa le facce’, e per questo l’intento poetico viene tradito proprio nel momento in cui va a metterlo per iscritto.

Molte volte manca un adeguato calibro anche per quanto riguarda la tempistica del segno (un buon poeta ha prima di tutto pazienza rispetto alle proprie fonti di energia ed ispirazione – aspetta che il verso abbocchi, non va a cercarlo per forza né si accontenta del primo che ha preso, e sa soprattutto cosa tenere e cosa eliminare). L’Autrice non si prende i giusti tempi per elaborare e tradurre il pensiero, dunque si affanna ad andare di getto e questo la penalizza in più di un caso. Cosa spinge la Montanari in questo senso? Probabilmente una buona verve e un entusiasmo invidiabili, ovvero nulla di così irreparabile. Se mettessimo a confronto, però, queste poesie con uno dei suoi libri in prosa, riscontreremmo che il secondo ha più senso poetico delle prime. Ciò che allora viene in mente è che l’Autrice in verità è una buona narratrice. Tant’è che sfogliando una o più volte la sua raccolta, è possibile rintracciare qui e lì testi davvero apprezzabili come l’estratto di cui sopra. Solo quando cioè l’ispirazione è tale e tanta da gratificare appieno il suo bisogno di creare intorno al testo un contesto, un manto di spessore e trasversalità, ella realizza il suo personale senso estetico della poesia da lei intesa.

Dalla sua ha di sicuro una buona ricchezza verbale che le permette di evitare di girare a vuoto con un lessico che vada a compromettere i passaggi più ‘poveri’. Al tempo stesso, però, è proprio nell’eccesso di verbosità che ella tende a perdere, tant’è sfuggente, un tono più autenticamente poetico ed estetizzante in senso stretto.

Tra le tematiche care all’Autrice, la sua città, Bologna, l’amore, la condizione della donna, il rapporto col sesso maschile e col proprio Io.


Una recensione di Alessandra Di gregorio






Recensioni ed articoli relativi a Daniela Montanari

(1) Parole di fuoco di Daniela Montanari - RECENSIONE
(2) Donne senza fede di Daniela Montanari - RECENSIONE

Testi di Daniela Montanari pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessandra Di gregorio

(1) Il verme (Una favola moderna) di Gionata Soldatini- Il Parere di PB
(2) Cavalcando il bene e il male di Antonio Rubino- Il Parere di PB
(3) Via Crucis per corpo e anima svestita di Francesca Mazzuccato- Il Parere di PB
(4) Qualche lontano amore di Carla De Bernardi - RECENSIONE
(5) Sul filo di lama di Marcellino Lombardi - RECENSIONE
(6) Sangue di rosa scarlatta di Vittorio Graziosi - RECENSIONE
(7) Tu non sei bionda di Lupo77, Desta83 - RECENSIONE
(8) Terra silenziosa di Alberto Scuderi - RECENSIONE
(9) Donne senza fede di Daniela Montanari - RECENSIONE
(10) Antimateria di Andrea Blu - RECENSIONE
(11) Non prima di te di Paolo Scriboni - RECENSIONE
(12) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(13) Per Elisa di Azzurra Mangani - RECENSIONE
(14) Dus Dopo una sbronza di Gionata Soldatini - RECENSIONE
(15) Dolcetti e Scherzetti di a cura di Matt Bernstain Sycamore - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-02-01
VISITE: 15864


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali