Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [09/05/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     La chimica dell’odore di Amedeo Bruni     Eclissi di donna di Debora Palmieri     Raccolta da sonno perso di Simone Notari     Miraggio di Alberto Moretti Ricci     Poesie di Edoardo Firpo    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
36 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Dinastia di morti (Titolo originale: Strangler’s Serenade)
di Cornell Woolrich
Pubblicato su SITO


Arnoldo Mondadori
236 pp.

Una recensione di Heiko H. Caimi
UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 12366
Media 78.89 %



Dinastia di morti (Titolo originale: Strangler’s Serenade)

ISOLA DI MORTE

In questo romanzo del 1951 Woolrich ci presenta Champ Prescott, un giovane poliziotto in vacanza forzata, mentre arriva alla stazione dell’isola di Joseph’s Vineyard. Una stazione desolata, vuota, avvolta in un silenzio di morte. E, al centro del vuoto, lui, “un’isolata figura umana” che si guarda intorno. E intorno continuerà a guardarsi per tutto il romanzo, con la decisione del poliziotto di città (proviene infatti da New York, e soggiorna di malavoglia sull’isola in seguito ad un ferimento da parte di un criminale), ma anche con la timidezza e l’impaccio di un uomo innamorato. Si, perché la seconda persona che incontra sull’isola, Susan Marlow, anche lei newyorchese e pittrice dilettante, lo stregherà fin dal primo istante.
Champ ha prenotato una stanza a casa Hopkins, ma non sa dove si trovi l’abitazione. Chiede indicazioni alla prima persona che incontra, Lon Bardsley, una persona che non tarderà a manifestarsi per quello che è, l’idiota del villaggio, ma un idiota che sa tante cose, e che fornirà al protagonista la pista per la propria indagine. Perché Champ non farà in tempo a raggiungere casa Hopkins che si imbatterà nel primo di una serie di omicidi. Anzi, di un omicidio mascherato da suicidio. E gli ci vorrà del bello e del buono a convincere lo sceriffo dell’isola ad aprire un’indagine, anche perché questa si rivelerà presto molto scomoda.
Gli omicidi si susseguono, e sono tutti apparentemente scollegati se non per il modus operandi dell’assassino, che strangola le sue vittime. Ma Prescott non tarderà a trovare il bandolo della matassa, anche se la mancanza di alcune informazioni gli renderà difficile portare a termine la propria investigazione. Anche perché “la collera si può facilmente controllare in un individuo. Ma in una folla la collera è una forza inarrestabile. Deve esplodere prima che possa dissiparsi: non ha altra valvola di sicurezza che questa. (…) Le folle sono bizzarre. Saltano alle conclusioni in un baleno, ma non sono disposte a cambiarle altrettanto in fretta”. E la folla sarà uno dei maggiori ostacoli che Champ dovrà superare.
Il romanzo di Woolrich scorre e appassiona come tutte le opere dello scrittore statunitense (uno degli autori, tra l’altro, più saccheggiati dal cinema), e si dipana attraverso la varia umanità che compone la comunità di Joseph’s Vineyard. La soluzione dell’enigma è forse un po’ prevedibile, e ancora di più per il lettore italiano, poiché il titolo dell’edizione nostrana già contiene un elemento della soluzione, purtroppo. Ma il ritmo e l’acuto dosaggio delle scene, equamente divise tra indagine e rapporti umani, conducono fino alla fine senza respiro, e la relativa prevedibilità del finale viene resa intensa e coinvolgente dalle conseguenze relative all’identità dell’assassino. La storia d’amore, poi, finisce in maniera non banale, in perfetta armonia con il suo svolgimento difficoltoso.
Impagabile, poi, la maliziosa ambiguità di alcune scene, tipiche di Woolrich. Quando Susan Marlow si trova ad impugnare per la prima volta una pistola, per esempio, l’autore ci descrive le sensazioni della protagonista in questo modo: “Una pistola era una cosa meravigliosa. Non c’era da stupirsi che gli uomini ci tenessero tanto a possederla. Prima di allora non aveva mai capito perché: adesso lo sapeva. Anche troppo bene”.
Ma non si deve pensare che la forza del romanzo stia soltanto in queste simpatiche facezie: le notazioni sociologiche e umane, inserite con leggerezza ed efficacia, senza mai risultare invadenti, ci danno l’efficace spaccato di una piccola comunità isolata, e i personaggi sono tanto bizzarri quanto verosimili.
Non certo il miglior romanzo di Woolrich, ma una lettura piacevole e non necessariamente fine a se stessa.


Una recensione di Heiko H. Caimi






Recensioni ed articoli relativi a Cornell Woolrich

(1) Dinastia di morti (Titolo originale: Strangler’s Serenade) di Cornell Woolrich - RECENSIONE

Testi di Cornell Woolrich pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Heiko H. Caimi

(1) DanteSka di Giuseppe Ciarallo - RECENSIONE
(2) La vedova Couderc di Georges Simenon - RECENSIONE
(3) Alla periferia di Alphaville - Interventi sulla paraletteratura di Valerio Evangelisti - RECENSIONE
(15) La guerra di Caio di Roberto Betz - RECENSIONE
(16) Odore di parole di Claudia Farnedi - RECENSIONE
(17) Il meglio del mystery di A cura di Donald Westlake - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2005-06-10
VISITE: 20484


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali