Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [25/10/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

1527 I lanzichenecchi a Roma
di Andrea Moneti
Pubblicato su PBSR2006


Anno 2005 - Stampa Alternativa
207 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9529
Media 79.44 %



1527 I lanzichenecchi a Roma

Un ammirevole affresco, di un particolare momento della storia d’Italia, il 1527 e dintorni, in cui, spesso in stridente contrasto con gli ultimi e ancor gloriosi bagliori del Rinascimento, trovano posto le mire espansionistiche dei sovrani europei, l’esasperazione del machiavellismo, l’oscena depravazione, mista a magnificenza, dalle tinte ormai barocche, di una corte papale dedita al mecenatismo, all’intrigo politico, al lusso e alla lussuria, la predicazione di Lutero, la rivolta dei contadini in Germania e le repressioni, la rovinosa discesa dei lanzichenecchi, turbolenti, feroci, votati al sacrilegio e al massacro, il Sacco di Roma per opera delle truppe di Carlo V, la sozzura materiale e morale della peste, l’inizio del “lavoro” dell’Inquisizione, la multiforme quotidianità del vivere. Temi, eventi storici, personaggi, rappresentazioni, dalle forti tinte caravaggesche, del miserabile mondo degli umili, dello squallore di prostitute e malandrini pronti a tutto, del generale disorientamento, dell’incalzare tumultuoso di sentimenti, delle speranze, delle paure di divine punizioni e di presenze diaboliche nella Storia, della confusione di credenze e superstizioni, che qualificano Andrea Moneti, che con il suo Eretica Pravità ha già conseguito numerosi e prestigiosi premi letterari, come fine conoscitore dei meandri più reconditi dell’animo umano e, nello stesso tempo, come metodico e appassionato studioso delle condizioni socio-culturali della Roma di fine Rinascimento, nonché di eventi europei di vasta portata storica e delle loro interconnessioni. Un romanzo, 1527-I lanzichenecchi a Roma, di indiscutibile pregio, già vincitore del Primo premio narrativa edita Michelangelo, X Edizione, destinato ad ulteriori meritati riconoscimenti e ad appagare un vasto pubblico di lettori. In linea con la scelta di ordine storico-realistico, l’autore concede piena libertà di realizzazione ai protagonisti del romanzo. Così è per Heinrich, la cui evoluzione spirituale verso la salvezza è lenta e tormentata, anche se ne sono subito ravvisabili le premesse nel suo inconsolabile dolore per la morte della sposa, nella sua riverenza di fronte ai segni del passato grandioso di Roma e nello sgomento al pensiero della decadenza, nella sua gentilezza, nella propensione a difendere i deboli da una gratuita violenza; ma lo scontro tra bene e male non perviene, ed è anche qui libertà di realizzazione, a momenti di forte tensione drammatica. Così è per Angelica, che rappresenta la funzione salvifica dell’amore e che passa da abbattimenti e preoccupazioni morali di stampo medievale a momenti d’esaltazione in un amore libero da preconcetti d’ordine morale e religioso. Due personaggi, emblemi della possibilità del bene e dell’amore di vincere sulla barbarie, interessanti e ottimamente rappresentati, al di là di certe insistenze nella descrizione dei loro tratti spirituali. Dopo un inizio in stile quasi futurista, il libro s’impone subito per il magistrale realismo delle immagini di violenza, di sofferenza, di strazio di corpi, di stragi efferate, di panico, rabbia, furore, smarrimento, a cui, spesso, fa da sfondo una simbolica fredda luce lunare, che richiamano, contemporaneamente, alla mente del lettore Guernica di Picasso e Angoscia e, soprattutto, L’urlo di Munch. Ben distribuita ed armonica l’alternanza di storia e d’invenzione; di considerevole livello artistico i momenti di mesta elegia e alcuni monologhi da tragedia greca; atte a soddisfare la curiosità e le esigenze di particolari lettori le descrizioni particolareggiate di tattiche militari, armi e battaglie; alquanto analitiche e scopertamente dotte alcune disquisizioni di ordine storico, morale, religioso, politico, e, sulla stessa linea, alcuni dialoghi, a volte a tesi; interessanti i momenti di giallo. Andrea Moneti domina la complessa ed impegnativa materia dall’inizio alla fine e riesce, abilmente e sapientemente, a condurre ad unum la narrazione con misurate, ma forti, sentenze, messe in bocca a messer Stefano, sull’assurdità e l’inutilità delle guerre, sulla necessità del dialogo, sul potere che non è mai buono e che perpetua “il dolore della storia”, ma soprattutto con l’approssimarsi dello sbocciare dal grembo di Angelica, del fiore dell’amore, la ripresa della vita a Roma e i segni inequivocabili della renovatio spirituale di Heinrich. “Chiuse gli occhi, inseguendo i suoi pensieri, liberi e incostanti come il volo di una rondine. Sentì il mormorio del vento e il timido calore dei raggi del sole. E pensò che quello doveva essere il sorriso di Dio”. (Dalla recensione pubblicata su www.latelanera.com)


Una recensione di Simonetta De Bartolo






Recensioni ed articoli relativi a Andrea Moneti

(1) Il mercante di eresie di Moneti Andrea - RECENSIONE
(2) 1527 I lanzichenecchi a Roma di Andrea Moneti - RECENSIONE

Testi di Andrea Moneti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(10) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
(11) La Collina di Petrìn di Nicola Platania - RECENSIONE
(12) Fiori di vetro di Antonietta Gnerre - RECENSIONE
(13) Il mercante di eresie di Moneti Andrea - RECENSIONE
(14) Il bravo figlio di Vittorio Bongiorno - RECENSIONE
(15) L' eterna notte dei Bosconero di Santi Flavio - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2005-10-10
VISITE: 16959


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali