Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [24/10/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La distanza da compiere
di Danilo Mandolini
Pubblicato su PBSR2006


Anno 2004 - Edizioni L’Obliquo
Prezzo € 11 - 76 pp.

Una recensione di Norma Stramucci
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5639
Media 78.82 %



distanza da compiere;La

Vengono espresse le impronte prima del loro accadere nel libro che, per le Edizioni L’Obliquo, pubblicato nel 2004, Danilo Mandolini intitola La distanza da compiere. E non potrebbe essere altrimenti per versi che si inerpicano per un sentiero dove il futuro è già passato, e dunque è possibile vi sia “spasmodica attesa” di quanto è già trascorso, in una concezione bergsoniana di un tempo che, nella sua oggettività non può che essere un’astrazione poiché, nel proprio sussulto, non va in una unica direzione ma addirittura ritorna in una “nuova attesa del dopo” in cui ritrovare persino “i ricordi di domani”.
E dunque, sulla scia dell’insegnamento heideggeriano di Essere e tempo, Danilo Mandolini concepisce il presente, il mero istante, come il tempo dell’inautenticità, della chiacchiera, dell’egemonia –lui chiaramente aggiunge- della mercificazione. Certamente Mandolini, presa coscienza della propria solitudine, sa che non è possibile fissare definitivamente il significato dell’esistenza umana, che per farlo sarebbe necessario conoscere la propria morte e la morte stessa della storia. Ma dal proprio orizzonte ha deciso di non escludere la morte, praticamente di essere-per-la-morte, considerata la sua ineluttabilità in un percorso che è appunto, la distanza da compiere.
E così, metaforicamente, compaiono nel libro tanti limiti, confini: una mattonella è il confine al quale si ferma il vento (pag.9); una spiaggia è “periferia orizzontale della terra” (pag.11); persino “il fondo” ha il suo limite e dal molo divide un “vetro appannato”(pag 16), una “battigia” nasconde il livello autentico dell’orizzonte; confine ai ricordi è “la bocca” (pag. 41), persino il mattino ha “l’orlo” (pag. 43), e “sacchi di sabbia” sono il limite per non sentire “il lamento acuto del mondo” (pag.49); limite ha “la sera” (pag 69). La metafora è rivelata senza alcuna ambiguità nei versi con i quali il libro si chiude: l’ultimo confine, e dunque “L’approdo” sarà “all’apertura di una porta bianca/ sui suoni sordi della piazza/ e sugli uomini che verranno.”
Rifuggendo però istintivamente la prigione di ogni categoria mentale, come Montale (già presente con il tema dell’assenza in Sul viso umano, Edizioni L’Obliquo, 2001) Danilo Mandolini cerca e nega la possibilità del varco, e nella consapevolezza che la vita è un “fragile delirio” (pag.25), che quello umano è “frenetico affanno” (pag. 59) vengono alla mente i celeberrimi versi di Gozzano: “Verrà da sé la cosa / vera chiamata Morte: / che giova ansimar forte / per l’erta faticosa?”, e nonostante i registri stilistici siano pressoché opposti, il “fronte” di Mandolini ancora rimanda a Gozzano: “il mondo: quella cosa tutta piena / di lotte e di commerci turbinosi…”, così come pure appare spontaneo il riferimento al Montale di Satura.
La frequenza di tutto Montale, come di altri poeti della nostra tradizione, è inoltre più volte con intenzionalità, dichiarata. E così si hanno espressioni come “tremando alla luce” (pag 48) che si ricollega al “trema la luce” del libro precedente e rimanda al Montale di “Cigola la carrucola nel pozzo”, come “abisso dell’aria” (pag 39) che fa pensare al Pascoli di “Vertigine”; si hanno parole come “parvenza” di evidente ispirazione sabiana, come il “seme”, che rimanda a Scataglini, come “erta” che richiama il D’annunzio di Alcione poiché a pag 21 si era ascoltato il “silenzio del mare” e ci si rammenta che in Sul viso umano si era letta l’espressione “chissà dove”…
Persino Pirandello è rintracciabile in questi versi e ancora di più in quelli di Sul viso umano (al quale questo nuovo libro è fuor di dubbio legato, e lo dimostra la lirica di pag. 36 dove ricompare il “profilo del viso”) e non tanto per termini come “maschera” (pag. 41) o “caos” (pag.28), quanto per l’idea quasi dell’inappartenenza dell’uomo a sé stesso; idea più che rappresentata in Sul viso umano, soprattutto nella splendida lirica dedicata a Francesco Scarabicchi (pag.32) che non può non far pensare alle meditazioni sulla propria forma del protagonista della novella “La carriola” oltre che alle parole di Moscarda in Uno, nessuno, centomila. Solamente che ne La distanza da compiere, Mandolini non ha neanche più bisogno di specchi…
Come del tutto interiorizzato e fatto proprio è quel Leopardi molto evidente nel precedente libro, e basti come esempio l’espressione “è già fango”. In La distanza da compiere il rapporto, ormai del tutto personalizzato, di Mandolini con Leopardi è esplicitato a pag 37 più che per mezzo della parola “quiete” con l’uso del termine “vecchiezza”.
Una scrittura pacata e misurata appare questa di Danilo Mandolini, quasi che la drammaticità dell’urgenza di esprimere, in una propria “analitica esistenziale”, la condizione dell’essere-nel-mondo potesse solo in tale modo risolversi. E rasserenata ne risulta persino l’angoscia. Heiddegger, certo, con i suoi esistenziali: il primo: l’essere-nel-mondo corrisponde all’essere-gettati-nel-mondo (“il peso non ricordato del nascere”, pag. 61); il secondo: l’autenticità fa vivere con quel distacco proprio solo di chi accetta il proprio essere-per-la-morte, consapevole di non dovere mai cedere alle illusioni, tuttalpiù a una minima speranza: “…che il rettangolo aperto per noi, / sul muro sconnesso che ci precede, / si chiuda sempre con poca forza / lasciando un sottile spiraglio / per i ricordi di domani.


Una recensione di Norma Stramucci






Recensioni ed articoli relativi a Danilo Mandolini

(1) La distanza da compiere di Danilo Mandolini - RECENSIONE

Testi di Danilo Mandolini pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Norma Stramucci

(1) Giochi di fuoco di Tommaso Alibrandi - RECENSIONE
(2) Il rovescio del dolore di Luigi Socci - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2005-10-10
VISITE: 12130


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali