Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [23/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Diary
di Chuck Palahniuk
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Mondadori
Prezzo € 15 - 286 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8178
Media 79.44 %



Diary

Tradotto da Matteo Colombo per la Mondatori, Diary di Chuck Palahniuk ci coinvolge sempre più, man mano che si procede nella lettura. Misty Marie Kleinman, aspirante artista, sposa l’enigmatico e stravagante Peter Wilmot, conosciuto all’Accademia. Vanno a vivere a Waytansea Island, dove, inizialmente, “tutto era perfetto”, nella casa che Misty ha sempre sognato, “Il sogno borghese di una bimba bianca con le pezze al culo”. “Poi venne fuori che si era sbagliata”. Peter è certo che diverrà presto una pittrice, ma il destino di Misty sarà ben diverso. Chuck Palahnuk, scrittore statunitense, autore di Fight Club, da cui è stato tratto il film diretto da David Fincher, e di altre originali opere, sembra sia del parere che, nella vita, tutto sia prestabilito e nessuno possa sfuggire al proprio destino. Misty ci riuscirà?
In Diary ritroviamo la descrizione insistente di ambienti interni e del loro arredamento e la focalizzazione, in particolar modo, dei colori, che abbiamo incontrato in Ninna nanna (Mondatori, 2003) dello stesso autore; ritorna, leggermente affievolita, la paura dell’ecoterrorismo; persiste la critica del progresso, ancora più accentuata e più incentrata sulla contaminazione delle bellezze naturali, sulla disumanizzazione e sul materialismo, imperanti nella contemporanea società. La morte è intesa come ritorno alla bellezza originaria. Con la morte, attraverso il fuoco purificatore, sull’isola si perpetua il ciclo dell’eterna lotta tra spirito e materia. L’autore dà una particolare e intelligente interpretazione del mondo fenomenico e del mondo delle idee di Platone. Tra il fantasy, l’horror e il grottesco, coordinati da un delicato e costante bilanciamento delle parti, domina il sentimento materno della protagonista per Tabbi, “L’opera d’arte di Misty. Sua figlia”. Lo scrittore fa esplicitamente riferimento, rinviando a La psicologia dell’inconscio, a Carl Jung, il grande studioso che per primo ipotizzò l’esistenza di un inconscio collettivo. Diary è un penetrare nell’io per tirar fuori, come in seduta psicanalitica, le motivazioni del comportamento dei personaggi e, quindi, l’ossatura della stessa trama, “tutto ciò che facciamo è un autoritratto…, sei condannato ad essere te stesso”. Angel Delaport, il grafologo, un deus ex machina fallito, esamina la scrittura (una serie di minacce e avvertimenti non chiari che fanno paura) di Peter Wilmott apparsa sui muri delle abitazioni da lui ristrutturate, sui muri delle stanze che scompaiono. Dalla grafia si risale al carattere; se la si ricalca con un dito, dice Angel a Misty, si conosceranno il pensiero e le sensazioni di chi ha scritto. Lo stile di Palahnuk sprigiona energia; scientifico, asciutto, privo di fronzoli, simile a quello di scrittori come Breat Easton Ellis, Irvine Welsh e Douglas Coupland.
L’autore manifesta con originalità il suo pensiero sull’universalità e sulla continuità nel tempo dell’Arte: l’Arte ha un’anima che s’incarna di generazione in generazione; la sua spiritualità, il suo amore per le varie forme della Bellezza operano una palingenesi, una rinascita, una catarsi nel fruitore. Lo scrittore ribadisce, altresì, la naturalità del genio portato all’Arte e la spontaneità dell’Arte stessa, tanto cara al Romanticismo. Grace Wilmot tiene un diario. Dice che è di Misty. In realtà, è, anche, di tutte le artisti che l’hanno preceduta e che facevano anch’esse parte della leggenda dell’isola, ”ogni cosa è un diario”. E’ il diario che Misty scrive a Peter in coma, nella speranza che si risvegli, e che stiamo leggendo noi? La tecnica del diario nel diario richiama alla mente la tecnica pirandelliana del teatro nel teatro.
Una volta terminato di leggere il romanzo, osserviamo, sul retro della copertina, la fotografia di Chuck Palahniuk: sembra raccontarci di suo nonno che uccise la moglie a colpi di pistola e, poi, si tolse la vita, e di suo padre che fu ucciso da una donna conosciuta con un annuncio sul giornale; “la sofferenza è la chiave dell’ispirazione”.


Una recensione di Simonetta De Bartolo






Recensioni ed articoli relativi a Chuck Palahniuk

(1) Andata e ritorno di Elena Ciurli - RECENSIONE
(2) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(3) Diary di Chuck Palahniuk - RECENSIONE

Testi di Chuck Palahniuk pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(10) Laurent di Emanuele Palmieri - RECENSIONE
(11) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
(12) Gatti dal Buio di AA.VV. - RECENSIONE
(13) La Collina di Petrìn di Nicola Platania - RECENSIONE
(14) Fiori di vetro di Antonietta Gnerre - RECENSIONE
(15) Il mercante di eresie di Moneti Andrea - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-07-19
VISITE: 13908


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali