Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [05/02/2023] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
2 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La Collina di Petrìn
di Nicola Platania
Pubblicato su SITO


Anno 2005- Editore Siciliano
Prezzo € 8- 80pp.
ISBN 9788874423514

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14871
Media 79.24%



La Collina di Petrìn

Il vento di una nuova cultura, quella nazionalsocialista, spira dalla Germania. Gli spiriti più accorti ne avvertono la minaccia. Le nubi del totalitarismo nazi-fascista si addensano e dilagano nel cielo dell’Europa. Ed è la conquista tedesca dell’Austria, della Cecoslovacchia. Per il momento. Ed è: Auschiwitz… La tempesta. Ma sotto il cielo della Cecoslovacchia risplende il mondo sereno dell’adolescenza di Giulia, turbata per la prima volta, siamo nel 1928, dallo sguardo preoccupato del padre; germoglia l’amore puro e disincantato per il suo precettore, tedesco, Scot Lorenz. Il sentimento si fa sempre più forte, prende linfa dalla crescente condivisione di profonde idealità e dalla consapevolezza che Dio è amore; si fortifica nell’idea che l’amore è dono di sé agli altri; si completa nello scenario di distruzione e di morte della guerra civile spagnola. Leggendo La Collina di Petrìn viene in mente un capolavoro del Giorgione, La tempesta: il cielo che s’addensa di nuvole premonitrici di catastrofe, lo sguardo preoccupato di una madre che allatta. Il brutto contro il bello, il bene contro il male, in eterna lotta. Nicola Platania ha saputo descrivere il clima di sospensione, prima, e lo svolgersi del dramma, poi, di una famiglia ebrea, che rappresenta un intero popolo; lo ha fatto con tratti essenziali, con brevi cenni, quasi di cronaca, sugli avvenimenti cruciali che segnarono il destino dell’Europa, riservando più spazio al discorso sulla cultura come confronto e necessità di conoscere l’altro, che trasversalmente passa attraverso la predicazione di Cristo, il pensiero di Kierkegard, di Ghandi, sul dovere morale di “ricercare la verità tra il Bene e il Male”, più spazio alla dolcezza dei ricordi dell’amore, delle risate, dei sogni, dei giochi, delle avventure. Niente grida strazianti di chi soffre, niente rancore verso chi tradisce suo fratello ebreo denunciandolo ai nazisti, ma tutto narrato con una tale compostezza che impone al lettore silenzio dello spirito, religioso rispetto, doverosa e profonda riflessione. Il libro vuole essere ricordo degli orrori nazisti, ma soprattutto esaltazione dell’amore universale, dell’esistere per essere con gli altri, celebrazione della Bellezza, del sogno, della giovinezza, dell’amore, della liberazione dall’angoscia della morte, rappresentata dalla collina di Petrìn, con cui si apre e si chiude, apparendo tra la nebbia, il libro, la collina dove “ad una certa ora del giorno” è facile morire, dove il rituale di morte si svolge tra sorrisi e preghiere di carnefici, raccomandazioni perché tutto sia fatto bene e velocemente, senza odio, senza rancore, poiché capire lo stretto legame che c’è tra la vita e la morte equivale a non esserne angosciati. Un libro che si legge con piacere, che lascia dentro di noi qualcosa. Tanto.


Una recensione di Simonetta De Bartolo



Recensioni ed articoli relativi a Nicola Platania

(0) La Collina di Petrìn di Nicola Platania - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Simonetta De Bartolo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(10) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
>>Continua (click here)



Altre recensioni:







-

dal 2008-04-03
VISITE: 22530


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali