Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [01/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Seta
di Alessandro Baricco
Pubblicato su SITO


Anno 2007 - FELTRINELLI
Prezzo € 6 - 108 pp.
ISBN 9788811681038

Una recensione di Luigi Milani
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9591
Media 79.96 %



Seta

Alessandro Baricco, è, come recita la sua pagina su Wikipedia, scrittore, critico musicale e regista italiano. Ma è anche, e forse soprattutto, personaggio in grado di suscitare reazioni forti nel pubblico dei lettori, e non solo di questi ultimi, vista l’ampiezza del campo d’azione di Baricco. Lo scrittore, nato a Torino nel 1958, vanta infatti schiere di ferventi ammiratori, in particolar modo tra il pubblico femminile, e altrettanti, spesso anche più infervorati, irriducibili detrattori. A questi ultimi in particolare risulta sgradita “in toto” la figura di Baricco, giudicato non di rado vanesio e inconsistente sotto il profilo letterario, affetto da incontenibile presunzione.

Mi sembrano però critiche perlopiù ingenerose, spesso viziate dal pregiudizio. Vero è che l’autore ha un aspetto che di solito riscuote successo presso il cosiddetto gentil sesso, e che, specialmente in passato, l’acquisto - se non la lettura - di un’opera di Baricco ha “fatto tendenza”, ma questo è avvenuto, e ancora avviene, anche per altri autori, da Sandro Veronesi a Melania Mazzucco, senza dimenticare Niccolò Ammaniti o, all’estero, i soliti Ian McEwan, Salman Rushdie o Philip Roth. La lista potrebbe proseguire a oltranza. L’accusa di essere scrittori “alla moda” in fondo non mi pare molto diversa da quella, analoga e non meno sterile, rivolta in passato ai nostri cantautori. È la solita, vecchia, falsa questione del prodotto letterario, musicale, e così via, di successo, che, in quanto tale, evidentemente non può essere valido sotto il profilo qualitativo.

A volte non nego che ciò accada, come in effetti accade per certa letteratura, il cui successo è attentamente pianificato come un qualunque prodotto di marketing: lanci televisivi, partecipazione a premi più o meno prestigiosi e più o meno autorevoli (sempre meno autorevoli, secondo me, ma qui il discorso si amplierebbe sino a divenire davvero... doloroso). Del resto, non ho mai creduto al luogo comune dell’artista che realizza i propri lavori solo per il proprio, esclusivo diletto: lo scrittore scrive per essere letto, fino a prova contraria.

Ebbene, dopo quest’apertura che non voleva essere un’apologia dell’autore di Seta, e che certamente attirerà sul sottoscritto gli strali degli anti-Baricco, passo alla recensione vera e propria di “Seta”, romanzo che ho di recente acquistato nella nuova edizione pubblicata da Fandango nel 2007. Una critica che, ve lo prometto, sarà breve, in ciò allineandomi alla stringatezza del testo in questione.

La vicenda, dicevamo. Seta narra la storia, ambientata tra il 1861 e il ’65, di Hervé Jouncourt e dei suoi viaggi in Giappone, alla ricerca dei preziosi bachi da seta. Sarà in questo paese che il protagonista vivrà, o immaginerà di vivere, una storia d’amore con una giovane donna. Da qui scaturiranno la malinconia e il male di vivere del protagonista. Non mancherà il colpo di scena finale, quando Jouncourt riceverà una lettera appassionata e sensuale da... Beh, non voglio rivelarvi da chi, per non privarvi del piacere della sorpresa.

C’è chi si è scagliato contro questo libro, accusando l’autore di aver voluto dilettarsi con un mero esercizio di stile, come a dire che a forza di sottrarre, l’opera risulti senza costrutto, trasparente appunto come la seta. Ma non credo che uno scrittore sia per forza tenuto a costruire opere di proporzioni che spesso finiscono per risultare soverchianti, quando non intimorenti per il lettore. Vi confesso che, in questo periodo di libri dalla prosa zoppicante ma dal marketing ben marciante, l’elaborata leggerezza di Seta ha rinverdito non poco il mio amore, a tratti appassito, per la lettura.

Innanzitutto, come definire Seta? Romanzo breve, racconto, fiaba, esercizio letterario? L’autore lo definisce semplicemente “una storia”, e in effetti di questo si tratta. La vicenda narrata è semplice, impalpabile quasi quanto il tessuto da cui prende il nome il libro. L’autore lavora infatti per sottrazione, con capitoli di lapidaria brevità. Eppure, a tale concisione fa da contraltare una ricchezza lessicale e una cura nella... tessitura di ambientazioni e caratterizzazioni dei personaggi di entità niente affatto minimalista. Viene quasi da pensare, leggendo le brevi pagine di questo libro, a una sorta di haiku in prosa. Interessante, a tal proposito, l’uso ostentato che fa Baricco del meccanismo dell’iterazione, utilizzata ad ampie mani per la descrizione di azioni ricorrenti, come ad esempio i viaggi del protagonista.


Una recensione di Luigi Milani






Recensioni ed articoli relativi a Alessandro Baricco

(1) Seta di Alessandro Baricco - RECENSIONE
(2) Questa Storia di Alessandro Baricco - RECENSIONE
(3) Punto, punto e virgola, un punto e un punto e virgola. Meglio che abbondiamo. di Stefano Lanuzza - RECENSIONE
(4) Carne racconta di Riccardo Geminiani - RECENSIONE

Testi di Alessandro Baricco pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Luigi Milani

(1) Hitler di Giuseppe Genna - RECENSIONE
(2) Uragano di Giovanni Buzi - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2008-08-21
VISITE: 22311


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali