Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [16/06/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro     Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven     Quadri veneziani di Carla Menon    Una musica costante di Vikram Seth    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo    Racconti     Il manichino di Vittorio luciano Banda     La divoratrice di anime di Davide Stocovaz     Dentro di Massimo Martinelli     Attese di Stefania Lami     Growl di Paola Emma Labate (diana Jett)    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Spero presto di Amedeo Bruni     06 Aprile di Debora Palmieri     Da un rifiorire di memorie di Angelo michele Cozza     Parole di Palmira De Angelis     In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
6 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
43 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

L'uomo che dipingeva con i coltelli
di Marco Mazzanti
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Deinotera Editrice
Prezzo € 11,00 - 136 pp.
ISBN 9788889951170

Una recensione di Cinzia Baldini
UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8939
Media 80.03 %



uomo che dipingeva con i coltelli;L'

“…Dmtrj era albino. E per questo non poteva uscire molto spesso di casa. Quando lo faceva era quasi sempre sera e, se varcava quelle quattro mura di giorno, doveva coprirsi completamente. La gente lo scherniva e lo temeva: credeva che fosse figlio di Satana, che fosse in possesso di particolari facoltà demoniache. Tutti tendevano a puntare il dito su di lui quando si abbattevano piccole carestie o si verificavano scarsi raccolti o altri gravi eventi. Non aveva amici. Nessuno aveva mai osato avvicinarsi a lui. …”. Dmtrj quindi era un “diverso”! E non solo era diverso per il suo aspetto “scolorito” ma anche per il modo di vedere le cose, perché fino all’età di sedici anni era stato cieco. La cecità gli aveva risparmiato le umiliazioni e i patimenti che la paura del “diverso”, di ciò che non si capisce, di chi non è uguale a noi, ha sempre generato in ogni epoca storica e a qualsiasi latitudine. Il mondo di tenebre in cui si trovava, involontariamente, a vivere, come sempre accade, gli aveva permesso di sviluppare in maniera acuta gli altri quattro sensi ma il riacquistare la vista, per merito di un guaritore capitato per caso nel suo paese, non gli porta la normalità auspicata. Il contrasto tra il suo mondo immaginario e quello reale è un trauma talmente forte che riuscirà a metabolizzarlo solo con l’arte della pittura. Un’arte personalizzata, malata, che rasenta la follia ma proprio perché si libra sul filo della malattia mentale è un’arte che raggiunge una perfezione di forme e una variante di colori incredibili. Lo studio incessante e maniacale dei colori, il loro amalgamarsi, scindersi, sciogliersi con le altre sostanze, sfumare delicatamente con il sole o rapprendersi all’aria è il punto di forza di questo inusuale ma senz’altro validissimo personaggio, protagonista del romanzo d’esordio di Marco Mazzanti. A Dmtrj diverso per nascita e fisico, si contrappone un altro “diverso” per la morale comune: Scile. È un ragazzo che già da bambino, per vivere, si prostituisce. Le sodomizzazioni e le crudeltà a cui è sottoposto lo portano ben presto a nutrire un rancore sordo e profondo verso i suoi simili tanto da indurlo a prendere una decisione estrema: lo scopo della sua vita sarà quello di farsi giustizia da solo, di vendicarsi delle umiliazioni corporali e delle angherie psicologiche subite. I due personaggi così diversi nei loro colori, per rimanere nel tema del racconto, differenti fisicamente e nel modo di vivere, per estrazione sociale sono, però, accomunati dallo stesso sordo rancore verso gli esseri umani che entrambi non riconoscono tali ma che definiscono sprezzantemente “carne” intendendo con questo termine solo una massa informe di organi, pelle ed ossa che, priva di sentimenti, abita il mondo. Ma ancora di più, con abile mossa, l’autore li vincola indissolubilmente uno all’altro, facendoli innamorare della stessa donna. La giovane e bellissima Asja, albina e cieca, anche lei, dalla nascita, è come un fugace raggio di sole che penetra, rischiarandola appena, la notte senza fine delle anime cupe e perdute dei due uomini. Spettacolare il contrasto che Marco Mazzanti riesce a creare con la descrizione dei colori tenui e delicati e la dolcezza che emana la fanciulla e gli animi corrotti ed esacerbati dei due pretendenti. Ciò che più mi ha colpita, leggendo il romanzo, è stato l’approfondimento psicologico dei protagonisti tanto che la ritengo una caratteristica peculiare del lavoro di Mazzanti. Sembra che l’autore abbia scomposto, studiato e ricomposto la mente di ognuno di loro fin nei più remoti recessi, che ogni singolo neurone non sia sfuggito alla sua scrupolosa analisi. Come se Dmtrj, Scile ed Asja siano passati sul lettino di uno psichiatra e l’autore, presente all’incontro, abbia annotato ogni loro esternazione. Gli appunti “visivi” che l’autore inserisce nei paragrafi sono eccezionali, come incredibilmente precisi sono gli odori ed i sapori che si percepiscono sfogliando le pagine de “L’uomo che dipingeva con i coltelli”. Neanche gli scenari che si susseguono a ritmo incalzante sono mai approssimativi ma sempre ben delineati e la natura fa da supporto perfetto, anzi oserei dire, evidenzia ancora più chiaramente i tormenti delle anime. Meritevole di un breve accenno è anche il pathos che l’eterno pellegrinare dei protagonisti, di terra in terra, senza pace, senza saper mettere radici, suscita nel lettore e che non può non far pensare alla ricerca disperata di una irraggiungibile pace interiore. È un thriller d’effetto per l’originalità della vicenda narrata, per il periodo storico abbastanza inconsueto –gli albori dell’anno 1000- e l’insolito ma efficace impatto visivo/olfattivo che intrigano chi legge. Sostenuto dalla trama ricca d’azione e di colpi di scena, dalla narrazione scorrevole e dall’eccellente proprietà di linguaggio dell’autore, che non viene mai meno fino all’ultimo rigo, è un volume che consiglio di inserire nella propria libreria.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Marco Mazzanti

(1) L'uomo che dipingeva con i coltelli di Marco Mazzanti - RECENSIONE

Testi di Marco Mazzanti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro - RECENSIONE
(2) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(11) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-11-13
VISITE: 13997


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali