Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [23/06/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Eridanos" scadenza 2021-06-26    Città di Como VIII Edizione scadenza 2021-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2021-07-04    VERSI IN VOLO scadenza 2021-07-04    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro     Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven     Quadri veneziani di Carla Menon    Una musica costante di Vikram Seth    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo    Racconti     Un progetto lucrativo di Fernando Sorrentino     Il manichino di Vittorio luciano Banda     La divoratrice di anime di Davide Stocovaz     Dentro di Massimo Martinelli     Attese di Stefania Lami    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Spero presto di Amedeo Bruni     06 Aprile di Debora Palmieri     Da un rifiorire di memorie di Angelo michele Cozza     Parole di Palmira De Angelis     In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
6 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
44 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Vorrei che il cielo fosse imparziale
di Vito Introna
Pubblicato su SITO


Anno 2010 - Diversa Sitonia
Prezzo € 13,00 - 174 pp.
ISBN 9788896086087

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5202
Media 79.28 %



Vorrei che il cielo fosse imparziale

La vita, spesso, non è mai come sembra. Molte volte quello che vediamo o che si mostra ad un superficiale sguardo, è solo un ologramma virtuale ed inconsistente di un’ esistenza che concretamente si svolge, magari, esattamente al contrario. Così come il tempo di Annalisa, la protagonista di “Vorrei che il cielo fosse imparziale” di Vito Introna, che scorre monotono, apparentemente sereno e senza scosse, mentre, invece, nasconde le molteplici luci ed ombre di una personalità complessa ed un carattere introverso e poco espansivo. La figura di questa donna non più giovanissima, ma nemmeno così malandata come lei si ritiene a 38 anni, è contorta e semplice allo stesso tempo, un po’ come la sua storia banale ma complicata. Terminati gli studi in una università della Capitale e dopo aver invano tentato, da neolaureata, di inserirsi nel mondo del lavoro nella tentacolare Roma, torna a vivere in Abruzzo, nella tenuta di Passo Nevoso, ereditata dai suoi genitori, morti a breve distanza l’uno dall’altra. Il tran tran quotidiano di questa bucolica, smorta e solitaria esistenza è interrotto, una sera, dall’arrivo inatteso di un gruppo di tre giovanissimi avventurieri appassionati di musica celtica. Annalisa li accoglie nella sua casa e li ospita per una notte e sarà proprio questo incontro a dare una svolta alla sua vita. Ad innescare, in una reazione a catena, il riaffacciarsi prepotente di ricordi e sentimenti che, lasciati in letargo nella zona più remota ed inaccessibile dell’inconscio, a distanza di anni, si ripresentano, fluttuando come fantasmi, spiazzandola con la loro aggressività e lasciandola, priva di difese, in balia di se stessa. “…la sua vita doveva riempirla da sé, in un qualunque modo che la facesse trascorrere meno inutile. Doveva rinascere come donna e come professionista, l’arrendersi o il rinchiudersi in un’haurea mediocritas non l’avrebbe condotta da nessuna parte. Lo sapeva da anni e aveva sempre evitato di pensarci.”. La donna si è preclusa al mondo rinchiudendosi in una gabbia dorata dove il cibo, l’alcol e la solitudine accompagnano le ore, lunghe e tediose, della sue giornate di forzato isolamento. La ventata di vitalità e di nuovo spirito di avventura, nonché di nostalgia per una giovinezza durata troppo poco e mal goduta, entrata in casa insieme ai musicisti, la stimoleranno a cercare di uscire dalla sua autoreclusione attraverso un pellegrinaggio a ritroso. Purtroppo però, la sua ostinatezza e inflessibilità, il suo non voler scendere a patti con la realtà e il non accettare verità scomode pur davanti all’evidenza dei fatti, gli procurerà solo ulteriori, cocenti delusioni che cercherà di annegare nell’alcolismo ormai visibilmente conclamato. È l’inizio di una personale “via crucis” le cui “stazioni” sono rappresentate dalle “riesumazione” delle passate stagioni della sua esistenza. La donna, non senza dolore, sarà infine costretta dagli eventi a prendere coscienza che le attuali ossessioni che perseguitano la sua mente e popolano di incubi i suoi sonni non sono che il frutto di antichi errori mai rivisti e considerati tali. La sua anima, la sua psiche, i suoi valori e le sue convinzioni più intime e radicate saranno, perciò, messe a nudo e vagliate fin nel più piccolo dettaglio dall’autore e presentate, nel libro, in maniera approfondita e complessa ma con un linguaggio vivace ed attuale, chiaro ed efficace, diretto e di sicura presa sul lettore. Perfettamente inseriti con un’ottima scelta di tempo gli altri colpi di scena che si sviluppano nel corpo del romanzo. Essi permettono alla narrazione di compiere dei salti drammatici e inaspettati, di sicuro effetto e di forte impatto, che tengono l’interesse del lettore sempre vigile e attivo e forniscono un’ottima base d’appoggio per sostenere e rilanciare i repentini cambi di scena. Sempre un incontro causale, questa volta con un uomo, il padre della cantante del gruppo musicale, permetteranno alla protagonista di riscoprire, finalmente, se stessa e la sua sopita femminilità. L’agrodolce conclusione del romanzo giunge del tutto inattesa, ma in completo accordo con le vicende del brano. Un lungo passaggio traumatico e scioccante per la vividezza degli scenari rappresentati e dalle penose immagini evocate, che non posso non sottolineare, riguarda il capitolo in cui l’autore descrive il momento terribile in cui si è verificata la scossa sismica che, tanto nella realtà come nella fantasia del romanzo, devasta L’Aquila lo sfortunato capoluogo, e i paesi limitrofi della provincia Abruzzese seminando morte, terrore e distruzione. “Vorrei che il cielo fosse imparziale” è una storia dei nostri giorni, calata perfettamente nella realtà corrente con personaggi del tutto simili a noi sia per il loro modo di reagire che di ragionare. E un aspetto che mi piace evidenziare di questo lavoro è, come, l’ottima ispirazione dell’autore Vito Introna, abbia saputo rendere originale, intrigante e piacevole una lettura che nel suo scorrere tratta e trascina con sé tematiche profonde e problematiche attualissime e controverse dal forte impatto sociale e civile.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Vito Introna

(1) Antiche guerre cosmiche di Vito Introna - RECENSIONE
(2) Vorrei che il cielo fosse imparziale di Vito Introna - RECENSIONE

Testi di Vito Introna pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro - RECENSIONE
(2) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(3) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(4) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(5) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(6) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(7) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(8) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(9) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(10) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(11) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(12) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(13) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(14) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(15) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-04-13
VISITE: 9325


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali