Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [08/12/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Couleur d\'un Poeme scadenza 2021-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La mia Landau (ed altre storie)
di Giuseppe Butera
Pubblicato su SITO


Anno 2008 - Edizioni Simple
Prezzo € 9 - 120 pp.
ISBN n/a

Una recensione di Alfio Petrini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 15156
Media 79.68 %



mia Landau (ed altre storie);La

(...) Alla fine del libro di Sorrentino, che si è sciolto tra le mani per precaria rilegatura, mi chiedo se la stessa sorte toccherà al volumetto di Giuseppe Bufera (un agrigentino che vive in Brasile), imponendomi una ulteriore pratica ricompositiva. Il presentimento si avvera e anche La mia Landau finisce in pezzi di carta come finisce in pezzi di vetro la bolla alla fine dell’opera. E’ un progetto segreto dell’editore che ha voluto stampare opere “usa e getta”, oppure il fatto assume qualche significato simbolico che non riesco al momento ad afferrare? Dopo aver raccolto le pagine che un soffio di vento ha sparpagliato nel patio, armeggio pazientemente per rimetterle nell’ordine prestabilito, anche se sono tentato a fare uno scherzo all’autore assemblando i fogli alla rinfusa e scrivendo la recensione sulla base dei contenuti scaturiti dall’occasionale montaggio.

La mia Landau non ha niente a che vedere con il realismo magico che caratterizza i racconti di Sorrentino e non mi sembra neppure che l’opera possa essere ricompresa nel genere fantastico. Si tratta a mio avviso di un’opera letteraria a base realistica, lievitata da una ben calibrata dose di ironia e di felice fantasia ri-creativa. Una ironia che salva l’autore dalla vita (forse) e l’opera dalla falsa letteratura (di certo). Il vero carburante che fa muovere la stupefacente “balenottera” azzurra è la voglia di viaggiare e di divertirsi del protagonista in cui l’autore si identifica, passando da una donna all’altra, da una avventura più o meno rischiosa all’altra, attraverso l’assunzione di un comportamento apparentemente disimpegnato come se non avesse niente d’importante da raccontare. In tal senso il comportamento di Bufera è opposto a quello di Sorrentino, che invece ha la tendenza a dire molto, forse troppo. La scrittura di Bufera è un flusso di parole combinate con sapienza secondo una strategia non sapienziale. E’ ricca di odori, colori, immagini e suoni significativi, che si fanno percepire, vedere e ascoltare più che leggere. Sì, la letteratura di Bufera è una letteratura della visione e dell’ascolto, più che della lettura.

E’ significativo che l’autore alla fine ci dica – anche se con maliziosa compiacenza - di aver raccontato “un mucchio di fandonie”. Noi sappiamo che spesso le fandonie sono più vere della realtà e che la verità sta radicata nella falsità dell’arte. Il racconto che ha per protagonista la stupefacente Landau azzurra non è suffragato dal ricordo e dalla nostalgia del passato, tant’è vero che Butera - come il gattone del racconto di Borges El Sur - vive nella “eternità del presente”. Il racconto è memoria sottoposta a dimenticanza, e dunque ri-creata, ri-generata in forma nuova. E’ esercizio di pensiero, essendo il pensiero non il pensiero della esistenza, ma “l’esistenza stessa”. E’ sogno in altre parole, pratica di vita come sogno.

E allora che resta? Restano le tracce di un viaggio a bordo di una Landau “forte e solenne”, attraverso l’Argentina, il Paraguay, la foresta amazzonica, e poi “lungo la rotta tracciata dall’imponderabile leggerezza della memoria” che si fa sogno attraverso i “paradisiaci Yungas”, la miniera di Chojlla, il Titikaka che “giace azzurro terso orizzontale, fra le braccia di colline lunghe calve grigie stanche di essere sempre le stesse”. E poi, ancora, attraverso Parigi, Bruxelles, Brema, Colonia, e finalmente attraverso gli Appennini, e poi attraverso le Madonìe per costeggiare l’Etna, per sfilare a Catania in via Rapisardi con la Landau fantasmagorica, - come avevano fatto gli emigrati provenienti dal Venezuela con i loro simboli di potere e di successo -, e per arrivare infine ad Agrigento, che fu sua, che “fu Girgenti a Pirandello, Keskent ai mansueti arabi ancestrali, Agrigentum ai Romani campagnoli, Akragas ai romantici greci”. Ma per fare cosa? Per sostare davanti al vecchio bar Gambrinus, per chiedere una brioscia di granita e per vedere un disgraziatissimo barman che fa cadere “l’unica burnia esistente”. In quel preciso momento il protagonista di quel lungo viaggio “si volge fanciullo”, e “la boccia di vetro assurge a simbolo”. Quella bolla di cristallo era piena di sogni e di desideri, “degli odori e sospiri e amori di una intera vita”, e ora è ridotta in mille pezzi. Nella “immobilità dell’istante” il viaggiatore cede la sua Landau azzurra “in cambio di quel pugno di vetri rotti”.

E ora cosa resta? Il gesto dell’autore, viaggiatore ed esule, che butta “i cocci di vetro nella pattumiera” e continua a vivere nel fluire del tempo presente come il gattone di Dahlmann.


Una recensione di Alfio Petrini






Recensioni ed articoli relativi a Giuseppe Butera

(1) La mia Landau (ed altre storie) di Giuseppe Butera - RECENSIONE

Testi di Giuseppe Butera pubblicati su Progetto Babele

(1) De Andrade, Carlos Drummond di Giuseppe Butera - BIOGRAFIA
(2) De Campos, Haroldo di Giuseppe Butera - BIOGRAFIA
(3) Braga, Rubem di Giuseppe Butera - BIOGRAFIA
(4) Verrà l'alba e avrà il suono di una radiosveglia di Patricia Wolf - RECENSIONE
(5) Il centauro e le amazzoni di Giuseppe Butera - RACCONTO
(6) Un viaggio in Landau di Giuseppe Butera - RACCONTO
(7) Pamina e Tamino di Giuseppe Butera - RACCONTO
(8) Giovanna e la Ferrari di Giuseppe Butera - RACCONTO
(9) Un tocco di classe di Giuseppe Butera - RACCONTO
(10) Il fischio di Giuseppe Butera - RACCONTO
(11) Giovanna e gli swing di Giuseppe Butera - RACCONTO
(12) Nell'ora neutra del mattino di Giuseppe Butera - RACCONTO

Altre recensioni di Alfio Petrini

(1) Per colpa del dottor Moreau di Fernando Sorrentino - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2010-05-07
VISITE: 23894


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali