Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [16/01/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Storie Vagabonde scadenza 2021-01-24    LUCENERA scadenza 2021-01-24    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Secolo grottesco di Luca Baratta     Un giorno allo Stibbert di Luca Baratta     Profondità d’autunno di Gabriela Verban     Sette poemi di Mervyn Taylor, tradotti da Susana H. Case di Susana H. Case     Dresda 2006 di Luca Baratta    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
38 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La bimba sul cilindro
di Anna Mininno
Pubblicato su SITO


Anno 2011 - Linee Infinite Edizioni
Prezzo € 9,00 - 100 pp.
ISBN 978-88-6247-051-3

Una recensione di Cinzia Baldini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8231
Media 78.35 %



bimba sul cilindro;La

«…Nella mente si insinuano i ricordi e ciascuno diviene tassello di un passato intatto e immutabile», voglio aprire il mio commento a “La bimba sul cilindro” il romanzo di esordio di Anna Mininno proprio con questa incontestabile verità, estrapolata dalle pagine iniziali del libro. La frase, nella sua semplice e disarmante struttura, nel significato che il lettore distratto potrebbe considerare ovvio e scontato, in realtà racchiude un concetto universale indiscutibile: il bagaglio di esperienze vissute da un essere umano è un tesoro di inestimabile valore. Come quantificare la preziosità di una delle caratteristiche proprie dell’uomo? Le scelte più o meno sofferte, le delusioni archiviate, i sogni rimasti tali e quelli realizzati, gli amori compiuti e quelli in divenire i dolori fisici e quelli psicologici, le paure mai domate e le certezze presunte tali… insomma il passato di un uomo o di una donna, è tutto lì in quella valigia che diventa sempre più pesante ad ogni minuto che passa. In quello zaino, chiamato vita, che ognuno di noi porta con piacere o con dolore sulle spalle. Ed allora ecco spiccare nitido sulle pagine del libro, il senso delle parole dell’autrice: la vita vissuta diviene immutabile perché ormai trascorsa e rimarrà intatta fino alla morte perché il passato è immodificabile, però esiste una risorsa con cui varcare il limite del presente per entrare nel passato ed è il ricordo. Immagazzinare i ricordi è un fatto naturale ed altrettanto innato è riportarli alla mente per trarne insegnamenti per il futuro o per riviverli, spesso per innocente curiosità o per ricercare un brivido, un’emozione, un sentimenti allontanati dal tempo. La piccola protagonista del romanzo, per sua disposizione naturale, lo fa per gioco e giocando, inizia a scoprire il suo passato. Ad evocarle i ricordi, intatti e immutabili, è una fotografia vista e rivista, ingiallita e consunta che ritrae una coppia il fatidico 8 settembre del '43: i genitori della Bimba sul cilindro che si chiama Anna… proprio come l’autrice. Sarà la visione, quasi ossessiva, della logora fotografia, la sua analisi minuziosa, che porterà la piccola protagonista a ricercare, ogni volta, nuovi particolari mai notati in precedenza, ad anticipare o ad annunciare, spesso ad accompagnare le tappe fondamentali della sua vita e quindi a scandire il tempo stesso del libro e solo quando la bimba sul cilindro, si renderà conto di richiamare i propri ricordi, dal suo personale passato, capirà di essere divenuta adulta. Davanti agli occhi della bambina, innocenti dapprima, poi, sempre più maliziosi, scorre tutto un universo parallelo a quello reale e le immagini malinconiche o spensierate, dissacranti o ilari, presentate con una tecnica descrittiva perfetta e uno stile letterario classico e raffinato, accompagnano il lettore fino all’ultimo capitolo del libro. La fervida fantasia di Annina nell’infanzia e la cruda razionalità durante l’adolescenza e la giovinezza regalano, a chi legge, emozioni su vasta scala. La protagonista è l’incarnazione stessa dei ricordi che memorizzati dall’intelletto, fagocitati dalle cellule, pompati dal cuore nel sangue ne diventano parte integrante, costituiscono la sua carne, ne nutrono gli umori vitali… Le vicende, gli scenari, le riflessioni, i turbamenti psicologici, le trasformazioni fisiche sono sottolineate con enfasi poetica dalle liriche che arricchiscono il romanzo e che fanno conoscere al lettore la sensibilità tutta femminile di Anna Mininno e soprattutto la consacrano autrice completa nel senso più compiuto della parola. “Capelli biondi leggermente crespi e raccolti in trecce lunghe e pesanti, che contribuivano a rendere evidente il biancore della cute nella scriminatura centrale, gli occhi azzurri un po’ sporgenti e le labbra rosee e turgide che, a loro volta, s’imponevano sulla morbida trasparenza del viso”. In questo viaggio a ritroso nel tempo, il cui biglietto ci è offerto dalle pagine del suo libro, la Mininno accomuna lo spirito della sua protagonista a quello dei lettori e lo fa con tanta maestria da dare l’impressione, a questi ultimi, di aver davvero conosciuto, in un tempo lontano, Anna -la bimba sul cilindro- i suoi nonni, i suoi genitori, la sorella e l’amichetta ebrea appena descritta. “La bimba sul cilindro” è un libro per tutti, un romanzo introspettivo che si legge con piacere, che fa riflettere, che ci riporta attraverso Anna (e qui lascio che sia il lettore a scoprire a quale Anna mi sto riferendo) a rapportarci a noi stessi e a riscoprirci per come eravamo con un pizzico di ironica malinconia o, magari, di trattenuta ammirazione perché: “Sei tu, Vita, a dettare il percorso/ e io ne prendo atto… con stupore”.


Una recensione di Cinzia Baldini






Recensioni ed articoli relativi a Anna Mininno

(1) La bimba sul cilindro di Anna Mininno - RECENSIONE

Testi di Anna Mininno pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Cinzia Baldini

(1) Epiphaino di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(2) Incunabolo di Riccardo Merendi- Il Parere di PB
(3) La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora - RECENSIONE
(4) Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati - RECENSIONE
(5) Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini - RECENSIONE
(6) Io sono respiro puro di Maria Fornaro - RECENSIONE
(7) Il lungo cammino del fulmine di Guglielmo Campione - RECENSIONE
(8) Brando Street. La scomparsa di una comparsa di Marisa Cecchetti - RECENSIONE
(9) L`odore della notte di Paolo DAnna - RECENSIONE
(10) Templar Order di Domizio Cipriani - RECENSIONE
(11) Il diciassettesimo Conte di Patrizia Marzocchi - RECENSIONE
(12) Le reliquie di Sarajevo di Paolo D Anna - RECENSIONE
(13) Malbianco di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
(14) Il ponte delle Vivene di Davide Dotto - RECENSIONE
(15) Peccaminosa di Sandro Capodiferro - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-02-28
VISITE: 8705


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali