Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [05/02/2023] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
2 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il sergente nella neve
di Mario Rigoni Stern
Pubblicato su SITO


Anno 1953- Einaudi
Prezzo € 9,00- 139pp.
ISBN 9788806193041

Una recensione di Stefania Tuveri
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8181
Media 79.04%



Il sergente nella neve

“Ho ancora nel naso l'odore che faceva il grasso sul fucile mitragliatore arroventato. Ho ancora nelle orecchie e sin dentro il cervello il rumore della neve che crocchiava sotto le scarpe, gli starnuti e i colpi di tosse delle vedette russe, il suono delle erbe secche battute dal vento sulle rive del Don. Ho ancora negli occhi il quadrato di Cassiopea che mi stava sopra la testa tutte le notti e i pali di sostegno del bunker che mi stavano sopra la testa di giorno. 

Anche chi legge ha l’impressione di sentire questi odori o rumori. Rigoni Stern ha la capacità di portare il suo lettore dentro il caposaldo vicino al Don. Ti prende per mano, crea l’atmosfera intorno a te, ti fa conoscere i commilitoni e tu ti ritrovi in Russia, nel periodo della ritirata. Inizi ad affezionarti a Giuanin che continua a chiedere “ghe rivarem a baita?” e te lo domandi anche tu. Senti, tra gli altri odori, quello forte della paura che viene accuratamente nascosto, ma tutti sanno che è lì e che non è di uno in particolare. Ciascun soldato si domanda se tornerà a casa e intanto mescola la polenta cantando canzoni in dialetto per sentirsi sui monti italiani.

Rigoni Stern scrisse questo testo mentre era prigioniero in un campo di concentramento, quando il ricordo dei suoi commilitoni era ancora vivo. Li descrive senza manipolare il loro essere rozzi, senza enfatizzare i loro comportamenti, senza idealizzarli. È un racconto vero, che cattura il lettore e lo fa soffrire con lui. Si avverte il timore di uscire allo scoperto quando devono abbandonare il caposaldo, il freddo, il dolore alla schiena quando si portavano le armi o il male ai piedi per il lungo cammino. E ancora la fame, la voglia di mollare tutto, la velata speranza di essere uccisi per poter cessare ogni tortura e l’opposto desiderio di riabbracciare i cari.

Episodio significativo è quello in cui il giovane sergente maggiore Rigoni, entrato in una isba, trova dei soldati russi seduti a tavola. Questi lo guardano senza fare nulla, lo lasciano mangiare e loro stessi continuano a mangiare. È come se la guerra non ci fosse in quell’umile casa. Rigoni e i russi non sentono il bisogno né di difendere né di attaccare.

“In quell’isba si era creata tra i soldati russi e me, e le donne e i bambini un’armonia che non era un armistizio. Era qualcosa di più del rispetto che gli animali della foresta hanno l'uno per l'altro. Una volta tanto le circostanze avevano portato degli uomini a saper restare uomini. Chissà dove saranno ora quei soldati, quelle donne, quei bambini. Io spero che la guerra li abbia risparmiati tutti. Finché saremo vivi ci ricorderemo, tutti quanti eravamo, come ci siamo comportati. I bambini specialmente. Se questo è successo una volta potrà tornare a succedere.”

Ed ecco l’attualità di questo testo. Nonostante la guerra e i morti quegli alpini non hanno perso la propria umanità e tra le righe delle pagine de “Il Sergente nella neve” c’è la speranza che il rispetto tra gli uomini e il non sentire il bisogno ardente di prendere le armi per difendersi o attaccare diventi un’abitudine. 


Una recensione di Stefania Tuveri



Recensioni ed articoli relativi a Mario Rigoni Stern

(0) Il sergente nella neve di Mario Rigoni Stern - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Stefania Tuveri

Nessun record trovato

Altre recensioni di Stefania Tuveri

Nessun record trovato



Altre recensioni:







-

dal 2011-09-01
VISITE: 14185


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali