Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [27/11/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L\'AMORE E\' scadenza 2021-11-30    PREMIO STORICO LETTERARIO METAUROS scadenza 2021-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia
di Massimo Coltrinari
Pubblicato su SITO


Anno 1991 - Editrice La Postulazione
Prezzo € 5,00 - 149 pp.
ISBN n/a

Una recensione di Emanuela Ferrari
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3511
Media 79.85 %



generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia;Il

Lo Stato Pontificio, durante il Risorgimento, può contare sul valido aiuto del generale Cristoforo De La Moricière (1806-1865), conosciuto come uomo d’armi, sostenitore della causa pontificia e buon diplomatico. Questi “percorre tutti i gradi della carriera militare” fino a divenire generale. Conduce una brillante campagna in Africa e nel 1847 sposa Amelie Abeiville; inizia poi l’impegno politico con aderenza al partito national, in contrasto con quello radicale. E’ un sostenitore della Repubblica e quando a Parigi, nel giugno 1848, inizia la guerra civile riesce a riportare l’ordine, per tale intervento viene identificato come “il salvatore della Repubblica”.Riceve successivamente la nomina di Ministro della Guerra. Il Papa, Pio IX, nel frattempo chiede aiuto alla Francia per mantenere ordine nello Stato Pontificio durante i moti liberali; l’opinione pubblica francese si divide tra i fautori di un pronto intervento e tra quelli contrari alla questione romana. Il ministro considera il Pontefice un uomo coraggioso e vorrebbe dare sostegno alla sua richiesta, ma di fatto non prende parte nella vicenda. In secondo tempo De La Moricière, insieme all’Assemblea Nazionale, decide di inviare aiuti a Roma. Ma quale è effettivamente la situazione della Francia nel 1848? Nel dicembre di quell’anno ci sono le elezioni presidenziali; Luigi Napoleone cerca alleati e propone a De La Moricière di sostenere la sua candidatura, ma questi dimostra fedeltà all’amico Cavaignac. La maggioranza dei voti va a Luigi Napoleone, poi segue il suo avversario, l’amico del ministro. Da questo momento la frattura tra il ministro e il neo-vincitore diventa irrecuperabile. Al primo viene proposto, da parte dei moderati, di creare un partito a contenuto repubblicano per fare opposizione, ma De La Moriciére comprende che i tempi non sono ancora maturi per questo tipo di strategia. Dal 1850 i bonapartisti prendono una serie di iniziative volte a “restringere” progressivamente “l’essenza” repubblicana e la legge sulla restrizione del suffragio universale ne è una conferma. Il colpo di Stato è imminente, infatti a dicembre (nel 1850) De La Moricière viene arrestato nella sua casa. Può andare in esilio, ma si oppone, di conseguenza è portato, insieme ai suoi amici, a Mazas poi a Colonia. Nel frattempo la classe media si accosta sempre più a Luigi Napoleone che consolida il suo potere. Negli anni seguenti il generale, oramai ridotto alla completa inattività sia politica che militare, si accosta alla fede. Occupa il tempo in letture fino a quando non viene revocato il suo esilio nel 1858, ma ad una condizione: non svolgere più attività politica. Ben presto però assumerà un nuovo ruolo: il comando dell’esercito pontificio. I primi contatti per questo incarico avvengono tramite un parente dello stesso generale, Monsignor Xavier e, di fatto, l’8 aprile 1860 questi “assume il comando dell’esercito”. Tale decisone, maturata dalla Santa Sede, deriva appunto dalla consapevolezza che la politica militare deve essere migliorata e rafforzata, infatti a De La Moricière é affidato il seguente compito: “garantire il territorio dello Stato, oltre che fronteggiare rivoluzioni e sommosse”. L‘abilità del comandante si manifesta in occasione delle operazioni militari del settembre 1860. Con l’ultimatum di Cavour al Cardinale Antonelli iniziano le manovre di De La Moricière che si sposta da Spoleto, dirige le truppe verso Ancona, poi a Loreto e a Castelfidardo, ma, nonostante una attiva resistenza in attesa di un vano soccorso franco-austriaco, è costretto a capitolare. Questa vicenda evidenzia il notevole impegno e maestria del comandante e degne di nota rimangono le sue strategie militari frutto di una professionalità acquisita nel tempo. Dopo questo impegno questi decide di trascorrere gli ultimi anni della sua vita “vicino” alla religione, muore il 10 settembre 1865.


Una recensione di Emanuela Ferrari






Recensioni ed articoli relativi a Massimo Coltrinari

(1) Il generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia di Massimo Coltrinari - RECENSIONE

Testi di Massimo Coltrinari pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Emanuela Ferrari

(1) Liberarsi dai condizionamenti di Krishnamurti - RECENSIONE
(2) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(3) L' erede del templare di Jan Guillou - RECENSIONE
(4) Nuovi segni dei tempi di Camillo Ruini - RECENSIONE
(5) La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano - RECENSIONE
(6) Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale. di Giuseppe Talamo - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-12-26
VISITE: 5712


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali