Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [13/06/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2021-06-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro     Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven     Quadri veneziani di Carla Menon    Una musica costante di Vikram Seth    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo    Racconti     Il manichino di Vittorio luciano Banda     La divoratrice di anime di Davide Stocovaz     Dentro di Massimo Martinelli     Attese di Stefania Lami     Growl di Paola Emma Labate (diana Jett)    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Spero presto di Amedeo Bruni     06 Aprile di Debora Palmieri     Da un rifiorire di memorie di Angelo michele Cozza     Parole di Palmira De Angelis     In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
43 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

L'abbeccedario di Verlaine
di Pierino Gallo
Pubblicato su SITO


Anno 2012 - LietoColle
Prezzo € 13 - 102 pp.
ISBN 9788878486898

Una recensione di Griselda Doka
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1471
Media 79.68 %



abbeccedario di Verlaine;L'

Oui, je veux marcher droit et calme dans la Vie,
Vers le but où le sort dirigera mes pas,
Sans violence, sans remords et sans envie:
Ce sera le devoir heureux aux gais combats.

(Paul Verlaine, Puisque l'aube grandit, puisque voici l'aurore,  la Bonne Chanson 1870)

L'effimero della passione, l'incertezza della vita e la paura dell'abbandono, sono già questi ingredienti sufficienti per un poeta che “deve” partorire la poesia più dura, la sua poesia più dura e mettere allo scoperto le cicatrici. Questa è stata la prima impressione che ho avuto leggendo L’abbecedario di Verlaine di Pierino Gallo (LietoColle 2012).

Già il titolo allude ad un’esperienza di nuova creazione, ad un elementarità del vivere e del fare poesia, che sottintende inevitabilmente un lungo tempo di attesa, un tardare volontariamente prima di lanciare tra indugi e apparenze il volo del Verbo. La partenza è possibile solo dopo tale gestazione e necessaria tensione.   

Abbandonarsi al sintomo di questa agitazione non significa perdersi, ma anzi prendere consapevolezza di doversi rispecchiare nella parola tra rimandi e richiami testuali reali e immaginari, per dare volto a quel piccolo stralcio di verità che ciascuno di noi possiede.

Pierino Gallo c’è l’ha una verità e anche un “destinatario” di  versi – A te/i miei narcisistici poemi – che è colui che vide, ora ricostruito poeticamente e razionalmente In un tremito/d'ali/riallaccio/quel riquadro/di luce.  

Come anticipa abilmente nella prefazione Giada Diano, l’abbecedario è uno spazio di mezzo, dove si sfumano i confini tra racconto poetico e “confessione”  privata in un intricato groviglio che intreccia vita e rimando intertestuale.

Il dolore di un amore finito lascia  inevitabili ferite, che fungono da collante per avvicinarsi e assaporare nel profondo la poesia di Pierino Gallo, Come/si assaggia/il mare/al ventre/dei gabbiani

di me/resterà/altrove.

Così, quasi spontaneamente scorrono immagini di luce e buio in una notte lunga d’inverno, dove la sete d'amore è trattenuta da un continuo lamento e dalla proiezione di un altrove migliore, di là/oltre le tende/di luce e ghiaccio/dove/possiamo “andare.  I luoghi evocati sono le vie di Parigi e di Bruxelles, ma anche lo scenario del mare del suo paese di origine.

Attraversando fisicamente e poeticamente questi luoghi ne viene fuori una poesia di autentica musicalità e il suo ritmo è scandito dall’esperienza dell'amore, è arduo/capire/cosa/non t'assomigli. Sono l’evidente ostentazione dell'attesa incerta e l’esperienza vissuta come una litania che si consuma a fare assomigliare la poesia di Pierino Gallo ad un fiore perenne che fiorisce e riaffiora stagione dopo stagione: è lo stesso fiore, ma mai uguale: rinnego/il banale/esser sempre/me stesso. Il poeta, dunque, avendo radici profonde nel suo essere, basta a se stesso: morire/ormai/non mi appartiene.

 

I riferimenti intertestuali di Rimbaud, Verlaine e Neruda, oltre a testimoniare la conoscenza professionale dell’autore, sono in realtà intimi punti di riferimento che non turbano affatto il suo poetare. L’autore non alimenta volutamente la loro eco, così importante e ingombrante, ma percepisce la loro presenza come anime guida che stanno lì, nel suo profondo, anticipando il bisogno di non farsi distrarre da queste care figure e di dar voce ad una propria esperienza poetica autentica, pur umanamente simile ad altre.

Nulla può impedire il fluire della poesia, anzi il bisogno di re-inventare la realtà e re-inventarsi urge e fa da leva per poter uscire dallo stallo di una società che non appaga: Per te/voglio/inventare/un Cristo/e piangerlo/negli attimi/sinceri.

Il mondo del poeta è avaro e la poesia rimane l’unica casa dove si può specchiare e da lì trarre quelle parti di verità che meritano organizzazione e protezione. Nel suo sentirsi estraneo e alienato, egli è allo stesso tempo radicato nel Verbo (E torno/pura realtà/a ridisegnarmi/ora posso difenderti/luce/ora posso odorarti) e con convinta ingenuità percorre i misteriosi sentieri, forse gli stessi compiuti dall'anima per incontrare il mondo.  

In questo senso l’Abbecedario è un opera di ricostruzione dell'unità tra anima e mondo; è la sua coscienza esistenziale a dare forma al pensiero trasformando l'esperienza personale in universale. Solo così il suo abbecedario tanto atteso, osservato, vissuto, sofferto, può essere condiviso con il lettore che si vede “costretto”  a giocare tra specchi chiari e annebbiati, fino a dover sentire il suono autentico del puro cristallo. Ciò che appare è solo esitazione, il vero aspetto delle cose va ricercato, intuito, tastato con tutti i sensi.

Non appena termina la danza della sua finzione, l’amore svanisce, il dolore diventa l'unico sentiero da percorrere e dall'unica immutata certezza dell'assenza (quella,/sapevo già/che avrebbe punto/a fondo) nasce la poesia più sincera.


Una recensione di Griselda Doka






Recensioni ed articoli relativi a Pierino Gallo

(1) L'abbeccedario di Verlaine di Pierino Gallo - RECENSIONE
(2) Pasolini tra Pascoli e Baudelaire di Pierino Gallo - RECENSIONE

Testi di Pierino Gallo pubblicati su Progetto Babele

(1) La ragazza con la valigia di Maria Pina Ciancio - RECENSIONE

Altre recensioni di Griselda Doka

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2014-09-12
VISITE: 1783


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali