Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [23/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Colaprico - Valpreda, la coppia del giallo all'italiana
a cura di Cinzia Ceriani
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7673
Media 80.17 %

Articoli Improvvisamente interrotto dalla morte di uno dei suoi due ideatori, il ciclo di quattro romanzi polizieschi, uno per ogni stagione dell’anno, viene concluso dal solo Piero Colaprico nel 2003, un anno dopo la scomparsa del collega e amico Pietro Valpreda.
La collaborazione fra i due, spiega lo stesso Colaprico in un’intervista, nasce in parte da un’iniziativa di Valpreda che ha in mente una storia da raccontare, l’uccisione di un professore con la scritta SOS accanto al suo cadavere e un maresciallo dei carabinieri prossimo alla pensione, ma necessita di aiuto per realizzarla; in parte grazie all’editore Marco Tropea, che, seppur ottimo, rifiuta di pubblicare il loro libro sfidandoli a scriverne altri.
A mettere in contatto Colaprico e Valpreda sono Carlo Oliva, professore, critico letterario e scrittore, e in un secondo momento, Tecla Dozio della Libreria del Giallo.
Il risultato del loro lavoro è un romanzo poliziesco ambientato nella giungla milanese, “Quattro Gocce di Acqua Piovana”, e la nascita di un nuovo personaggio letterario, il maresciallo dei carabinieri Binda, un uomo reso umano da un passato doloroso, sempre pronto a tendere una mano e a schierarsi sempre e comunque dalla parte della vittima. È nettamente diverso dal suo collega della omicidi, protagonista de“Trilogia della città di M.”, assennato e prudente, analizza con minuzia fascicoli e rapporti di centrale calcolando ogni eventualità, ma dimostrandosi incapace, nella sfera privata, di costruire un rapporto solido e duraturo con le donne.
I due provetti romanzieri basano il loro rapporto lavorativo su due punti cardini in cui ognuno mette del proprio: amicizia e severità.
Colaprico mette a disposizione portatile e agili dita sulla tastiera, mentre Valpreda offre cibo, bevande e la sua casa. Entrambi la mente e il cuore.
“Ogni venti o trenta pagine”, continua Piero Colaprico nell’intervista, “stampavo e lasciavo la copia. Pietro aveva dei bigliettini con appunti per correggere e aggiustare…”
L’ultimo libro della quadrilogia, scritto a quattro mani dai due autori, è “La primavera dei Maimorti”, dove, per la terza volta dopo “La nevicata dell’85” e la già citata “Quattro Gocce di Acqua Piovana”, con brevi accenni di dialetto milanese, Binda e i suoi creatori conducono il lettore per le strade di uno dei tanti volti di Milano, una Milano che tutti conoscono e tutti ignorano, fanno finta di niente ringraziando Dio non vivere nei sobborghi malfamati o dover dormire su una delle tante panchine della stazione centrale; una Milano fatta di paura e voglia di evadere; una Milano in cui è la mafia a dettare le regole e se quelle regole non vengono rispettate è il sangue fatto scorrere a fiumi sull’asfalto il prezzo da pagare.
Il quarto libro del ciclo, “L’Estate del Mundial”, orfano di Valpreda, si chiude con una lettera di Colaprico al compagno di scrittura, coinvolgendolo così, almeno idealmente, al compimento del progetto.
Il libro contrappone la gioia e l’ilarità suscitata negli Italiani dalla partecipazione degli azzurri ai mondiali di calcio dell’82, il delirio collettivo scatenato da un’importante evento sportivo, all’omicidio di Roberto Calvi, presidente del Banco Ambrosiano che lui controlla grazie a conoscenze all’interno della loggia massonica P2 e a contatti con esponenti del mondo degli affari e della mafia, trovato impiccato a Londra sotto il Ponte dei Frati Neri sul Tamigi e all’altrettanto omicidio di una soubrette dello spettacolo, una certa Lavinia Marbella, su cui Binda è chiamato ad indagare.
Il luogo è sempre Milano. Da un lato lo spettacolo e il luccichio delle serate mondane; dall’altro i soldi e il loro potere. L’inchiesta su Tangentopoli, dal 1992 al 1994, ne è un esempio.
Anzi, l’impegno di Colaprico non si limita a questo e permette all’amico anarchico, ingiustamente accusato della strage di Piazza Fontana, di continuare a vivere attraverso il loro personaggio, il maresciallo Binda, ritornato a far luce sui casi narrati ne “La Quinta Stagione”.

Binda, ormai in pensione, ascolta premuroso la richiesta di aiuto di un anziano ladro, Pallonetto, ricordato dalla polizia soprattutto per i furti compiuti agli yacht dei Grimaldi, preoccupato per la sua fidanzata rapita da una banda di albanesi. A fatica il vecchio maresciallo si orienta in una città, di nuovo il capo luogo lombardo, per lui irriconoscibile. Bar e negozi, una volta appartenuti a Cosa Nostra, sono gestiti da cinesi, le periferie sono chiassose e brulicanti e i criminali, senza controllo, hanno fisionomie differenti, parlano un’altra lingua e agiscono senza alcun obiettivo preciso; delitti, rapine e stupri fini a se stessi.
A dare un taglio definitivo con le storie di Binda, nella produzione letteraria di Colaprico, è “Trilogia della Città di M.”. Il commissario Bagni si occupa di ben tre casi, e l’ultimo, con un violento salto nel passato, lo riporta ai fatti legati alle Tangentopoli milanesi.
Il protagonista è poliziotto da vent’anni, un uomo assuefatto alla criminalità tanto da uscire pulito e indenne dalle indagini riguardo alla scomparsa di un’ingente somma di denaro, avvenuta durante la perquisizione della casa di un usuraio, di cui si è appropriato.
Ancora una volta lo sguardo dell’autore si volge, con una scrittura precisa e attenta a creare suspence, sulla malavita milanese di ieri e di oggi in una naturale miscellanea di leggende metropolitane e Storia, un percorso lungo il sottile filo invisibile della memoria passata e della nostalgia di una criminalità nostrana semplice da riconoscere.

PIERO COLAPRICO nasce a Putignano, in provincia di Bari, nel 1957; studia al collegio navale Francesco Morosini di Venezia, laureandosi poi in giurisprudenza all’Università di Milano, dove vive dagli anni settanta. Nel 1984 inizia a lavorare per La Repubblica diventando, quattro anni dopo, inviato speciale. Colaprico oltre ad essere giornalista è saggista e giallista.

PIETRO VALPREDA nasce a Milano nel 1933, in una piccola casa in Viale Lucania, quando il caos non si era ancora impossessato della città, ma tutt’intorno vi è solo campagna, la sopraelevata non esiste e i bambini giocano a pallone in mezzo alla strada. La madre di Pietro, Ela Lovati, è una donna alta e dall’aspetto che incute soggezione; il padre Emilio, al contrario, è fragile, timido e cede volentieri il passo alla moglie. Con la sorella Maddalena, Pietro ha un rapporto speciale. Fisicamente si somigliano moltissimo e passano molto tempo insieme. Lei sostiene con forza e vigore tutte le decisioni ed iniziative del fratello, diventando per lui un appoggio essenziale. Maddalena è con Pietro, quando lui impara i primi rudimenti del ballo, la sua più grande passione e professione; quando si lancia alla scoperta del ciclismo da corsa, lo applaude al debutto sul palcoscenico e lo accompagna alle riunioni anarchiche e di cui Maddalena stessa condivide i principi.
Ad indirizzare Pietro sulla strada politica è il nonno materno Paolo Lovati, socialista anche sotto il regime fascista, che gli racconta dei soprusi subiti durante il governo di Mussolini e lo invita a far parte della cooperativa socialcomunista. Nel frattempo Pietro lavora come apprendista cesellatore in una piccola officina di argenteria dello zio e si accosta tramite il giornale “ Il Libertario” e gli scritti di Bakunin, Malatesta e Cafiero alle idee anarchiche. La sera frequenta una scuola d’arte applicata del Cesello, scegliendo scultura come specializzazione, ma presto si ritira sostenendo che i capolavori, per rimanere tali, devo rimanere incompiuti.
Fino all’età di nove anni Pietro vive sul Lago Maggiore nella casa di un altro suo grande affetto famigliare, la prozia Rachele. Sarà lei a proclamare sempre e comunque l’innocenza del nipote riguardo al suo coinvolgimento nell’attentato di Piazza Fontana. Nel 1957 Pietro e la zia comprano un appartamento in centro a Milano. Una casa colma di oggetti, di libri, e di manifesti degli spettacoli teatrali che rivivono nel ricordo e nella memoria di un uomo fieramente convinto dei suoi ideali e per i quali non ha mai smesso, neppure una volta, di combattere. È proprio la zia a fornire l’alibi al nipote per il giorno della strage.
Venerdì 12 dicembre, racconta Rachele Torri negli atti processuali, Pietro Valpreda rincasa da Roma alle sette di mattina, è debole e ha la febbre a 38, si sdraia sul divano e dorme parecchie ore. All’alba del 15 dicembre la polizia suona alla porta. Il brigadiere Mainardi, in borghese, cerca Pietro. Più volte quegli uomini tornano a perquisire il piccolo alloggio e a portare via documenti.
L’accusa a carico di Valpreda è di aver deposto la bomba della tragedia il pomeriggio del 12 dicembre. A puntare il dito contro di lui è Amati e un precedente penale per rapina tentata da Pietro non ancora diciottenne.
Da quel momento in poi, per la famiglia Valpreda, comincia l’incubo. Polizia, fotografi, giornalisti e vent’anni passati in aule di tribunali.
Ucciso dalla malattia, Pietro muore nel 2002, lasciando, come lui stesso amava dire, incompiuto uno dei capolavori polizieschi d’Italia.

BIBLIOGRAFIA
Piero Colaprico
-“Sequestro alla Milanese” 1992
-“Manager Calibro 9” 1995
-“Duomo Connection” 1989
-“Capire Tangentopoli” 1996
-“L’Estate del Mundial”2003
-“La Trilogia della Città di M.” 2004
-“La Quinta Stagione” 2006

Piero Colaprico & Pietro Valpreda
-“Quattro Gocce di Acqua Piovana” 2001
-“La nevicata dell’85” 2001
-“La Primavera dei Maimorti”2002

© Cinzia Ceriani



Recensioni ed articoli relativi a Piero Colaprico

(1) Colaprico - Valpreda, la coppia del giallo all'italiana a cura di Cinzia Ceriani - ARTICOLO

Recensioni ed articoli relativi a Pietro Valpreda

(1) Colaprico - Valpreda, la coppia del giallo all'italiana a cura di Cinzia Ceriani - ARTICOLO


Recensioni ed articoli relativi a Cinzia Ceriani

Nessun record trovato

Testi di Cinzia Ceriani pubblicati su Progetto Babele

(1) Centro Commerciale di Mario Favini - RECENSIONE
(2) La fragilità dei corpi di Pietro Presti - RECENSIONE
(3) L'anello che non tiene e altri racconti di Paolo Mazzocchini - RECENSIONE
(4) Il violinista (Storia di vocazioni) di Nazareno Barra - RECENSIONE
(5) Il guerriero di luce di Marco Milani - RECENSIONE
(6) Evoluzione 14 di Marco Milani - RECENSIONE
(7) Colaprico - Valpreda, la coppia del giallo all'italiana a cura di Cinzia Ceriani - ARTICOLO
(8) Angelo della morte di Cinzia Ceriani - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2007-02-16
VISITE: 23455


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali