Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [11/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La lettura in Italia ed in Inghilterra: qualche nota per un confronto
a cura di Carlo Santulli
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8258
Media 78.98 %

Si sa (tutti lo dicono...) gli Italiani leggono poco, dai tempi in cui Hemingway parlava degli italiani, come di un popolo di cui una metà scrive, e per l'altra metà non legge. Poco, ma un po' di più, mi sembra di poter dire, di quanto accadeva in passato. C'è in questo purtroppo anche un retaggio della cultura cattolica pre-concilio, che limitava la Lettura per antonomasia, cioè quella della Sacra Scrittura, alle persone consacrate.
Anche la scuola italiana tradizionalmente si è posta in una certa posizione di diffidenza, rispecchiata spesso da riflessioni intellettuali, sulla lettura “disorganizzata” e “spontanea”, che poi (diciamocelo senza falsi moralismi) è la lettura veramente divertente. Invece, bisognerebbe arrivare ai moderni passando per i classici, leggere prima questo e poi quello, ed una volta affrontato un autore, leggere tutto fino ad esaurirlo. Poi, in vecchiaia, non leggere: rileggere. Ma, detto fra noi, qualcuno lo fa davvero? (O meglio: si può fare davvero?)
Un certo scandalo ha suscitato recentemente l'affermazione, contenuta nel romanzo dichiaratamente autobiografico di Domenico Starnone, “Labilità”, che il ragazzo-Starnone avesse iniziato a leggere dalle pagine di “Annabella”, una rivista femminile che girava per casa. Non che poi l'autore non sia passato a letture più corpose: ma comunque, la lettura è prima di tutto un esercizio di libertà, e come tale andrebbe forse inteso. Ma gli intellettuali, si sa, possono esser tutto fuorché liberi...
Detto questo, ci sono testi nella scuola italiana che, con tutti i loro limiti, ricordo sempre con affetto, e sono le antologie scolastiche. Più vaste e ridondanti erano (anche di letture ai limiti, o decisamente fuori dai programmi) e maggiore era la soddisfazione nel leggerle. Beh, sì, perché io le antologie le leggevo, e mi rammento di innumerevoli autori scoperti in quelle pagine: da Calvino a Buzzati, dall'umorismo (“Il carnet del maggiore Thompson” di George Daninos, per esempio), ma anche ad autori più classici, il Fogazzaro di “Eden anto”, il cruento Verga di “Libertà”, il D'Annunzio verista delle “Novelle della Pescara”.
E poi, ai tempi del ginnasio e del liceo, tra tante cose, il marinismo: avevo una vecchia (nel senso di probabilmente antiquata: le pagine odoravano ancora di stampa) antologia che, sulla scia di Croce (cosa che ho capito dopo) letteralmente “massacrava” con giudizi trincianti ed aspri molto della poesia secentista. Salvo poi ad offrire una certa scelta, oltre che del cavalier Marino, di Achillini, Leporeo, Gongora, ecc., scelta che mi ha permesso di apprezzare una poesia, che non è immune da quello sperimentalismo, che consideriamo per altri versi tanto “moderno”.
Se la scuola italiana tradizionale insegnava solo relativamente a leggere (come nel caso delle antologie scolastiche), insegnava, ed anzi pretendeva, che si scrivesse, e lo si facesse bene. Da qui l'amato/odiato tema di letteratura, che ha il vantaggio di obbligare gli studenti a cercare di esprimere in modo corretto quello che sanno, ma ha l'evidente limite di non chiamarli mai a giustificare chi e dove ha detto qualcosa, cosa che in un saggio letterario è obbligatorio (per fortuna) specificare, a meno di errori ed omissioni. Infatti, negli ultimi anni c'è un vero e proprio accanimento contro il tema a favore del saggio, che ha indubbiamente qualche motivo, a quel che credo, oltre che quello di imitare una struttura molto diffusa nella scuola anglosassone (un saggio in piccolo è il “Mostra e dimostra” di Sally, la sorella di Charlie Brown, il “ragazzo con la testa rotonda” dei fumetti di Schulz).
Il problema del saggio è che non è vero che in esso non si possa copiare (o meglio: non citare la fonte da cui si prende l'informazione); questo in Inghilterra si chiama plagiarism, ed è una delle preoccupazioni principali di chi lavora nella scuola, dal preside (ma direi dal ministro) in giù.
Mi sono trovato ad essere (stavo per dire mio malgrado, ma forse è ingeneroso) per molti anni in Inghilterra: una delle cose che sapevo di quel paese, era che gli inglesi leggevano molto. Si citano le cifre dei best-seller, e poi in particolare quelle dei giornali, e chiaramente queste sono tutt'altro che lusinghiere per noi: nel nostro paese siamo, od eravamo tre o quattro volte al di sotto come numero di libri e di giornali venduti, a fronte di una popolazione soltanto leggermente inferiore.
Ci sono tuttavia alcune considerazioni da fare, che mitigano di molto la portata di quest'affermazione, a parte il fatto, ovvio, che stiamo parlando di un paese in prevalenza protestante, e quindi la lettura è stata incoraggiata apertamente per oltre quattro secoli. La scuola inizia prestissimo a proporre la lettura, fin dai quattro anni/quattro anni e mezzo, mentre la scrittura, anche per le obiettive difficoltà dello spelling, viene a ruota. Questo porta al fatto che, a differenza che in Italia, i bambini diventino molto presto lettori, ma abbiano spesso difficoltà di scrittura, fino ad un'età ben addentro alla scolarizzazione.
Certo: lettori, ma di che cosa? Si rimane molto colpiti, girando in treno l'Inghilterra, come moltissimi viaggiatori leggano. Tipicamente però si tratta dei best-seller del momento, libri immuni da qualunque sperimentalismo: ci sono autori che hanno un continuo seguito di lettori, a parte i noti nomi del thriller o del giallo, che sono spesso americani. Mi vengono ora in mente Penny Vincenzi, Sophie Kinsella, Adriana Trigiani, tanto per fare tutti nomi di scrittrici, per una certa forma di cavalleria: ma non pensate che scrivano romanzi sperimentali, o molto letterari (ma, anche in Italia, va ancora la sperimentazione?).
E non parliamo dei giornali: il quotidiano che ha il più grande numero di lettori in Gran Bretagna è il Sun, poi il Daily Mirror, il Daily Star e il Daily Express, giornali sempre all'incirca di quel livello “popolare” che comprende attenzione quasi esclusiva alla realtà locale, scandalismo, un po' di sesso, e l'occasionale tirata vagamente xenofoba e razzista. Se passiamo ai giornali di tipo tradizionale, più simili a quelli italiani che a dei rotocalchi quotidiani, come il “Times”, il “Guardian”, l'”Independent”, non superiamo cifre di tiratura abbastanza simili a quelle dei maggiori giornali italiani. Però quest'insistenza sui giornali, intesi proprio come quotidiani, significa pur qualcosa: innanzitutto, lega profondamente la lettura al pendolarismo (commuting in Inghilterra), sicché il giornale del mattino è quello dell'andata, e quello della sera è quello del ritorno: qualcosa del genere in Italia non c'è stato mai, forse, anche perché gli orari lavorativi dipendono in Italia da innumerevoli fattori, regionali, sindacali, ecc., mentre in Inghilterra, almeno in linea di principio e direi anche letterariamente e retoricamente l'orario è nine-to-five. Infatti, se dovessi parlare di qualcosa che turba gli inglesi, quanto turba gli italiani (ehm, certi italiani) la scomparsa del posto fisso, direi senz'altro, la fine del nine-to-five, oggi appannaggio solo di qualche impiegato amministrativo o tecnico di laboratorio, ma in via di dissoluzione. Lasciando perdere questa materia para-sindacale, mi sento di poter dire che i giornali della sera hanno sempre penato in Italia (vedi Paese Sera, Corriere d'Informazione, La Notte, ecc.), perché la gente torna troppo tardi a casa (e non necessariamente in treno) dal lavoro, e con poca voglia suppongo di leggere.

© Carlo Santulli




Recensioni ed articoli relativi a Carlo Santulli

Nessun record trovato

Testi di Carlo Santulli pubblicati su Progetto Babele

(1) Milanesi, Guido di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(2) Puccini, Mario di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(3) Petyx, Angelo di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(4) Pennac, Daniel di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(5) Pavese, Cesare di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(6) Wilde, Oscar di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(7) Verne, Jules di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(8) Tassoni, Alessandro di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(9) Ojetti, Ugo di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(10) Joyce, James di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(11) Frank, Anna di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(12) Cortàzar, Julio di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(13) Cantoni, Alberto di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(14) Campanile, Achille di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
(15) Brignetti, Raffaello di Carlo Santulli - BIOGRAFIA
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2008-01-15
VISITE: 22717


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.