Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [16/04/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Coprifuoco scadenza 2021-04-20    CONCORSO LETTERARIO "RACCONTI NOIR" - TEMPRA EDIZIONI scadenza 2021-04-29    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie sparse di Leonardo Taverni     Non per molto di Amedeo Bruni     Maledetta allegria di Amedeo Bruni     Lili Marlene di Jacob Von bergstein     La luna di Francesco paolo Catanzaro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
21 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
37 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

L'arte del periodo nel Decameron di Giovanni Boccaccio
a cura di Enzo Sardellaro
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11397
Media 80.02 %

Articoli

    Il Boccaccio fu scrittore prolifico, però il suo nome resta indissolubilmente legato al Decameròn, che, come tutti sanno, non è di facilissima lettura, soprattutto perché il periodo talora si snoda complicatissimo, con un intreccio di subordinate che  rendono ardua la comprensione del testo.  Lo scopo di questo mio intervento è semplice: far conoscere agli ammiratori del Boccaccio come lavorava in prosa l'amico di Petrarca e l'estimatore per eccellenza di Dante, su cui tenne lezioni memorabili nella chiesa di Santa Croce in Firenze.

    Entriamo dunque nell' «officina» del grande artiere. Boccaccio è scrittore di enormi capacità realistiche, e, al tempo stesso, molto analitico. Oggi la struttura del periodo tende alla semplificazione, ma, allorché ci avviciniamo alla lettura dell'opera maggiore di Boccaccio, non dobbiamo dimenticare il fatto, essenziale, che lo scrittore di Certaldo era obbligato a modulare i periodi secondo i canoni retorico-stilistici dei tempi suoi, che erano estremamente dipendenti dai temi e dalla materia che via via si trattavano. Così, ad esempio, Boccaccio passava da un periodo semplice e da un lessico usuale e addirittura gergale ad un altro più articolato e solenne, a seconda se, rispettivamente, vi agivano personaggi di media o bassa levatura sociale o se, al contrario, i protagonisti erano altolocati e grandi intellettuali: in quest'ultimo caso  il periodare si slargava in costruzioni ampie e latineggianti, che tra l'altro furono imitatissime nei secoli seccessivi, anche se, a onor del vero, non tutti apprezzavano tale tecnica del periodo, che a molti scrittori e critici appariva estremamente artificiosa o, come diceva il nostro sempre irruente Papini,  decisamente corruttrice dell'aurorale «trecentesca semplicità». Come che siano le cose, il lettore moderno deve accettare il dato tradizionale e cercare di adattarsi alle norme retoriche medievali che, in quanto a minuziose casistiche, erano davvero, lo riconosco, ossessivamente analitiche. Lo studioso più attento del periodare boccaccesco fu sicuramente Alfredo Schiaffini (1), il quale annotò un po' tutti gli artifici stilistici messi in campo dal Boccaccio. Anzitutto egli osserva che il periodo del certaldese può essere assimilato a un «quadro», entro il quale, con sapiente stringatezza, presenta a volte, con un solo periodo appunto, le caratteristiche essenziali del personaggio (V. per esempio Andreuccio da Perugia). Fra gli artifici stilistici, Schiaffini sottolinea, per esempio, le inversioni  («E, nel vero, se io potuto avessi » , per «se io avessi potuto » ); le separazioni, per cui tra l'ausiliare e il verbo s'inserisce un avverbio o altro, per dare «lentezza pacata» al periodo («l'avrei volentier fatto», per «l'avrei fatto volentieri»); i termini preziosi e aulici, specie nelle novelle di contenuto elevato; oppure colori retorici tipici della poesia ( «Manifesta cosa è che, sì come le cose temporali tutte sono [per sono tutte, inversione]  transitorie e mortali, così in sé e fuor di sé [antitesi] ...). E queste non sono che poche annotazioni. Quanto alla varietà di periodi usati,  il Decameròn è ricchissimo di strutture sintattiche estremamente complesse. Iniziamo con un periodo tra i  più semplici, anche se oggi come oggi, tanto semplice potrebbe non apparire. Normalmente, il periodo meno complicato era detto «a spirale», secondo una tecnica costruttiva che prevedeva: una proposizione principale + una proposizione subordinata di I° grado ( di qualunque tipo) + una serie di proposizioni subordinate relative, strettamente legate fra loro e tutte dipendenti strettamente una dall'altra ( a spirale, appunto). Facciamo un breve esempio:

«Non è adunque, valorose donne, gran tempo passato [princ.] /Che in Romagna fu un cavaliere assai da bene costumato [ il che è temporale: «allorché», «quando» «in Romagna fu, ovvero «visse»...»]/ il quale fu chiamato Messer Lizio da Valbona,/ a cui per ventura... una figliola nacque.../ la quale ... crescendo, divenne, bella e piacente...».

Come si può notare, alla principale segue una temporale introdotta da un che: ma è intuitivo il suo valore temporale, adombrato già nella principale con accenni a un « non... gran tempo passato»; seguono quindi tre relative, ognuna delle quali si regge su quella precedente.

   Qualche lettore potrebbe, già a questo punto, cominciare a stillare sudore dalla fronte, e decidere di abbandonare il campo, ma i più coraggiosi mi seguiranno, anche perché, lo prometto!, non andrò oltre i due-tre esempi, che sono tra l'altro il minimo che serve per una lettura consapevole della prosa del tanto famoso Decameròn. Il periodo esemplificativo che segue è abbastanza simile al precedente, pur non avendo un andamento così «meccanico», nel senso che, le frasi che seguono la subordinata di I° grado, non sono tutte proposizioni relative. Ciò ci  complica un po' di più la vita, ma, insomma, sappiamo tutti che la strada della vita  è spesso mal lastricata,  scomoda e sconnessa:

«Dovete dunque sapere/ che nella nostra città fu già un ricchissimo mercante/ il quale scioccamente/ sì come ancora oggi fanno tutto il dì i mercatanti pensò di voler ingentilire per moglie [fuori di metafora, il Boccaccio vuol dire che il nostro mercante voleva acquisire un titolo nobiliare sposando un'aristocratica], ecc.» (2).

    E presento solo una parte del periodo. Si noti come, dalla principale (Dovete dunque sapere) si snodino un' oggettiva, una relativa, nella quale s'innesta una subordinata comparativa. Quindi, ma risparmio al lettore la sofferenza, il periodo si sviluppa nuovamente con una principale, un'oggettiva, da cui dipende un'interrogativa indiretta di 2° grado, che regge a sua volta una relativa di 3° grado, da questa un'oggettiva di 4° grado, concludendosi infine in una finale di 5° grado. Se qualcuno è sopravvissuto, sappia  che la casistica non è affatto esaurita. Oltre al periodo «a spirale», la manualistica medievale, coltivata a piene mani dal Boccaccio, prevedeva altresì il cosiddetto periodo a «biforcazione»: ne sortisce una struttura del periodo «ad albero», per cui, sia dalla principale sia dalle subordinate successive si «biforcano» altre frasi, in forza delle quali il periodo diventa assolutamente aggrovigliato, a tal punto che a volte anche un occhio esercitato stenta a raccapezzarsi. Nella seguente «biforcazione» esemplificativa, si avverte che la principale non è all'inizio, ma al centro del periodo. Concludo con un esempio:

Veramente se per ogni volta che elle a queste sì fatte novelle attendono nascesse loro un corno sulla fronte/ il quale desse testimonianza di ciò/ che fatto avessero, / io mi credo [princ.]/ che poche sarebber quelle/ che v'attendessero...

Gli esempi credo spieghino ampiamente un fatto editoriale abbastanza diffuso: la traduzione in italiano moderno del Decameròn, che a molti, infatti, pare scritto in una lingua straniera.

(c) Enzo sardellaro, professore di Lettere Italiane e Storia


Note

1) A. Schiaffini, Tradizione e poesia nella prosa d'arte italiana dalla latinità medievale a Giovanni Boccaccio, Roma, 1943. Sul Decameròn  Cfr. le pp. 187-197, in particolare le pp. 187-192, da cui sono stati tratti gli esempi.
2) Se qualcuno volesse conoscere tutta la casistica dei periodi previsti dal Boccaccio, rimando allo studio molto articolato di Giulio Herczeg, Saggi linguistici e stilistici, Firenze, Olschki, 1972, pp. 154-169. Per gli esempi, cfr. pp. 154-158.

© Enzo Sardellaro




Recensioni ed articoli relativi a Enzo Sardellaro

Nessun record trovato

Testi di Enzo Sardellaro pubblicati su Progetto Babele

(1) L'arte del periodo nel Decameron di Giovanni Boccaccio a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(2) Alberto Moravia, note sullo stile a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(3) Pascoli prosatore (Studi di lingua e letteratura italiana) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(4) Vincenzo Cardarelli e la lingua italiana nel 50° anniversario della morte a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(5) Gabriele D'Annunzio (notarella sul lessico) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(6) Naba di Enzo Sardellaro - RACCONTO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2009-08-08
VISITE: 20143


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali