Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [11/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La letteratura al tempo del web
a cura di Bruno Corino
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5729
Media 78.97 %

Articoli

Non mi occupo di quella letteratura che va a finire sul web, bensì mi occupo di tutta quella “letteratura” che viene generata nel web. La prima è letteratura cartacea che viene veicolata dal web; la seconda, invece, è letteratura che in linea di massima non è stata generata da un supporto materiale, bensì da un supporto virtuale. Sulla base di questa differenza mi pongo delle domande. In primo luogo che fine faranno domani le cattedre di letteratura contemporanea nell’epoca dell’èra digitale? Resisteranno? Resteranno in piedi e continueranno a dar da mangiare a quattrocento docenti insediati nei loro fortilizi? Inoltre, questo fenomeno che sviluppi avrà in futuro? 

Quando mettiamo piede in una libreria qualsiasi possiamo confortarli e dire: non vi preoccupate, la migliore letteratura passa ancora al vaglio del supporto materiale. Vedete come ancora tutti i romanzi, i racconti e le raccolte poetiche stanno lì tutti accatastati e ordinati in ordine alfabetico o di case editrici? Consolatevi, dunque, consolatevi. Ma cosa rappresenta effettivamente quel mondo cartaceo? La punta di un iceberg, perché poi accanto o sotto quel mondo fatto di carta c’è tutta una moltitudine di aspiranti scrittori, poeti e narratori lasciata fuori dalla porta.

Questa immensa moltitudine, come nuova orda barbarica, preme sui limes dell’editoria. Molti di loro non aspettano altro che d’essere “civilizzati” e acquistare finalmente la cittadinanza “editoriale”, essere, dunque, convertiti alla logica dell’imperio editoriale. Solo così possono anche sperare di essere domani oggetto di programmi di cattedre universitarie. Il potere d’attrazione che l’imperio esercita sulle menti di questa orda barbarica è forte. Essere cooptato da questo imperio vuol dire vedersi “consacrati” nel novero dei nuovi autori, far parte, finalmente, di quella schiera di Autori il cui valore viene alfine riconosciuto. Da quel momento, se l’Autore mostra d’avere talento vero, egli potrà vivere del suo “mestiere”. E se sa promuovere bene la sua immagine, potrà guadagnare altrettanto bene.

Voi pensate che tra un Autore consacrato e un neobarbaro ci sia un fossato incolmabile, un divario incommensurabile dal punto di vista qualitativo. Se il primo è stato consacrato e l’altro, invece, rimane fuori dal limes, si dirà, una ragione valida ci sarà. Allo storico e critico della letteratura contemporanea questa ragione non interessa affatto. La sua figura proviene dallo stesso mondo editoriale. La sua funzione culturale è nata proprio dal bisogno di mettere ordine all’interno di quel mondo, di costruire gerarchie, di assegnare posti, di porre processi di identificazione e di differenziazione, di far emergere affinità o diversità tra i vari autori, le varie poetiche, di sottoporre ai rigori dell’analisi storica le strutture, le forme o i generi letterari, analizzarne le trasformazioni, le mutazioni, sottolinearne la genesi e lo sviluppo. Il critico e lo storico della letteratura ha tutta una tradizione secolare alle sue spalle. Le sue certezze e le sue sicurezze. E soprattutto quella tradizione ha avuto le sue radici e la sua ragion d’essere nel campo del libro stampato. La stessa filologia proviene dal quel mondo.

Fuori da questo mondo c’è caos, rumori di fondo, balbettii: tutta una sterminata produzione “letteraria” che appare sul web, ma che nessuno critico e storico della letteratura la classificherebbe mai con tale nobile titolo. Potrei anche scrivere che è “letteratura” per autocertificazione, cioè perché ogni autore che “posta” il suo racconto, lungo o breve, la sua poesia, la autoetichetta come tale. Attenzione: il critico non la classificherebbe mai come tale non perché qualitativamente inferiore rispetto a quella che viene veicolata dalla carta stampata, bensì perché non la prende minimamente in considerazione. Intendo dire, dare un minimo di giudizio, ad esempio “qualitativamente inferiore o infima”, significherebbe averla almeno in parte analizzata o esaminata. Il motivo del rifiuto comunque non è da individuare in una sorta di snobismo che questi critici della letteratura hanno nei confronti di questa produzione che si autocertifica come tale. Lo snobismo sarebbe comunque sintomo di un qualcosa di cui hai avuto sentore. La chiusura, potrei dire, è dovuta proprio a ragioni intrinseche a tale produzione “letteraria” esplosa sul web: praticamente sono saltati tutti i criteri parametrici con i quali questa lunga tradizione ha da sempre esaminato le opere letterarie.

È saltato, ad esempio, il contesto autoriale: chi è che scrive? Quale la sua storia, i suoi studi, qual è la sua provenienza geografica, la sua storia, ecc.;
quindi, è saltato il criterio del paratesto: note, informazioni addizionali sull’opera e l’autore, commenti, ecc.;
è saltato il criterio dell’avantesto: il processo di genesi e di sviluppo dell’opera;
è saltato il criterio dell’intertestualità: la possibilità di collegare il singolo testo di un autore al complesso della sua produzione;
è saltato il criterio filologico; la possibilità di individuare le variazioni subite da un testo nel corso del tempo (la funzione “modifica” di un testo non lascia tracce delle variazioni apportate);
ecc. ecc.

Sono saltate, in sostanza, tutte le dimensioni entro le quali il criterio e storico tradizionale si muoveva.

Insomma, se questi non si avventura nella “letteratura” generata nella pagina virtuale è perché si trova a disagio in un mondo dominato dal caos più totale.

Il criterio in base al quale il critico letterario discrimina tale “letteratura” non è quello della qualità, ma quello della caoticità, la quale gli fa perdere di vista tutte le coordinate entro le quali finora s’è mosso. Tuttavia, il fenomeno, esploso in questi ultimi anni, ormai è sotto gli occhi di tutti; è sufficiente dare un’occhiata alla proliferazione di siti, dedicati specificatamente alla narrativa e alla poesia, che stanno emergendo in maniera esponenziale. Ma non solo ai siti, anche ai blogs dove si “postano” quotidianamente migliaia e migliaia di “opere” poetiche. Senza entrare nel merito della qualità di ciò che viene “postato” (d’altronde, lo stesso discorso potrebbe valere anche nel caso del supporto materiale), senza dubbio il fenomeno non può essere a lungo ignorato. All’inizio magari tale fenomeno sarà oggetto di studio della “sociologia dei fenomeni letterari”, ma, prima o poi, vedrete che nasceranno nuove cattedre intitolate alla “letteratura dei newmedia”, che vanno al di là della specificità prettamente sociologica, come finora si sono configurate. Inoltre, non è difficile prevedere che, man mano che il fenomeno si diffonderà e si consoliderà nel tempo, nasceranno siti letterari molto più selettivi che punteranno sulla “qualità” dei testi, il cui accesso quindi, da parte di un autore, sarà quasi equiparato alla promozione in campo editoriale.

© Bruno Corino




Recensioni ed articoli relativi a Bruno Corino

Nessun record trovato

Testi di Bruno Corino pubblicati su Progetto Babele

(1) I diari di Kafka a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(2) L’enigma dell’Uomo dei Lupi: Sigmund Freud e la psicoanalisi a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(3) Umberto Eco, Pericle, la democrazia e il populismo... a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(4) Della saggezza nascosta nella natura sin dalle sue origini remote di Bruno Corino - RACCONTO
(5) Gramsci, il teatro come “allegoria” della fabbrica dei “produttori”[1] a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(6) La coscienza “metalinguistica” in Elio Vittorini - saggio su "Le due tensioni". a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(7) Sulla potenza della metafora: da Nietzsche a Bateson a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(8) Il significato della "Lettera rubata" a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(9) L'autore nell'epoca della lit-web a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(10) Italo Svevo, le donne e la scrittura a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(11) La letteratura al tempo del web a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(12) Rancore e risentimento in Lev Tolstoj a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(13) Variazioni sopra un verso di Marino Moretti a cura di Bruno Corino - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2011-10-18
VISITE: 10096


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.