Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [08/12/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Couleur d\'un Poeme scadenza 2021-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Tributo ad Alda Merini
a cura di Miriam Ballerini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4042
Media 80.36 %

Articoli

Al Lucignolo Café di Brugherio, gestito da Antonio e Maria, spesso si assiste a incontri culturali interessanti e che fanno crescere dentro. Ritrovo di poeti e scrittori, di pittori e fotografi, è un vero piccolo eden di incontri piacevoli.
Giovedì 18 aprile 2013 ero anche io presente all'incontro tributo ad Alda Merini.
Si è parlato poco di poesia, ma si è detto molto della donna, della persona, della sua straordinaria stravaganza.
A parlarci di Alda, Aldo Colonnello, direttore artistico del teatro Villa Clerici, gallerista, amico della Poetessa e Vice Presidente del comitato "Pro Nobel Alda Merini".
Prima di cominciare, il dr. Colonnello ci ha sorpreso con la frase: «Dietro a tutto quello che verrà detto stasera, c'è la regia di Alda, un atto d'amore».
Dopodiché è un susseguirsi di ricordi, di aneddoti, di... Alda. Lui l'ha conosciuta nel 2003, l'aveva contattata per partecipare a una serata in teatro. La Merini aveva accettato, ma, purtroppo, non poté andare all'incontro perché ricoverata in ospedale. Dopo circa un mese la richiamò e, dice, fu come se fossero stati amici da anni e non fosse passato del tempo fra il loro primo incontro e quell'attimo.
Alda, per quei pochi che ancora non lo sapessero, fu internata in manicomio e, tra uscite e entrate, vi restò per quattordici anni. Lei ricordava di aver subito 46 elettroshock. Ma la grandezza del personaggio è che non si fece mai abbattere dal dolore, dal male fattole; lei risorse amando la vita e le persone. Spesso diceva che le persone più trasparenti e più belle le aveva conosciute proprio fra i malati coercitivi.
Ricordiamo Alda sempre con una sigaretta accesa fra le dita... Colonnello ci svela che, mentre si trovava internata, la sigaretta costituiva il premio che veniva dato ai malati. Ecco spiegato quel gesto, quel gratificarsi, riuscendo addirittura a fumare in luoghi dove è assolutamente proibito, come in un ospedale o sul palco di un teatro!
Sorprende come riuscisse a scrivere le sue poesie. Per lei non era un momento di fatica artistica; mentre parlava d'altro, magari di un argomento banale, i suoi occhi era come se vedessero un altro mondo. Quasi ci fosse una regia occulta che la guidasse e allora lei dettava le sue poesie. Spesso chiamava Aldo anche sette, otto volte al giorno e, senza giri di parole, gli intimava: «Scrivi!»
Nella sua borsa portava sempre con sé il rossetto, perché lei ci teneva a essere in ordine. Ed era lo stesso rossetto col quale scriveva i numeri di telefono sul muro dietro la testata del letto. Un giaciglio che faceva anche da poltrona col quale ricevere gli ospiti, sdraiata come una Cleopatra di altri tempi.
Alda era una persona comunicativa, quasi un pifferaio magico al femminile che sapeva parlare a tutte le generazioni.
Dispensava consigli, lei che aveva subito l'alienazione della personalità in manicomio, dove si viveva in modo promiscuo. Ma che fuori, rivendicava la propria femminilità e la sua identità.
Generosa, al punto da donare, estraendo i soldi dal reggiseno, circa cinquecento euro a una ragazza dell'Equador che viveva facendo i mestieri. Una sconosciuta. Perché lei amava la gente.
Certo, aveva come tutti, le proprie simpatie e antipatie, andava molto a pelle. E questo a qualcuno dà fastidio. Io ritengo che avesse tutto il sacrosanto diritto di scegliere. Perché, il suo disagio le aveva concesso di essere una persona libera, più di quanto riusciamo a esserlo noi, imbrigliati nel galateo del "questo non si fa".
Aveva molti amici e li amava in modo particolare, quasi gelosa di loro, tanto da fare in modo che fra loro non si conoscessero. Colonnello pensa che questo atto fosse anche un gesto di protezione, per non far nascere nessun tipo di competitività.
Non ottenne il nobel, anche se fu candidata. Alda diceva che non le importava, che il suo nobel erano gli amici.
Di lei ha lasciato i meravigliosi testi che dicono tutto della sua vita: un'esistenza dove c'è stato tutto e tanto. Un'antitesi di sentimenti in una sola persona. Quattro figlie, la sua fede, la serenità, i forti sentimenti nei quali non si risparmiava. La maledizione e la necessità di dover parlare di quei quattordici anni che le avevano segnato la vita irrimediabilmente, ma che le appartenevano in modo assoluto.
Il giorno prima della sua morte, ha voluto fumare ancora una volta una sigaretta. E questa immagine ci racconta molto di lei, ci lascia la sua figura così come l'abbiamo sempre vista.
Personalmente, nel 2006, ho avuto il grande onore di essere inclusa, con lei, in un'antologia che raccoglieva i quaranta migliori poeti lombardi. Ricordo che durante la serata non feci che aspettare il suo arrivo, per poterla conoscere di persona. Purtroppo, non venne, perché indisposta. Mi resta una poesia stampata vicino alla mia, che ritengo di una forza inesprimibile. Il testo è intitolato "Fogli bianchi".
A duecento metri dalla sua abitazione sui navigli milanesi, in Via Magolfa, è stata aperta la casa museo di Alda Merini. Dove verrà a breve esposto anche il muro, il suo muro, con i numeri e i tanti disegni.
Leggere le parole che ci ha lasciato è fare un viaggio straordinario nella vita di una persona che, di sé, ha dato a piene mani il suo essere. Per alcuni era solo una persona misera, una barbona, una tizia stravagante. Sono una minoranza, cuori piccoli che non sanno riconoscere l'altro al di là dell'apparenza. Alda Merini era per gli ultimi, mai ultima, ma che sapeva cosa significasse esserlo.

© Miriam Ballerini




Recensioni ed articoli relativi a Miriam Ballerini

(1) Fiori di Serra di Miriam Ballerini- Il Parere di PB

Testi di Miriam Ballerini pubblicati su Progetto Babele

(1) Sleeping beauties di Stephen e Owen King - RECENSIONE
(2) La ragazza dei fiori morti di Amy Mackinnon - RECENSIONE
(3) Fatherland di Robert Harris - RECENSIONE
(4) L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski - RECENSIONE
(5) Soliloquio di un folle di Egidio Capodiferro - RECENSIONE
(6) Angelo SenzaDio di Carmelo Musumeci - RECENSIONE
(7) A Sud di nessun Nord di Charles Bukowski - RECENSIONE
(8) Crypto di Dan Brown - RECENSIONE
(9) Insomnia di Stephen King - RECENSIONE
(10) Tutto è fatidico di Stephen King - RECENSIONE
(11) Fine turno di Stephen King - RECENSIONE
(12) La casa di giada di Madeleine Chapsal - RECENSIONE
(13) Il castigo di John Verdon - RECENSIONE
(14) Birdman di Mo Hayder - RECENSIONE
(15) Katherine di Anchee Min - RECENSIONE
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 




-

dal 2013-04-23
VISITE: 6424


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali