Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Collabora con PB Cos'è PB?
TeleScrivente:    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    La biblioteca più alta del mondo (forse) (01/05/2018)    Lo stagno dei caimani - ritrovato il racconto perduto di Salgari (12/04/2018)    Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR (06/10/2017)    [24/09/2018] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d’Inverno scadenza 2018-09-29    Racconti tra le nuvole scadenza 2018-09-30    Premio Poesia dell'Anno scadenza 2018-09-30    L'amore è scadenza 2018-10-07    Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti scadenza 2018-10-08    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Biennale Arte Contemporanea Viterbo - 5a edizione (NOSCELTA 2018-09-30)    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    RECENSIONI     Polaroid di Davide Rocco Colacrai     Ce sto io … poi ce sta De Niro - Mario Brega Biografia di Ezio Cardarelli     Breve inventario di un’assenza di Michele Paoletti     Coraline di Neil Gaiman Adattato e ilustrato da P. Craig Russell     A Sud dell’Alameda - Diario di un’occupazione di Lola Larra e Vicente Reinamontes    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
Facebook
La Rivista
PB numero 19
Scarica gratuitamente PB
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
24 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Joseph Conrad ovvero il mare professionale
a cura di Teodoro Lorenzo
Pubblicato su SITO



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1
Media 90 %

Articoli

Josef Teodor Konrad Korzeniowski nacque nel 1857 nel villaggio di Berdyciv, odierna Ucraina, all’epoca sotto la dominazione della Russia zarista.

Era comunque polacco, e lo rimase sempre, perché polacco era il padre, polacca la madre e polacco da sempre quel territorio dove lui stesso vide la luce.

Se la sua famiglia non fosse stata così fervidamente polacca la sua vota non avrebbe preso la piega che poi prese. Tutto nasce dal padre, Apollo Korzeniowski, appassionato letterato e soprattutto fervente patriota. Fu quella passione, quel fuoco interiore che passava attraverso le lettere ( fu poeta, scrittore e traduttore di Shakespeare, Victor Hugo e Charles Dickens) e soprattutto la patria che fecero innamorare di lui la madre Evelina. Ma fu quella stessa passione che dopo il paradiso gli fece conoscere l’inferno. Per aver aiutato ad organizzare ciò che sarebbe diventata la Rivolta di Gennaio del 1863-1864 fu arrestato dalla polizia zarista ed esiliato in Siberia con tutta la famiglia.

Dopo due anni le autorità permisero loro di trasferirsi a Kiev ma l’irreparabile ormai covava sotto la cenere. Il freddo e la tristi condizioni di vita avevano fatto ammalare Evelina, che morì di tubercolosi nel 1865. Apollo, le sopravvisse sempre più depresso solo per quattro anni.

Quello che il mondo conobbe poi come Joseph Conrad a dodici anni era già un orfano.

Il resto della sua adolescenza lo visse a Cracovia con il fratello della madre, che lo curò con amore e dedizione, continuando l’amore per le lettere che gli aveva instillato il padre e l’esercizio della lingua francese, amore anch’esso ispiratogli dal padre. Rimase con lui fino al 1874, fino ai suoi diciassette anni poi superò la sua prima linea retta, con un colpo secco e senza più guardarsi indietro. La sua prima vita era finita, aveva oltrepassato la sua personalissima linea d’ombra cioè il passaggio dall’adolescenza alla maturità, come scrisse più tardi in un uno dei suoi libri più celebri.

La Russia lo stava cercando per il servizio militare. Josef mai al mondo avrebbe potuto servire quell’impero che così crudelmente gli aveva sottratto la patria, la madre ed il padre

Con una lettera di raccomandazione scrittagli dallo zio in tasca fuggì a Marsiglia dove voleva che si realizzasse il suo sogno: diventare un marinaio.

Ora, come può un bambino che in vita sua ha visto solo neve, concepire e sviluppare un sogno così ardito e folle come quello di vivere sul mare è mistero che neanche lo stesso Conrad riuscì mai a spiegare. Dice nella sua “ Una cronaca personale”, una autobiografia che apparve in sette numeri sulla English Review quando ormai era un celebre scrittore e peraltro mai completata per divergenze con l’editore della rivista: “ Perché mai, infatti, figlio di una terra che uomini come quelli hanno rivoltato con i loro aratri e asperso con il loro sangue, dovetti io intraprendere e seguire una vita di carne salata e gallette sui vasti mari? Anche con la disposizione più benigna la domanda sembra senza risposta”

Comincia così, su un brigantino francese diretto verso la Martinica, la sua seconda vita, quella sul mare.

Ci rimase per 20 anni, dal 1874 al 1894, durante i quali ricoprì sulle navi tutti gli incarichi diventando col tempo terzo ufficiale, poi secondo, poi primo ufficiale e infine capitano per quattordici mesi. Cambiando nel frattempo navi e lingua.

Entrato nel 21° anno di età la legge francese vietata di impiegare stranieri che avessero superato quell’età. Se voleva perseverare nella vita di mare, e lo voleva ardentemente fare, c’era solo un luogo in cui potesse andare : l’Inghilterra. La marina mercantile inglese, diversamente francese, non muoveva obiezioni all’impiego di stranieri.

Non fu per amore quindi che scelse Inghilterra ma per necessità. Non voleva abbandonare il mare, il suo compagno più caro.

Così si esprime lo stesso Conrad in “ Lo specchio del mare”:” Qui parla l’uomo di alberi e di vele, per il quale il mare non è un elemento navigabile, ma un compagno intimo”

Così divenne Joseph Conrad ma in realtà solo sui documenti ufficiali. Nel suo cuore, bianco e rosso come i colori della sua bandiera, quella polacca, lui continuò per sempre a chiamarsi Josef Teodoro Konrad Korzeniowski.

Nei 20 anni di mare, quella della sua maturità, ebbe una vita avventurosa. Fu coinvolto in commercio di armi e cospirazioni politiche, amò con disperazione, visse per alcuni mesi a Parigi una vita da bohemien, tentò addirittura il suicidio per debiti di gioco, che poi lo zio, sempre lui, nume tutelare ripianò. E soprattutto navigò, in Estremo Oriente, a Sumatra, Singapore, Borneo, nell’Oceano Indiano, nel Pacifico del Sud. Fece naufragio e trascorse dodici giorni su una scialuppa di salvataggio.

Faceva insomma il pieno di vita che poi avrebbe riversato nei suoi libri.

Nel 1984 infatti, altra linea retta, un ‘altra linea da oltrepassare. Unʼaltra vita da iniziare dimenticando di netto e per sempre quella precedente. Un colpo netto e via, come lama di rasoio.

Nel 1894, all’età di trentasei anni, Conrad decide di lasciare per sempre il mare per diventare scrittore di libri. Si sposa ( 1896) con una giovane inglese, Jessie George, che gli darà due figli, Borys e John.

Inizia la sua terza vita. Diventa un gentiluomo di campagna: del mare, delle sue avventure, della sua vita passata non parlerà mai più. Ne scriverà tanto, tutti i suoi libri sono pieno dei suoi ricordi mare, ma in famiglia ne farà più cenno. Come se appartenessero ad un mondo lontano e diverso, ad un altro uomo, che non aveva nulla in comune con la mogli e i figli.

Fu in fondo una terza vita felice. Scriveva nel suo studio, il suo sancta sanctorum dove era assolutamente proibito entrare a tutti tranne che alla moglie, esperta dattilografa che aveva il compito di mettere in bella copia le sue creazioni. Qualche cena con gli amici, qualche passeggiata con la macchina di cui fu un entusiasta appassionato, il che, se volete, può apparire strano; il motore, che odiava sulle navi e quindi sul mare, lo seduceva sulle automobili e quindi sulla terra. Una terza vita di tranquillo borghese, amante della tranquillità e dell’ozio familiare; giocava con i figli, si preoccupava per la loro salute. Lui che aveva affrontato il mare in tempesta diventava inquieto e si agitava per un nonnulla, la febbre dei suoi ragazzi, una caduta della moglie.

Perché abbia deciso di diventare uno scrittore nella sua terza vita, così da un momento all’altro, rimane avvolto nello stesso mistero che avvolge il perché abbia voluto diventare marinaio nella sua seconda. Ma sicuramente c’entra in qualche modo il ricordo di Apollo, e dentro di sé quel suo diventare scrittore non può che non essere un omaggio al padre così amato e così sofferente. Un sentirlo vicino a sé nella scrittura.

Perché abbia deciso di farlo in inglese, la sua terza lingua dopo il polacco e il francese, anche qui non c’è risposta.

Joseph Conrad morì il 1924 per un attacco di cuore. Morì come Joseph Conrad ma sulla tomba volle che ci fosse scritto Jozef Teodor Konrad Korzeniowski. Ritornava alle origini, si ricongiungeva alla sua patria, a sua madre, a suo padre.

La sua vita furono due linee e un cerchio. Per ritornare dove tutto aveva avuto inizio.

© Teodoro Lorenzo




Recensioni ed articoli relativi a Teodoro Lorenzo

(1) De vita beata di Teodoro Lorenzo- Il Parere di PB

Testi di Teodoro Lorenzo pubblicati su Progetto Babele

(1) Joseph Conrad ovvero il mare professionale a cura di Teodoro Lorenzo - ARTICOLO
(2) Herman Melville ovvero il mare rifiutato a cura di Teodoro Lorenzo - ARTICOLO
(3) I gelati di Leopardi a cura di Teodoro Lorenzo - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2012-09-16
VISITE: 46


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.