Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [04/08/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
52 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Le tigri di Mompracem - Capitolo 2
di Emilio Salgari
Pubblicato su SITO


Ascolta la versione audio Ascolta la versione audio di questo testo!
UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 29
Media 87.93 %



I racconti di Progetto Babele

All’indomani qualche ora dopo che il sole era sorto, Sandokan usciva dalla capanna, pronto a compiere l’ardita impresa.

Era abbigliato da guerra: aveva calzato lunghi stivali di pelle rossa, il suo colore favorito, aveva indossata una splendida casacca di velluto pure rosso, adorna di ricami e di frange e larghi calzoni di seta azzurra. Ad armacollo portava una ricca carabina indiana rabescata e dal lungo tiro: alla cintura una pesante scimitarra dall’impugnatura di oro massiccio e di dietro un kriss, quel pugnale dalla lama serpeggiante e avvelenata, tanto caro alle popolazioni della Malesia.

Si arrestò un momento sull’orlo della gran rupe, scorrendo col suo sguardo d’aquila la superficie del mare, diventata liscia e tersa come uno specchio, e lo fermò verso l’oriente.

- È là - mormorò egli, dopo alcuni istanti di contemplazione. - Strano destino, che mi spingi laggiù, dimmi se mi sarai fatale! Dimmi se quella donna dagli occhi azzurri e dai capelli d’oro che ogni notte conturba i miei sogni, sarà la mia perdita!...

Scosse il capo come se volesse scacciare un cattivo pensiero, poi a lenti passi discese una stretta scaletta aperta nella roccia e che conduceva alla spiaggia. Un uomo lo attendeva al basso: era Yanez.

- Tutto è pronto - disse questi. - Ho fatto preparare i due migliori legni della nostra flotta, rinforzandoli con due grosse spingarde.

- E gli uomini?

- Tutte le bande sono schierate sulla spiaggia, coi loro capi. Non avrai che da scegliere le migliori.

- Grazie, Yanez.

- Non ringraziarmi, Sandokan; forse ho preparato la tua rovina.

- Non temere, fratello mio; le palle hanno paura di me.

- Sii prudente, molto prudente.

- Lo sarò e ti prometto che, appena avrò veduta quella fanciulla ritornerò qui.

- Dannata femmina! Strangolerei quel pirata che per primo la vide e ne parlò a te.

- Vieni, Yanez.

Attraversarono una spianata, difesa da grandi bastioni, e armata di grossi pezzi d’artiglieria, di terrapieni e di profondi fossati e giunsero sulle rive della baia, in mezzo alla quale galleggiavano dodici o quindici velieri, che si chiamano prahos. Dinanzi ad una lunga fila di capanne e di solidi fabbricati, che parevano magazzini, trecento uomini stavano schierati in bell’ordine, in attesa d’un comando qualunque per slanciarsi, come una legione di demoni, sulle navi e spargere il terrore su tutti i mari della Malesia.

Che uomini e che tipi!

Vi erano dei malesi, di statura piuttosto bassa, vigorosi e agili come le scimmie, dalla faccia quadra e ossuta, dalla tinta fosca, uomini famosi per la loro audacia e ferocia; dei battias, dalla tinta ancor più fosca, noti per la loro passione per la carne umana, quantunque dotati di una civiltà relativamente assai avanzata; dei dayaki della vicina isola di Borneo, di alta statura, dai lineamenti belli, celebri per le loro stragi, che valsero loro il titolo di tagliatori di teste; dei siamesi, dal viso romboidale e gli occhi dai riflessi giallastri; dei cocincinesi, dalla tinta gialla e il capo adorno di una coda smisurata e poi degli indiani, dei bughisi, dei giavanesi, dei tagali delle Filippine e infine dei negritos con delle teste enormi ed i lineamenti ributtanti.

All’apparire della Tigre della Malesia, un fremito percorse la lunga fila dei pirati; tutti gli occhi parvero incendiarsi e tutte le mani si raggrinzarono attorno alle armi.

Sandokan gettò uno sguardo di compiacenza sui suoi tigrotti, come amava chiamarli, e disse:

- Patan, fatti innanzi.

Un malese, di statura piuttosto alta, dalle membra poderose, la tinta olivastra e vestito d’un semplice sottanino rosso adorno di alcune piume, si avanzò con quel dondolamento che è particolare agli uomini di mare.

- Quanti uomini conta la tua banda? - chiese.

- Cinquanta, Tigre della Malesia.

- Tutti buoni?

- Tutti assetati di sangue.

- Imbarcali su quei due prahos e cedine la metà al giavanese Giro-Batol.

- E si va?...

Sandokan gli lanciò uno sguardo, che fece fremere l’imprudente, quantunque fosse uno di quegli uomini che si rideva della mitraglia.

- Ubbidisci e non una parola se vuoi vivere - gli disse Sandokan.

Il malese s’allontanò rapidamente, traendosi dietro la sua banda, composta di uomini coraggiosi fino alla pazzia e che ad un cenno di Sandokan non avrebbero esitato a saccheggiare il sepolcro di Maometto, quantunque tutti maomettani.

- Vieni Yanez - disse Sandokan, quando li vide imbarcati.

Stavano per scendere la spiaggia, quando furono raggiunti da un brutto negro dalla testa enorme, dalle mani ed i piedi di grandezza sproporzionata, un vero campione di quegli orribili negritos che s’incontrano nell’interno di quasi tutte le isole della Malesia.

- Che cosa vuoi e da dove vieni, Kili-Dalù? - gli chiese Yanez.

- Vengo dalla costa meridionale - rispose il negato, respirando affannosamente.

- E ci rechi?

- Una buona nuova, capo bianco; ho veduto una grossa giunca bordeggiare verso le isole Romades.

- Era carica? - chiese Sandokan.

- Sì, Tigre.

- Sta bene; fra tre ore cadrà in mio potere.

- E poi andrai a Labuan?

- Direttamente, Yanez.

Si erano fermati dinanzi ad una ricca baleniera, montata da quattro malesi.

- Addio, fratello - disse Sandokan, abbracciando Yanez.

- Addio, Sandokan. Bada di non commettere delle pazzie.

- Non temere; sarò prudente.

- Addio e che la tua buona stella ti protegga.

Sandokan balzò nella baleniera e, con pochi colpi di remo, raggiunse i prahos, i quali stavano spiegando le loro immense vele. Dalla spiaggia si alzò un immenso grido.

- Evviva la Tigre della Malesia!

- Partiamo - comandò il pirata, volgendosi ai due equipaggi.

Le ancore vennero salpate da due squadre di demoni color verde-oliva o giallo-sporco e i due legni, fatte due bordate, si slanciarono in pieno mare, beccheggiando sulle azzurre onde del mar Malese.

- La rotta? - chiese Sabau a Sandokan, che aveva preso il comando del legno maggiore.

- Diritti alle isole Romades - rispose il capo. Poi, volgendosi verso gli equipaggi, gridò:

- Tigrotti, aprite bene gli occhi; abbiamo una giunca da saccheggiare.

Il vento era buono, soffiando dal sud-ovest, e il mare, appena mosso non opponeva resistenza alla corsa dei due legni, i quali in breve raggiunsero una celerità superiore ai dodici nodi, velocità veramente non comune ai bastimenti a vela, ma niente straordinaria pei legni malesi, che portano vele immense e hanno scafi strettissimi e leggeri.

I due legni, coi quali la Tigre stava per intraprendere l’audace spedizione, non erano due veri prahos i quali ordinariamente sono piccoli e sprovvisti di ponte. Sandokan e Yanez, che in fatto di cose di mare non avevano di eguali in tutta la Malesia, avevano modificati tutti i loro velieri, onde affrontare vantaggiosamente le navi che inseguivano.

Avevano conservato le immense vele, la cui lunghezza toccava i quaranta metri e così pure gli alberi grossi, ma dotati di una certa elasticità e le manovre di fibre di gamuti e di rotang, più resistenti delle funi e più facili a trovarsi, ma avevano dato agli scafi maggiori dimensioni, alla carena forme più svelte e alla prua una solidità a tutta prova.

Avevano inoltre fatto costruire su tutti i legni un ponte, aprire sui fianchi dei fori pei remi ed avevano eliminato uno dei due timoni che portavano i prahos e soppresso il bilanciere, attrezzi che potevano rendere meno facili gli abbordaggi.

Malgrado i due prahos si trovassero ancora ad una grande distanza dalle Romades, verso le quali si supponeva veleggiasse la giunca scorta da Kili-Dalù, appena sparsasi la notizia della presenza di quel legno, i pirati si misero subito all’opera, onde essere pronti al combattimento.

I due cannoni e le due grosse spingarde vennero caricati colla massima cura, si disposero sul ponte palle in gran numero e granate da lanciarsi a mano, poi fucili, scuri, sciabole d’abbordaggio e sulle murate vennero collocati i grappini d’arrembaggio, da gettarsi sulle manovre della nave nemica. Ciò fatto, quei demoni, i cui sguardi già s’accendevano d’ardente bramosia, si misero in osservazione chi sui bastingaggi, chi sulle griselle, e chi a cavalcioni dei pennoni, ansiosi tutti di scoprire la giunca che prometteva un ricco saccheggio, provenendo ordinariamente, tali navi, dai porti della Cina.

Anche Sandokan pareva che prendesse parte all’ansietà e irrequietezza dei suoi uomini. Camminava da prua a poppa con passo nervoso, scrutando l’immensa distesa d’acqua e stringendo con una specie di rabbia l’impugnatura d’oro della sua splendida scimitarra.

Alle dieci del mattino Mompracem scompariva sotto l’orizzonte, ma il mare appariva ancora deserto. Non uno scoglio in vista, non un pennacchio di fumo che indicasse la presenza di un piroscafo, non un punto bianco che segnalasse la vicinanza di qualche veliero. Una viva impazienza cominciava a invadere gli equipaggi dei due legni; gli uomini salivano e scendevano gli attrezzi imprecando, tormentavano le batterie dei fucili, facevano lampeggiare le lucenti lame dei loro avvelenati kriss e delle scimitarre.

Ad un tratto, poco dopo il mezzodì, dall’alto dell’albero maestro s’udì una voce a gridare:

- Ehi! guarda sottovento!

Sandokan interruppe la sua passeggiata. Lanciò un rapido sguardo sul ponte del proprio legno, un altro su quello comandato da Giro-Batol, poi comandò:

- Tigrotti! Ai vostri posti di combattimento!

In meno che si dica i pirati, che si erano arrampicati sugli alberi, scesero in coperta, occupando i posti loro assegnati.

- Ragno di Mare - disse Sandokan, rivolgendosi all’uomo rimasto in osservazione sull’albero. - Che cosa vedi?

- Una vela, Tigre.

- È una giunca?

- È la vela di una giunca, non m’inganno.

- Avrei preferito un legno europeo - mormorò Sandokan, corrugando la fronte. - Nessun odio mi spinge contro gli uomini del Celeste Impero. Ma chissà!... - Riprese la passeggiata e non parlò più.

Passò una mezz’ora, durante la quale i due prahos guadagnarono cinque nodi, poi la voce del Ragno di Mare si fece ancora udire.

- Capitano, è una giunca! - gridò. - Badate che ci ha scorti e che sta virando di bordo.

- Ah! - esclamò Sandokan. - Ehi! Giro-Batol, manovra in modo da impedirle di fuggire.

I due legni un momento dopo si separavano e, dopo descritto un ampio semicerchio, mossero a vele spiegate incontro al legno mercantile.

Era questo uno di quei pesanti vascelli che si chiamano giunche, dalle forme tozze e di dubbia solidità, usati nei mari della Cina.

Appena accortosi della presenza di quei due legni sospetti, contro i quali non poteva lottare di velocità, si era fermato, inalberando un gran drappo.

Nel vedere quel vessillo, Sandokan fece un salto innanzi.

- La bandiera del rajah Brooke, dello «Sterminatore dei pirati»! - esclamò, con intraducibile accento d’odio. - Tigrotti! all’abbordaggio! all’abbordaggio!... Un urlo selvaggio, feroce, s’alzò fra i due equipaggi, ai quali non era ignota la fama dell’inglese James Brooke, diventato rajah di Sarawack, nemico spietato dei pirati, un gran numero dei quali erano caduti sotto i suoi colpi.

Patan, d’un balzo, fu al cannone di prua, mentre gli altri puntavano la spingarda ed armavano le carabine.

- Devo cominciare? - chiese a Sandokan.

- Sì, ma che la tua palla non vada perduta.

- Sta bene!

Di repente una detonazione echeggiò a bordo della giunca, ed una palla di piccolo calibro passò, con un acuto fischio, attraverso le vele. Patan si chinò sul suo cannone e fece fuoco, l’effetto fu pronto: l’albero maestro della giunca che si era spaccato alla base, oscillò violentemente innanzi e indietro e cadde in coperta, colle vele e tutti i suoi cordami. A bordo del disgraziato legno si videro degli uomini correre sulle murate e poi sparire.

- Guarda, Patan! - gridò il Ragno di Mare.

Un piccolo canotto, montato da sei uomini, erasi staccato dalla giunca e fuggiva verso le Romades.

- Ah! - esclamò Sandokan, con ira. - Vi sono degli uomini che fuggono, invece di battersi! Patan fà fuoco su quei vili!

Il malese lanciò a fior d’acqua un nembo di mitraglia che sfondò il canotto, fulminando tutti quelli che lo montavano.

- Bravo, Patan! - gridò Sandokan. - Ed ora, rasami come un pontone quella nave, sulla quale vedo ancora un numeroso equipaggio. Dopo la manderemo a raddobbarsi nei cantieri del rajah, se ne ha! I due legni corsari ripresero l’infernale musica, scagliando palle, granate e nembi di mitraglia contro il povero legno, spaccandogli l’albero di trinchetto, sfondandogli le murate e le costole, recidendogli le manovre e uccidendogli i marinai che si difendevano disperatamente a colpi di fucile.

- Bravi! - esclamò Sandokan, che ammirava il coraggio di quei pochi uomini rimasti sulla giunca.

- Tirate, tirate ancora contro di noi! Siete degni di combattere contro la Tigre della Malesia!

I due legni corsari, avvolti da fitte nuvole di fumo, dalle quali scattavano lampi, si avanzavano sempre e in brevi istanti furono sotto i fianchi della giunca.

- Barra sottovento! - gridò allora Sandokan, che aveva impugnato la scimitarra.

Il suo legno abbordò il mercantile sotto l’anca di babordo, e vi rimase attaccato, essendo stati lanciati i grappini d’abbordaggio.

- All’assalto, tigrotti! - tuonò il terribile pirata.

Si raccolse su se stesso, come una tigre che sta per lanciarsi sulla preda e fece atto di saltare, ma una mano robusta lo trattenne.

Si volse, gettando un urlo di furore, ma l’uomo che aveva osato di fermarlo gli era saltato dinanzi, coprendolo col proprio corpo. - Tu, Ragno di Mare! - gridò Sandokan, alzando su di lui la scimitarra. Proprio in quell’istante un colpo di fucile partiva dalla giunca e il povero Ragno cadeva sul ponte fulminato.

- Ah! grazie, mio tigrotto - disse Sandokan. - Volevi salvarmi!

Si scagliò innanzi come un toro ferito, si aggrappò alla bocca di un cannone, si issò sul ponte della giunca e si precipitò fra i combattenti con quella pazza temerità che tutti ammiravano.

L’intero equipaggio della nave mercantile si gittò addosso a lui per contrastargli il passo. - A me, tigrotti! - gridò egli, abbattendo due uomini col rovescio della scimitarra. Dieci o dodici pirati, arrampicandosi come scimmie su per gli attrezzi e saltando le murate, si slanciarono in coperta, mentre l’altro praho gettava i grappini d’abbordaggio.

- Arrendetevi! - gridò la Tigre ai marinai della giunca.

I sette od otto uomini che ancora sopravvivevano, vedendo altri pirati invadere la tolda, gettarono le armi.

- Chi è il capitano? - chiese Sandokan.

- Io - rispose un cinese, facendosi innanzi, tremando.

- Tu sei un prode, ed i tuoi uomini sono degni di te - disse Sandokan. - Dove andavi?

- A Sarawack.

Una profonda ruga si disegnò sull’ampia fronte del pirata.

- Ah! - esclamò con voce sorda. - Tu vai a Sarawack. E che cosa fa il rajah Brooke, lo «Sterminatore dei pirati»?

- Non lo so, mancando da Sarawack da parecchi mesi.

- Non importa, ma gli dirai che un giorno andrò a gettare l’ancora nella sua baia e che là attenderò i suoi legni. Oh! la vedremo se lo «Sterminatore dei pirati» sarà capace di vincere i miei.

Poi si strappò dal collo una fila di diamanti del valore di tre o quattrocentomila lire e, porgendola al capitano della giunca, disse:

- Prendi, mio valoroso. Mi rincresce di averti malmenato la giunca che tu hai così bene difesa, ma potrai con questi diamanti comperartene dieci di nuove.

- Ma chi siete, voi? - chiese il capitano, stupito.

Sandokan gli si avvicinò e, posandogli le mani sulle spalle, gli disse:

- Guardami in viso: io sono la Tigre della Malesia.

Poi, prima che il capitano e i suoi marinai potessero riaversi dal loro sbalordimento e dal loro terrore, Sandokan e i pirati erano ridiscesi nei loro legni.

- La rotta? - chiese Patan.

La Tigre stese il braccio verso l’est, poi, con voce metallica, nella quale sentivasi una grande vibrazione, gridò:

- Tigrotti, a Labuan! a Labuan!

© Emilio Salgari

>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2021-04-28
VISITE: 255


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali