Pagina Precedente

Poesie Scelte

Pagina Successiva


XIII ( CXXXVIII )

Sento forte un silenzio,

leggero, dolce, quieto,

che d'altra etą mi pare,

e pił antica, e pił bella.

Da un luogo lontano

osservo la mano

che di nero macchia

la carta.

E ogni incantevole dubbio

vano ora diventa,

qui nella nebbia

tutto si stempera e lenta

scorre la vita,

nč pił ritorna alla mente

l'inutile colore

dei suoi occhi lontani.

 

Verra' un giorno 
improvvisamente
sentirai dentro di te
le orme dei miei passi 
che si allontanano.

E quel peso 
sara' il piu' grave.

Nadir Hikmet


Pagina Precedente

Poesie Scelte

Pagina Successiva


VISITE: 2