Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [19/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    Premio Drammaturgico Carlo Annoni scadenza 2024-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietŕ piů famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriňlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimitŕ e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcňni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirŕ che č tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriňlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
     

Inserito il 10 Settembre 2023

La religione dei magiari pagani

di Diószegi Vilmos


Vocifuoriscena 2023
Prezzo 28 euro Pagine 320
ISBN:9788899959586



La religione dei magiari pagani

«Per tre dì e tre notti non fece che dormire; credevano che fosse morto, ma respirava, il cuore pulsava. Si era nascosto. Per respirare respirava, ma il suo spirito se n’era andato, gli avevano sottratto lo spirito, si era nascosto. Trascorsi i tre dì e le tre notti, si risvegliò. Ma allora sapeva tutto, era divenuto tátos.»

Tra i maggiori studiosi dello sciamanismo, Diószegi Vilmos (1923-1972), le cui spedizioni etnografiche tra i più remoti popoli dell’Asia nord-orientale hanno dato un contributo fondamentale allo
studio dei popoli siberiani, ha nondimeno dedicato alcune importanti trattazioni alle sopravvivenze della religione precristiana degli antichi magiari, conservate nel folklore e nelle credenze popolari ungheresi.
In questo A pogány magyarok hitvilága (1967), minuziosa disamina comparatistica della visione del mondo dei magiari pagani, Diószegi mette in evidenza gli elementi di continuità tra le figure di veggente, necromante e sapiente (táltos, garabonciás diák e tudós) che popolano il folklore ungherese e quelle degli sciamani ben noti alle tradizioni dei popoli uralici e altaici.

 Attingendo a un corposo spettro di materiale comparativo, costituito prevalentemente da fiabe, racconti e canti popolari registrati dalla viva voce del popolo, Diószegi ricostrusce la visione del mondo degli antichi magiari. Ne svela l'impianto cosmologico a partire dai dati forniti dal viaggi degli eroi fiabeschi, o degli stessi táltosok, nel mondo superiore (felső világ) e inferiore (alsó világ), effettuati scalando l'albero cosmico (világfa).

Ma in particolare, la figura del táltos, la sua nascita con un numero superiore di denti, l'iniziazione attraverso il sonno duraturo e lo smembramento, la scalata dell'albero che tocca il cielo e l'ottenimento del tamburo-cavalcatura, il suo copricapo fornito di corna o piume, lo svolgimento della sua attività in preda al nascondimento, nonché la sua anima duplice e il suo canto misterioso, trovano un puntuale corrispettivo nella tradizione sciamanica dei popoli dell'Eurasia settentrionale. Queste figure costituiscono pertanto sopravvivenze della cultura magiara precristiana, anteriore al loro arrivo nel bacino dei Carpazi (896).

In occasione del centenario della nascita di Diószegi Vilmos, proponiamo una delle sue monografie più importanti, A pogány magyarok hitvilága. Quest'opera costituisce un caposaldo scientifico nella disamina degli operatori del magico nella tradizione ungherese, tanto da poterla considerare tuttora insuperata in quanto alla mole di materiale etnografico e alla ponderata cura nel tracciare paralleli con lo sciamanismo, di cui Diószegi fu uno dei maggiori conoscitori. La traduzione di A pogány magyarok hitvilága, volume finora disponibile esclusivamente in ungherese, renderà accessibile materiale comparativo importante per contribuire agli studi antropologici, linguistici e di storia delle religioni.

Titolo originale:
A pogány magyarok hitvilága
Cura e traduzione: Elisa Zanchetta


Per informazioni e per comprare questo libro
Email: vocifuoriscena@gmail.com

 



Importante! I bandi e/o comunicati stampa qui riportati sono pubblicati sul sito di Progetto Babele gratuitamente ed a puro titolo di cortesia, nell'ottica di fornire un servizio culturale gratuito agli utenti del sito. Gli organizzatori dei vari concorsi/eventi/corsi etc. sono e restano gli unici responsabili della veridicità di quanto dichiarato, similmente è a loro che deve essere indirizzata qualsiasi richiesta di informazioni e/o chiarimento.

 


-

VISITE: 375


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali