Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook
Seguici su Youtube
Instagram
Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio ľ 11 Giugno (23/05/2023)    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    [27/09/2023] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L'abisso delle fobie scadenza 2023-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo L'altro io - a seguire lettura a leggio del Monologo della sera (EVENTO 2023-09-30)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciri˛lo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano     Lĺintero senso di Rossella Tempesta     Fenomenologia del silenzio di Anna Rita Merico    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli     Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende    Racconti     I decapitati di Francesco Ciri˛lo     "Sara y la Facultad" di Jorge edgardo Lˇpez     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco ů la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     R÷kFl÷te (2023) - Jethro Tull    
     

Inserito il 12 Settembre 2023

Critica teatrale: Codici di lettura scenica

di Georgios Katsantonis


Edizioni Accademiche Italiane 2014
Prezzo 40 euro Pagine 56
ISBN:9783639484984



Critica teatrale: Codici di lettura scenica

Un saggio di particolare valore critico-letterario Critica teatrale: Codici di lettuera scenica di Georgios Katsantonis   sull’ ambivalente figura del critico. Georgios Katsantonis scrittore del primo saggio che esamina la fortuna di Eduardo De Filippo in Grecia «Le opere Di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco» vuole rilanciarne  la mancanza della consapevolezza che regna nel lavoro del critico sia in Grecia che in Italia. Il critico non ha bisogno di una maschera. Il clown si deve servire di una maschera per far critica. Il lavoro del critico particolarmente oggi vive una situazione capovolta, assume una prospettiva etica.  La messinscena è, sempre, un assemblaggio di sogni e utopie. E queste utopie oniriche e assolutamente visibili in linguaggio scenico vengono raccontate dal critico. Ogni critico teatrale le racconta a modo suo. La critica è un dialogo aperto. Tutto quello che so è che l’unica cosa che mi ha fatto pubblicare questo libro è la mia coscienza e finalmente il risultato è stato esattamente quello che avevo desiderato.

Con il volume “Critica teatrale:Codici di lettura scenica” (Edizioni Accademiche Italiane, 2014),traccia un'analisi attenta degli avvenimenti  maggiormente significativi  nel cambiamento della ricezione del fenomeno teatrale nel tempo con lo sviluppo della semiotica, lo strutturalismo praghese e i 13 punti di Kowzan. 
L’autore riesce a far dialogare, in maniera significativa,  discutendo sotto forma di intervista con alcuni tra i critici Italiani più attivi nel panorama contemporaneo italiano: Giulio Baffi (Presidente dell’Associazione Nazionale dei Critici Italiani di Teatro),  Mario Bianchi(EOLO rivista online di Teatro Ragazzi), Rossella Menna, Roberto Rinaldi(Rumorscena.com)e Oliviero Ponte Di Pino, fondatore e amministratore di ATEATRO.

Nel percorso tracciato  emerge che ogni nuova sperimentazione teatrale richiede i suoi giudizi. E si capisce come i giudizi siano sempre parziali, perché gli orizzonti storico teatrali cambiano, e negli orizzonti storico teatrali cambiano gli stessi critici. La stessa sociologia della ricezione ha, infatti, qualcosa da dirci, e dobbiamo tenerne conto. La critica è interessata alla forza conoscitiva delle opere. E per questo non può fare a meno dei criteri di valore. Essa è innanzitutto valutativa.

La sociologia, la psichologia, e la semiologia si avvicinano allo spettatore non come una persona ma come un’ entità collettiva. Allo spettatore-persona, passano i codici ideologici e psicologici, mentre il sottopalco forma un’ entità, un corpo che reagisce colletivamente. L’ estetica della recezione cerca lo spettatore ideale. La semiologia si occupa del modo con cui lo spettatore crea il significato da sequenze di punti della rappresentazione, convergence, e casmi tra diversi significati. Il teatro è una lingua che porta i suoi codici di comunicazione. Questi codici si pongono in funzione allo spettacolo attraverso la forma trasmittente-ricevente. L’ opera d’ arte non ha nessuna autosufficienza, senza il ricevente, non esiste. Brecht scrive che nel  teatro, il pubblico regola la rappresentazione teatrale. In base a questa osservazione, il ruolo del pubblico è attivo. Il pubblico è il protagonista e forse il primo tra i protagonisti. Un attore e uno spettatore configurano la cellula fondamentale del teatro. In campo psicologico, nasce anche un filone di interlocuzione sia dal punto di vista dell'attore che dello spettatore.

Georgios Katsantonis è un teatrologo greco, ricercatore nelle discipline della Storia del Teatro e dello Spettacolo, si è laureato in Studi Teatrali presso l’Università degli Studi di Patrasso (Grecia). Dopo la laurea ha conseguito il Master di II livello in Letteratura, Scrittura e Critica Teatrale  presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” con voto 110 e lode. La sua tesi in Letteratura Teatrale Italiana è diventata un libro dal titolo  «Le opere di Eduardo De Filippo sul palcoscenico greco» uscito nel  2013 con l’intenzione di divulgare e rendere familiare al più vasto pubblico la fortuna di Eduardo in Grecia. Presentato all’interno delle diverse iniziative culturali in occasione dei trent’anni dalla scomparsa di Eduardo De Filippo, il suo volume ha ottenuto un importante riscontro in Italia. Il 24 ottobre 2014 ha partecipato con successo in qualità di ricercatore al convegno internazionale  curato dal professore Pasquale Sabbatino «Eduardo De Filippo e il Teatro del mondo» tenutosi presso l’Università “Federico II” di Napoli. Il suo intervento  «Eduardo in Grecia, una storia della ricezione inedita» sarà pubblicato negli atti del Convegno dalle Edizioni Scientifiche Italiane. Nel maggio 2014 la ''Edizioni Accademiche Italiane'' hanno pubblicato un suo saggio sulla critica teatrale come ricerca scientifica. Suoi articoli  sono pubblicati su  testate giornalistiche cartacee, web o agenzie stampa, sia in Grecia che in Italia.

Può essere contattato scrivendo a: “giorgoskatsantonis@yahoo.gr”.


Email: giorgoskatsantonis@yahoo.gr

 



Importante! I bandi e/o comunicati stampa qui riportati sono pubblicati sul sito di Progetto Babele gratuitamente ed a puro titolo di cortesia, nell'ottica di fornire un servizio culturale gratuito agli utenti del sito. Gli organizzatori dei vari concorsi/eventi/corsi etc. sono e restano gli unici responsabili della veridicità di quanto dichiarato, similmente è a loro che deve essere indirizzata qualsiasi richiesta di informazioni e/o chiarimento.

 


-

VISITE: 33


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali