Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [09/12/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Couleur d\'un Poeme scadenza 2021-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il giallo ironico di Daniel Pennac

A cura di Alessandra Spagnolo


L'avventura letteraria di Pennac come autore di gialli, inizia per caso. Nato a Casablanca nel 1944, conosce il mondo a causa dei continui spostamenti del padre militare francese di carriera. In seguito si stabilisce a Parigi, nel quartiere multietnico di Belleville, dove insegna in un liceo, occupandosi in particolare di ragazzi difficili. Verso questo pubblico è orientato il suo romanzo d'esordio "L'occhio del lupo"(1984). Passerà a dedicarsi al pubblico adulto solo nel 1985 con "Il paradiso degli orchi" il primo romanzo che ha per protagonista Benjamin Malaussène, a cui seguirà la tetralogia che lo ha reso famoso a livello mondiale formata da "La fata carabina" "La prosivendola" "Signor Malaussène" Ultime notizie dalla famiglia" "La passione secondo Thèrése" , scritta tra il 1987 ed il 1999.
Dalla saga ha tratto anche un'opera teatrale, intitolata "Signor Malussène", portata in scena in Italia da Claudio Bisio, con la regia di Giorgio Gallione.
Il genere giallo, che principalmente si basa su un rapporto di deduzione logica, con trame consequenziali, viene utilizzato dall'autore come base per descrivere la realtà multietnica del suo quartiere, dove convive un mondo fatto da francesi, africani, mussulmani, ebrei che ruota attorno alla tribù familiare di Benjamin, che di professione fa il capro espiatorio. Strutturate come un insieme di aneddoti apparentemente slegate fra loro, le storie si dipanano in una rete di immagini, caotiche come il ritmo della vita che pulsa in una città. L'ironia e la leggerezza condiscono il tutto, in quella tradizione che parte da Rabelais, per il quale tutto il mondo ha sede nell'intestino. Ed è proprio dal basso, dal ventre del quartiere che partono queste storie, nere e violente, ma assurde e coinvolgenti. Il richiamo a Calvino, quello delle "Lezioni americane", si sente specie nella leggerezza con cui vengono trattate le scene violente, o in alcuni passaggi in cui l'assurdo assume la sua posizione logica, mentre i giochi linguistici di Gadda, che l'autore cita e conosce, tornano nelle esplosioni parlate dei personaggi. Ne "La fata carabina" la serie degli omicidi delle anziane finisce con il legarsi alla storia di un architetto di grido e a causarne la rovina senza che le due vicende si compenetrino fra loro.
Una caratteristica tipica di questo autore è il senso dell'immagine, della metafora.
Nel suo intervento alla conferenza che tenne a Roma alla Sapienza nel 2000 egli dichiarò che è il sistema economico a separare gli uomini in gruppi, in razze, non l'ideologia. Per questo nascono orrori come quelli a cui abbiamo assistito nella ex Jugoslavia: persino nelle periferie delle metropoli gli individui tendono all'autoesclusione, alla ghettizzazione della propria identità. L'imperativo è non mescolarsi, ma calpestarsi fra poveri. E' per questo che Belleville diventa un luogo idilliaco, dove sopravvive la compassione per l'altro, dove l'individuo diventa parte di un tutto, sostegno di altri.
La professione di Benjamin altro non è che il punto di vista dell'opposto, del rifiutato, del povero Cristo, che finisce ovviamente e puntualmente crocefisso. Il tutto attraverso un esplosione continua di immagini, di linguaggio argot, di grottesco che ricorda il fumetto. Una cultura del gioco furbo ma candido che viene direttamente dal mondo dei ragazzini di Belleville che tanto ha amato e frequentato. (Alessandra Spagnolo)

Argomenti correlati:

>>Daniel Pennac (1944-)

VISITE: 28191


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali