Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [21/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
17 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Intervista a:
FRANCESCO GITTO


Francesco Gitto, poeta e scrittore, sceneggiatore, regista e autore televisivo, è nato nel 1972 a Foggia, dove tuttora vive ed esercita la professione di legale. Le sue prime poesie risalgono al 1988. Presente nell’antologia Pagine di poesia, ( Pagine, 2000 ), vincitore del Premio internazionale ARPI 2000, ha pubblicato il suo primo romanzo, Morfeo, per la Bastogi Editrice Italiana, nel 2004.

 

“Morfeo”,opera edita per la terza volta nel 2004 dalla Bastogi, da me recensita,si qualifica soprattutto per l’originale struttura narrativa, la particolare fantasia, il profondo significato umano e l’ottima postfazione di Alfredo Pasolino. Ecco, qui di seguito, l’intervista all’autore.

Ciao, Francesco. Siamo curiosi di conoscerti meglio. Vuoi parlarci un po’ di te?
Certo! Sono un giovane scrittore che ben presto si è appassionato alla scrittura, ho l’animo romantico e sono interessato a tutte le forme d’arte, dalla scrittura alla recitazione, dalla danza alla musica. Ma questa mia passione si imbatte e sbatte con la mia “prima” professione, quella di avvocato che di artistico non ha nulla.

Laureato in giurisprudenza, poeta e scrittore. Come dire… ragione e sentimento. Spirito romantico?
La laurea in giurisprudenza? L’arte come si sa, almeno all’inizio non paga. Pertanto incarno perfettamente ragione e sentimento, ma non nego che sia quest’ultimo a prevalere infatti ciò che mi spinge a scrivere è la passione per l’amore in tutte le sue forme.

Hai seguito corsi di scrittura creativa? Qual è stato il tuo apprendistato?
No, non ho mai seguito alcun corso di scrittura creativa, ed il mio apprendistato è stato la noia dei professori che mi hanno, in un certo senso, spinto a rinchiudermi in un mondo tutto mio, facendo nascere sui banchi di scuola le mie prime poesie.

Il tuo scrittore- guida? Le tue letture preferite?
Non ho uno scrittore-guida ma potrei citare alcuni dei miei scrittori preferiti che mi appassionano pur essendo molto diversi tra di loro: Hemingway, Henry Miller, Dostoewskij.

Francesco Gitto prima e dopo “Morfeo”. Altre pubblicazioni? Scritti inediti? E’ cambiato qualcosa nella tua vita di scrittore?
Non c’è ancora un dopo Morfeo, anche perché è un libro che sta ancora producendo i suoi frutti. Comunque in primavera darò alle stampe il nuovo romanzo. La mia vita di scrittore non è cambiata, ho solo acquisito la consapevolezza di aver scritto un’opera che si presta ad essere letta da un pubblico piuttosto vasto e questo mi rende orgoglioso.

Com’è nata l’idea del romanzo? Te ne sei allontanato molto in fase di realizzazione?
Il romanzo è nato dopo un percorso di introspezione che è durato diversi anni, cioè quando non sono stato più soddisfatto nello scrivere poesie e racconti ed ho avvertito la necessità di scrivere qualcosa di più “grande”. No! Non mi sono allontanato dall’idea iniziale, Morfeo è nato ed è rimasto così come l’avevo inizialmente concepito. Lui era già dentro di me.

Qual è il miglior consiglio che hai ricevuto durante la stesura del romanzo? Hai pianificato il lavoro? In che modo?
Il miglior consiglio che ho ricevuto è stato quello di non mollare, detto mentre mi guardavo allo specchio. Non ho seguito alcun piano di lavorazione, Morfeo si è evoluto in modo naturale, giorno dopo giorno, notte dopo notte. Ansia dopo ansia. Respiro dopo respiro.

Nel tuo romanzo sono presenti figure mitologiche come Morfeo e Caronte (Etnorak). Amante della letteratura greca e di quella latina? Della mitologia in particolare?
Sì, sono affascinato da quel patrimonio letterario lontano e mitologico, ma così presente e fondamentale per le nostre vite.

“…dove si trovano le chiavi per aprire tutte le porte, per aprire le porte dell’Inferno o del Paradiso?” (da “Morfeo”). E’ uno dei tanti interrogativi che colpiscono l’animo di chi legge. Vuoi commentare? Nella tua immaginazione, le anime dannate risiedono nell’Ade o nell’Inferno dantesco?
Sono contento che tu mi abbia posto questa, che è una domanda alla quale ciascuno di noi dovrebbe dare una risposta. Chi è il custode delle chiavi? Ognuno di noi. O forse è solo il destino che ci irride e si prende gioco di noi e ci indirizza sulla strada che ha disegnato per noi. Per me le anime dannate risiedono nei cuori delle persone che fanno soffrire.

In Morfeo campeggia l’atavica lotta tra Bene e Male, in cui s’inserisce la visione salvifica dell’Amore. Sei manicheo o pensi, come sosteneva Rousseau, che il bene sia originariamente in ognuno di noi, ma l’uomo se ne allontana col progresso sociale?
E’ dal Caos che nasce questa lotta fra il bene ed il male e che continua a far parte della nostra vita opprimendoci e allontanandoci da noi stessi. Ma sono certo che, le persone buone pur attraversando momenti bui, il loro cuore sarà sempre nobile e gentile.

Il protagonista è tormentato da dubbi, ma desideroso di conoscere. Autobiografismo, in qualche misura?
Non direi proprio autobiografia, ma un frammento di me è in Morfeo. I suoi dubbi sono in parte anche i miei e la sete di verità è identica. Siamo entrambi sempre alla ricerca dell’amore, inteso nel senso più ampio che si possa dare.

Nel romanzo domina il mistero, un’atmosfera cupa e malinconica generata da immagini lugubri, e non solo. Riuscivi meglio a rappresentare tutto ciò quando eri di cattivo umore? Ti sei dedicato all’opera con costanza?
Il mio stato d’animo non era incupito mentre scrivevo, anzi mi lasciavo cullare da romantiche melodie per penetrare maggiormente nei cuori e negli animi dei miei personaggi che sono si ammantati da una luce misteriosa e malinconica ma anche piena d’amore. E proprio per dare vita a questa atmosfera che Morfeo è nato gradualmente.

Come e perché ti sei affidato alla Bastogi Editrice Italiana? Soddisfatto?
Mi sono affidato alla Bastogi perché ho avuto modo di testare la serietà e la professionalità dell’Editore e mi ritengo sufficientemente soddisfatto anche se …

Scrivere è…
Scrivere è come respirare, è come un raggio di sole che spazza via le nuvole che si annidano nel mio cuore. Scrivere è donare qualcosa senza chiedere nulla in cambio.

Vuoi dare qualche consiglio agli scrittori emergenti?
Mi sbilancio, l’unico consiglio che posso dare è quello di non mollare mai e non fermarsi davanti alla prima porta sbattuta in faccia, perché ce ne saranno tante altre. Bisogna saper tenere duro per portare avanti le proprie passioni. Scrivere, scrivere, scrivere. Ogni pensiero, ogni emozione, ogni sospiro della vostra anima.

Romanzi in dirittura d’arrivo?
Se tutto andrà per il meglio sarà presentato, così come ho già detto, in primavera.

Ok, grazie del tempo messo a nostra disposizione!

per gentile concessione di Simonetta De Bartolo
e Francesco Gitto


 

>>RECENSIONE A "MORFEO" a cura di Simonetta De Bartolo

 

inserito 24/05/07
VISITE: 8.179



Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali