Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Amore senza spazio
di Dario Fani
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 2
Media 65 %



Da quindici anni vivono insieme. Sposati con due belle bambine. Li incontro per caso. La macchina è grande, lunga, nera e affollata di buste colorate. Prima scende lui, poi lei. Un abbraccio e un bacio. Le bambine, loro non scendono: le saluto attraverso il vetro della macchina. Un saluto forzato che le distrae dal piccolo videogioco. È sabato, rientrano dal loro abituale giro al centro commerciale.

Lei ha una faccia stanca, sfibrata.
Lui l’espressione vinta, rassegnata.

Io sono arrivato fin lì per prendere un gelato, siamo di fronte alla migliore gelateria romana. Li invito a unirsi a me. Lei mi fissa con aria infastidita. Mi dice che non è l’ora per proporre un gelato. Ha ragione. Strattona lui, lo rimprovera: faremo tardi per la cena! Poi fissa le mie scarpe: una diversa dall’altra. Sbuffa: sei l’uomo più disorganizzato che abbia mai conosciuto! Ha, nuovamente, ragione. Ma vorrei spiegarle che abbiamo piedi diversi che hanno uguale diritto di abitare in identiche comodità. Rinuncio: dal modo in cui tira lui verso la strada capisco che non può esserci il tempo per un tale discorso. Lui però sembra non voler tornare nell’auto. Si aggrappa al mio braccio, così come ci si afferra a qualcosa per non precipitare. Mi dice che non dovevamo perderci di vista, dovremmo tornare a vederci più spesso; lei parla sopra le sue parole: fa capire che la macchina è in divieto di sosta, che le bambine sono rimaste sole, non è questo non il momento, abbiamo i telefoni. L’aria è scocciata.

Il secondo saluto è frettoloso, imposto. Senza baci. Già mentre attraversano la strada li vedo discutere fra loro. Le parole non le sento, ma posso immaginarle. Risalgono nella grande auto nera. Immagino che la discussione continui. L’automobile è di per sé uno spazio troppo angusto dove poter ritrovare un accordo. Le bambine si voltano, mi fissano. Le saluto agitando tutte e due le mani. Non mi rispondono. Rapidamente la macchina svanisce nel traffico delle altre vetture. Se non sarà nuovamente per via del caso, non credo che ci sarà modo di rivederli. Ma la scena ha lasciato un sapore amaro che neppure il buon gelato riesce a mitigare.

Così appena rientro in casa, tolgo le scarpe e decido di scrivere d’amore. Scrivere d’amore? Una follia, ma è fatta. E penso che devo farlo senza tradire troppo quelle che sono le mie reali competenze, sono uno che sa muoversi prevalentemente nella narrativa.

E allora?

Allora mi dico che è giusto partire da ciò che amo: il racconto.
Perché lo amo? non lo so.

Forse perché il mondo nel suo divenire mi pare non possa fare a meno di raccontare.
Non racconta magnifiche storie: un albero, un sentiero, un tramonto, una luna, un colpo di vento, una pietra, una foglia, un ruscello? Eccome! sono narratori capaci di rivelare grandi storie. Come tutti i narratori che non usano le parole. C’è solo da prendersi un po’ di tempo, il tempo necessario, e mettersi lì… ad ascoltare.
Ecco allora che se il mondo è un racconto – e lo è – amando il racconto forse mi illudo di poter amare un poco e meglio il mondo. Forse è per questo.

Ma non di questo, ero intenzionato a parlare. Non di me e del mio modo di amare.
L’idea folle era di parlare dell’amore più conosciuto e generale. Di quello che qualche sociologo avvezzo ai libri di Alberoni indicherebbe come il risultato di uno stato nascente di un movimento collettivo a due (l’innamoramento) felicemente portato a stabile maturazione: l’amore – appunto – fra due individui.
Inteso in tutte le sue possibili combinazioni sessuali. Senza dilungarmi sulle combinazioni. L’amore di coppia, a farla breve: senza stare troppo ad indagare su quale tipo di coppia. Perché se c’è l’amore, ogni tipologia – a mio modo di vedere – si equivale. Voglio insomma parlare di quello speciale affetto che unisce una persona con un’altra persona, in modo profondamente diverso da come normalmente l’affetto unisce fra loro le persone.
L’amore tout court.
Bene, ma cosa dire di questo amore che sia degno di attenzione e al tempo stesso pertinente alle mie competenze di narratore e soprattutto: che non sia già stato detto?

Difficile.
Una sola cosa mi viene. Lo spazio.

Partiamo da una certezza, la più ovvia di tutte: l'amore è dentro il mondo. Ma se è dentro il mondo, deve necessariamente essere anche parte del suo racconto.
E la parte di un racconto è racconto essa stessa. Ecco allora, se l’amore è racconto, deve sottostare almeno alle regole basilari d’ogni narrazione.
Caratteristica d’ogni narrazione è la necessità di spazio. Non c’è storia senza spazio.
Cos’altro è una storia, se non un vuoto che viene riempito? Una pagina bianca che viene scritta? un personaggio che va ad occupare mondi immaginati? una trasformazione, una metamorfosi che muove sviluppandosi da A fino a B?
Ora non voglio far diventare queste poche parole che dovevano essere sull’amore parole sulla narrazione, ma non posso fare a meno di dare seguito al mio ragionamento: sento che ha un suo perché.
Sempre più spesso vedo amori ingombranti, che si trascinano con fatica di anno in anno.
Questa idea mi aiuta a chiarire: quando la sovrapposizione è perfetta, quando ogni riga è stato scritta, quando ogni angolo del foglio è stato riempito, quando il personaggio ha realizzato tutte e dodici le sue fatiche, non c’è più possibilità per nessuna forma di racconto. Quanto tutto è compiuto è terminato anche lo spazio. Ed è vero il contrario. Quando non c’è più spazio: tutto è compiuto. Vale per ogni racconto. Bene, allora deve valere anche per l'amore. Quando ci appiccichiamo, quando colmiamo per intero la distanza, quando ci sovrapponiamo. Quando non siamo semplicemente vicini – intimi – ma attaccati uno all’altro, quando non esiste più uno spazio seppur minimo per il movimento, allora non esiste più alcuna possibilità di relazione.

Manca il tempo per lo stupore.
Tutto diviene fermo. Inalterabile. Già raccontato.
Ecco, all’amore evidentemente questo duole.
Come al racconto.

E duole anche a me. Perché molta, troppa gente vedo appiccicata, soffocata dentro una relazione che non può più essere tale, perché privata di qualunque distanza. Abitata in ogni sua minima parte.
Soffocata e soffocante.
Gaber direbbe: obesa.

Una relazione che ha straripato oltre il suo corpo, oltre il suo spazio. Una relazione che non ha più possibilità di dialogare, perché non ha più un luogo seppur piccolo dove posare parole nuove.

Una relazione che i proprietari ancora si sforzano di chiamare amore, ma non lo è più. Perché l’amore è racconto. E il racconto vive nella continuità di un cambiamento. Nella possibilità di un nuovo inatteso stupore.

Il racconto può esistere solo nell’occasione meravigliosa che offre un rigo che tiene viva ancora la sua parte di bianco.

Non c’è tempo per lo stupore senza uno spazio.
E dove non c’è spazio, non c’è più amore.

Un bravo narratore lo sa: è il momento di scrivere a quel racconto la parola fine.

© Dario Fani



Recensioni ed articoli relativi a Dario Fani

Nessun record trovato

Testi di Dario Fani pubblicati su Progetto Babele

(1) Amore senza spazio di Dario Fani - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2011-04-15
VISITE: 78


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.