Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [05/12/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Dieci
di Andrej Longo
Pubblicato su SITO


Anno 2007- Adelphi
Prezzo € 15- 144pp.
ISBN 9788845922275

Una recensione di Mauro Gerardo Minervini
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9925
Media 79.11%



 Dieci

Conosciamo le piccole sfere di vetro con dentro l'ambizione di una città: un piazza, uno scorcio noto, panorami. Magari la neve, se le capovolgi.

Napoli delle dieci vite scritte da Andrej Longo non è così: sembra tenuta insieme dalla calotta di vetro di parole-cose, un dialetto reso bastardo dalle voci straniere e tecnologiche con gli accenti sbagliati, dai testi improbabili dei cantanti neomelodici, dal colore scuro degli istinti, che affiorano se si parla obliquo nelle allusioni, se si sparano in faccia gli insulti. Ma qui ci sono fatti da vicolo, da quartiere dormitorio, da giro del mondo in punto solo (come per il ragazzo ingaggiato per l'Afganisthan e schiacciato sotto casa; per la  moglie del  pizzaiolo pendolare, lei che vive solo il martedì): le dieci storie trasformano il vetro souvenir  in cristallo, dove le facce tagliano in pezzi le rifrazioni.  Queste vanno da sole per i loro 'tagli' dimensionati,  ma nello stesso momento si sovrappongono, diventano 'uno' e si deformano reciprocamente, diventano profezie del futuro, di come si scompare. Dire fatto - nei dialetti del Sud - è solo in parte nominare qualcosa di accaduto: vuol dire spiare come si legano le persone e le cose, un fatto trova  un senso solo perché  è finito  -compiuto –  nelle parole. É  dare i nomi  alle cose – come fa Adamo il primo giorno - in un racconto, il tentativo di un ordine di superficie, suggerito per non impazzire davanti alla vertigine di una ripetizione più feroce, una danza non detta da parole (Longo lo dice in un refrain da discoteca: “Nun parlà che parl'a fà?/Tu 'a penzà sul' a ballà./Allora abballa e nun penzà,/abballa senz' 'e te fermà. ), che non costruiamo, che all'inizio non ci viene rivelata, ma è nostra.

I dieci fatti accennano un intreccio dalle figure infinite, quando la carne, la morte, il diavolo ci fanno diventare noi.

L'impazienza del desiderio, la fame di vita, l'amore del figlio per la madre  e la protezione del padre per il figlio (questi amori  nati fragili con attese infinite, disperati sempre), il bisogno insieme alla bulimia delle cose, gli sweet dreams di cose di casa e l'incesto quotidiano: sono storie presentate  'da sole', ognuna come un centro, sfaccio del cristallo. Ma questa declinazione della carne - di come siamo deboli e, proprio per questo, deliriamo la forza (in una pistola, nello sguardo da 'guappo', negli stivaletti rosa col tacco dodici)- eccita e fallisce nelle nostre storie. Napoli è solo dove è più facile aspettare di morire: perché qui le vite si addensano, fino a schiacciarsi in uno spazio chiuso, senza un domani che non sia, talvolta, finire una giornata da visitor, la cavia degli spacciatori. Non è più facile solo perché si spara: la morte, qui, è il brulicare della carne che vuole vivere ad ogni costo, fino a mordersi a sangue. Diventa il disfarsi nelle chiese delle immagini barocche dei santi, che una ragazza in stivaletti rosa riconosce simili ai tossici sotto casa.

La consuetudine con la violenza, procurare la morte come un fatto, sembra promettere tutto 'nonostante tutto',  sembra offrire il potere sulle cose e trasformare gli altri - quella durezza che non sai attraversare per prendere, che ti fa dolere il cuore troppo vicino a loro -in altre cose da spostare via. Poi dice  'nonostante te': anche quando non hai scelto la sua promessa, già prima che passi per caso su una linea di tiro o ti scippino la pensione, ti pesa sul cuore. Non ti servirà sperare, per salvarlo, tuo figlio come Maradona: il diavolo divide, la morte è solo il suo bisturi.

La Napoli di Longo non è una struttura chimico-fisica amorfa, come il vetro: assomiglia ad un cristallo anche perché 'diavolo'(la parola opposta a 'simbolo'-δια-  βαλλω, 'separo'- che invece significa 'ciò che tiene insieme') qui è  nelle linee di differenza che non decifriamo, è la regola della danza immobile, della 'distribuzione spaziale ordinata delle particelle'. La carne e il desiderio che divorano se stesse hanno la metodica dell'ordine, cercano  l'apparenza della durata  anche dove le loro piccole  parti non trovano senso, ma  in nome dell'insieme. È un ordine vivo, non solo materiale. Dicono i manuali: “l'ordine cristallino si rileva analogamente in polimeri sintetici e nei virus...”.

Ma gli umani si agitano e sperano, fissano lo sguardo verso un cielo di piombo - anche quando è azzurro sul Vomero – in cerca delle forze costanti nella regolarità irregolare, nella loro danza 'cristallina': il libro di Longo si chiama Dieci perché il titolo di ciascuna delle dieci storie corrisponde ad uno dei dieci Comandamenti della tradizione ebraico-cristiana. Gli accostamenti tra  una storia e la 'sua' prescrizione biblica sono paradossali, precipitano sulla terra – sporcandola di fango e presente – la voce del santo: come quando il dio unico e geloso diventa il 'sistema', un altro modo cristallino per dire camorra. Qui i paradossi del comando biblico (messo di fronte alla vita quotidiana di un tempo non suo) non mostrano, come invece nel 'Decalogo' cinematografico di Krysztof Kieslowski, l'enigma nella rivelazione, i caratteri non espliciti di un comando che, invece di essere tale, è un destino. Dice solo che  il bisturi del diavolo rende inutile un'etica che dica cosa fare: a Napoli, nel 2000, le due rigidità – il destino della carne mortale e tirannica contro il dovere- si intricano quasi ironicamente, deluse l'una dall'altra, fallite nei desideri sconfitti per colpa del desiderio, nel dovere abortito perché il cielo pesa, ma non si vede.

Rimane vivo solo chi è capace di amare in un colpo solo, mettendo tutta la vita in un'attesa (il martedì del pizzaiolo) o  giocandosi la vita assennata  in un sabato sera, oppure sfidando i killers con un giro di giostra per il figlio. Chi guarda una vittima possibile senza credere “...che piano piano stava diventando un animale, come a quei cani che tengono la pancia aperta, stanno morendo e non si decidono.” A volte i cristalli si infrangono.


Una recensione di Mauro Gerardo Minervini



Recensioni ed articoli relativi a Andrej Longo

(0) Dieci di Andrej Longo - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Mauro Gerardo Minervini

Nessun record trovato

Altre recensioni di Mauro Gerardo Minervini

(1) Le anime grigie di Philippe Claudel - RECENSIONE



Altre recensioni:







-

dal 2008-10-14
VISITE: 17963


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali