Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/07/2024] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Adam Smith: pensiero ed opere
di Emanuela Ferrari
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10111
Media 80%



Adam Smith: pensiero ed opere

Adam Smith nasce nella contea di Fife, nel borgo di Kirkcaldy in Scozia. L'anno di nascita è il 1723 ma non si conosce il giorno preciso; l'unica data certa è quella del suo battesimo: il 5 giugno. Trascorre la sua infanzia senza il padre, morto il 25 gennaio 1723. Nella sua vita rimane molto legato alla madre, Margaret Douglas, che lo segue ovunque, anche nella dimora di Edimburgo.
Questo forte affetto è motivato anche dalla salute cagionevole del giovane studioso che, sin da piccolo, vive quasi in solitudine per l'impossibilità di praticare attività fisiche con i compagni. Frequenta la scuola della sua contea e, all'età di quattordici anni, studia all'Università di Glasgow. Ha la fortuna di conoscere il maestro Francis Hutcheson.
Nel 1740 si sposta ad Oxford per la vincita di una borsa di studio al Balliol College, ma l'atmosfera di questo luogo non è appropriata per un giovane aperto anche a nuove "vedute". Il corpo docente è molto severo e poco incline a far conoscere delle letture "diverse", come quelle appena pubblicate da David Hume. Smith viene sorpreso a leggere il Trattato sulla natura umana di Hume; ne rimane tanto affascinato da iniziare a dubitare della sua fede. Il testo viene sequestrato dagli insegnanti e Smith è rimproverato duramente. Questo evento induce lo stesso ad abbandonare Oxford dopo sei anni di formazione alla cultura presbiteriana. Non consegue il titolo per accedere alla carriera ecclesiastica nella Chiesa scozzese, quindi ritorna a Kirkcaldy senza aver completato un percorso che non lo interessa più.
Nel 1746 la crisi di fede in Smith è oramai un dato di fatto. Forse, proprio il suo avvicinamento alle opere, e poi la conoscenza diretta dello scettico Hume, lo portano a prendere una decisione definitiva: abbandonare ogni progetto legato all'attività ecclesiastica per dei sentimenti religiosi che non "sente" più suoi.
La prima opportunità di lavoro proviene da Lord Kames, il quale richiede al giovane scozzese di tenere delle lezioni pubbliche, ad Edimburgo, su vari argomenti: diritto, economia, filosofia, ecc. Queste verranno ripetute regolarmente, dal 1748 al 1751. Grazie al successo conseguito, l'Università di Glasgow lo chiama per l'insegnamento di logica e l'anno seguente, nel 1752, succede alla cattedra di filosofia morale, tenuta fino a quel momento dal celebre maestro Hutcheson.
Sin dall'inizio Smith si dimostra un insegnante coscienzioso e legato al suo lavoro ma, nel 1764, abbandona la carriera accademica per diventare tutore del giovane Duca di Buccleuch. I due viaggiano per il continente; visitano Tolosa, Ginevra, Parigi... Frequentano numerosi circoli culturali e conoscono persone di notevole spessore culturale tra cui: Voltaire e i fisiocratici.
Nel 1767, alla morte improvvisa del giovane Duca, Smith ritorna a Kirkcaldy continuando a ricevere un cospicuo vitalizio per l'impegno legato all'attività di tutore. In questo periodo fino al 1773 si concentra sulla redazione del libro che lo avrebbe reso famoso: La ricchezza delle nazioni, pubblicato poi dopo tre anni a Londra.
Nel 1778 ottiene il posto di Commissioner of Customs for Scotland, così decide di spostarsi a Edimburgo, dove lo segue anche la madre oramai anziana.
Un ultimo riconoscimento alla sua carriera avviene nel 1787 per la nomina di Rettore all'Università di Glasgow. Muore nel luglio del 1790, ma la sua fama è pervenuta fino ai nostri giorni.
La notorietà di Adam Smith si ricollega alla pubblicazione dell'opera intitolata: La ricchezza delle nazioni; l'autore conquista l'appellativo di fautore della teoria economica liberale ma, prima di essere un cultore della disciplina economica, Smith è fondamentalmente un filosofo morale. Infatti, la prima opera che questi presenta al pubblico risale al 1759: La teoria dei sentimenti morali. E' scritta durante la sua attività accademica in qualità di docente di logica per un anno, poi nel 1752 come professore di filosofia morale.
Questa disciplina, al tempo, era articolata in quattro aree: teologia naturale, etica, giurisprudenza, istituzioni politiche ed economiche. Per la prima parte dell'insegnamento Smith faceva riferimento ai contenuti della cultura presbiteriana acquisiti nella sua esperienza inglese di studente; più precisamente ai valori propri della dottrina calvinista scozzese. Riguardo all'etica e all'economia, egli era solito introdurre anche argomentazioni legate a riflessioni personali; in particolare, molte considerazioni derivavano dalla partecipazione ad incontri e associazioni culturali frequentate da uomini di fama e, soprattutto, da commercianti.
Si fa presente che l'età storica in cui vive lo studioso è quella dell'Illuminismo che, in area scozzese, prende appunto la denominazione di Rinascimento scozzese, quale "momento" intellettuale-culturale di risveglio per questo territorio a nord dell'Inghilterra che aveva vissuto un lungo periodo di abbandono e isolamento per una serie di motivi.
La ripresa, in senso politico, economico e culturale della zona da Glasgow ad Edimburgo, è rintracciabile in un evento storico preciso: il Treaty of Union nel 1707, che va a consolidare, definitivamente, un precedente avvenimento: l'Unione delle Corone, avvenuta nel 1603. Giacomo IV di Scozia riunisce, nella sua persona, la corona di Scozia e quella di Inghilterra e prende il nome di Giacomo I di Bretagna. Il trattato del secolo successivo consolida l'unificazione territoriale con l'unione dei due parlamenti.
Per quanto riguarda l'etica Smith decide, dopo la pubblicazione della Teoria dei sentimenti morali, di ridurre le lezioni dedicate a questa disciplina poiché appunto i riferimenti sono presenti nel suo testo.
Riguardo alla giurisprudenza e alle istituzioni politiche questi attinge alle letture pubbliche, tenute in gioventù ad Edimburgo con il sostegno di Lord Kames. La sua attenzione maggiore è rivolta all'economia considerando i cambiamenti, anche urbanistici, che si stavano verificando sul territorio scozzese. Da attento osservatore, li appunta per riportarli nell'opera economica adottando una tecnica espositiva raffinata: applicare il metodo analitico in sinergia con quello deduttivo e newtoniano.
La studio della figura di Adam Smith però merita qualche altro riferimento. Infatti tale personaggio non verrebbe compreso nella sua interezza, e complessità, se non venissero menzionate anche le sue opere giovanili: i Saggi filosofici, le Letture sulla giurisprudenza, le Letture sulla retorica e belle lettere. Ogni suo scritto faceva parte di un piano volto ad evidenziare tutti i settori in cui la conoscenza umana si manifesta; si tratta di una conoscenza appunto intesa come fonte di civiltà e progresso continuo.
Nell'Illuminismo, di fatto, l'idea di progresso diventa la chiave interpretativa del livello di civiltà raggiunto dall'uomo, i cui comportamenti si ripetono nel tempo e nello spazio, come una costante. In tal senso l'agire dell'individuo può essere studiato usando le leggi proprie della fisica, cioè i principi e le semplici leggi che Newton ha riconosciuto nella sua scienza sperimentale, o meglio definita philosophia naturalis.
Da qui si comprende che in Smith è presente, come nella scuola dei moralisti scozzesi, una filosofia antropocentrica dove l'uomo è posto a fondamento della riflessione etica, anche se non mancano riferimenti alla trascendenza legati ad una visione protestante di matrice calvinista.

A cura di Emanuela Ferrari



Recensioni ed articoli relativi a Adam Smith

(0) Adam Smith: pensiero ed opere a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(1) L'ozio: tra antichità e contemporaneità... a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(2) Adam Smith: un problema di interpretazione a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO

Recensioni ed articoli relativi a liberismo economico

(0) Adam Smith: un problema di interpretazione a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO

Recensioni ed articoli relativi a Emanuela Ferrari

Nessun record trovato

Testi di Emanuela Ferrari pubblicati su Progetto Babele

(1) Il generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia di Massimo Coltrinari - RECENSIONE
(2) Liberarsi dai condizionamenti di Krishnamurti - RECENSIONE
(3) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(4) L'erede del templare di Jan Guillou - RECENSIONE
(5) Nuovi segni dei tempi di Camillo Ruini - RECENSIONE
(6) La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano - RECENSIONE
(7) Adam Smith: pensiero ed opere a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(8) L'ozio: tra antichità e contemporaneità... a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(9) Adam Smith: un problema di interpretazione a cura di Emanuela Ferrari - ARTICOLO
(10) Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale. di Giuseppe Talamo - RECENSIONE


>>ARCHIVIO ARTICOLI

> >>Inserimenti precedenti al 2007
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB







-

dal 2010-04-22
VISITE: 29.086


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali